M4, PGT di Milano, PUMS e Buccinasco: confusione (casuale?)

Il sindaco è uscito con un comunicato, nel quale indica speranze concrete, dichiara di attivarsi per una concreta attivazione della fermata M4 a Buccinasco. Cita progetti e tracciati che non trovano riscontri, mentre dalle carte risulta altro. Il che genera confusione; anziché chiarire fa nascere perplessità. I documenti di riferimento non sono banali: PUMS e PGT di Milano, proveremo a esaminarli, in ordine temporale.

Febbraio 2015 PUMS: abbiamo al riguardo la pianta che prevede l’ipotesi della stazione al RONCHETTO, al confine, entro Milano (VEDI). Maggio 2015. L’intervento della giunta che sostiene al PUMS l’ipotesi (VEDI), dichiarandosi disponibile nel realizzare parcheggio e deposito mezzi TPL: stravolge il PGT da loro approvato cancellando gli orti di via Alpini, senza neppure aver informato i Cittadini.

PUMS definitivo – pagina 93 (VEDI): si sostiene (uno) l’ipotesi del prolungamento al confine fra Milano, Corsico e Buccinasco ma poi (due) si indica come prioritario il prolungamento di M4 a Corsico. Non è proprio la stessa cosa!  Non corrisponde alla pianta, non è chiaro l’indirizzo che il PUMS intende dare. Lascia spazi d’interpretazione che possono generare sorprese impreviste. Veniamo poi a quanto il PGT di Milano prevede in materia (in data successiva).

Ottobre 2015 Documento di piano del PGT (VEDI ampliare molto la piantina mettendo a fuoco il tratto Ronchetto, seguendo il tracciato in punti rossi). Il documento è stato allegato nel comunicato del sindaco; non esaminato analiticamente data la scarsa leggibilità del formato pdf. Un successivo controllo più attento fa emergere un progetto di percorso di M4 a Sud del naviglio, parallelo alla FS Milano-Mortara, che si individua nei suoi contenuti con uno zoom. Di questo progetto diamo quanto siamo riusciti a leggere:

UNO non vi è fermata a RONCHETTO, quella indicata nel PUMS

DUE viene indicata una fermata CORSICO EST a Buccinasco via Garibaldi ang via Petrarca (per intenderci ove si svolge il mercato del Venerdì)

TRE fermata successiva CORSICO CENTRO incrocio fra le strade Galilei/Resistenza con Foscolo (al cimitero di Corsico)

QUATTRO  fermata ulteriore CORSICO OVEST incrocio Vittorio Veneto con piazza Europa

CINQUE  il tratto prosegue diritto tracciato nella direzione di Trezzano, si ferma in aperta campagna. Non c’è l’indicazione di un terminale.

Questo documento è sorprendente per diversi motivi che andiamo a richiamare: come mai il sindaco non spiega l’eliminazione della fermata Ronchetto? Perché non illustra del suo spostamento nell’area del mercato di Venerdì (sul quale insiste il permesso a costruire “Pasin”)? In base a quali elementi il percorso tracciato in direzione Trezzano lui afferma essere dirottato a Cesano Boscone?

Ancora: del PGT di Milano che reca questa indicazione che riguarda Buccinasco, il sindaco è stato sentito prima che venisse tracciato? Ha espresso le sue valutazioni? E’ frutto di una sua valutazione lo spostamento della fermata (che il PUMS indica a Ronchetto)? Su tutti questi aspetti non ha ritenuto di dare alcuna informazione, a suo tempo, alla cittadinanza e al Consiglio?  Perché nel comunicato non ne parla?

Non ritiene al riguardo di dover coinvolgere con urgenza il Consiglio perché possa dibattere ed esprimere le sue valutazioni? Perché l’assessore Arboit nel riprendere la questione sul sito del PD, non ne fa cenno?

Non sarà sfuggito ai lettori l’effetto della, finora ignota, fermata Petrarca/Garibaldi… di cui nulla dice il sindaco e la coincidente (ah le coincidenze…) emanazione del permesso a costruire su quest’area, con la ricaduta economica sui terreni in questione. Faccenduola che i nostri lettori ben conoscono nei suoi risvolti.

Si può pensare  che questa modifica al PUMS inserita nel documento di piano del  PGT di Milano, sia avvenuta senza che a Buccinasco nessuno ne fosse informato?  Non sembra possibile, vero? Chi può avere a Milano una audience così autorevole da poter suggerire la “variante” con i trattini rossi sulla piantina, con il cerchietto a indicare le stazioni, di cui nessuno ha prima parlato?

NORMATIVE DI CONTRASTO AL RICICLAGGIO

AVVISI A CHI DI DOVERE PER DISPORRE

LE VERIFICHE DEL CASO

TRASPARENZA!   TRASPARENZA!  TRASPARENZA!

Tag: ,

  1. #1 scritto da Andrea D. il 1 giugno 2016 10:50

    Il progetto, in realtà, è ben lungi dall’essere definito.

    Sembra azzardato lanciarsi in pericolose “speculazioni” realizzando parcheggi e depositi (cementificando tanto verde, ma che importa, gli slogan vanno bene solo per la campagna elettorale, poi si fa il contrario come con Vignate).

    Se poi la MM dovesse proseguire il proprio percorso, probabile (anche se ad oggi non c’è nulla di definito), tali strutture rischiano di diventare cattedrali nel deserto.

    A meno che il preciso intento non sia quello di favorire il “partito del mattone” dando il la all’urbanizzazione di tutta la zona. No consumo di suolo un piffero,
    questi sembrano degli asfaltatori della peggior categoria.

    RE Q
  2. #2 scritto da Roberto il 1 giugno 2016 12:27

    http://www.sosteniamobuccinasco.it/buccinasco-un-cimitero-parco-come-nei-paesi-nordici

    Che ci fosse un progetto della MM4 il cui prolungamento passasse da via Garibaldi a Buccinasco lo sapevano tutti da parecchi anni…..e si ipotizzava la fermata CORSICO/BUCCINASCO nei pressi del parco di fronte alla RENAULT di Buccinasco….!!

    Chi ha fatto politica a Buccinasco si è opposto al Deposito
    nei pressi della uscita della tangenziale di Trezzano sul Naviglio e quindi
    Milano ha deciso per conto suo e lo ha fatto a Ronchetto…..!!

    Contenti i cittadini di Buccinasco ???

    Qualcuno ci ha guadagnato…e qualcuno no da tale scelta…..!!

    Cosa dice alessandro

    RE Q
  3. #3 scritto da Città Ideale il 1 giugno 2016 13:55

    Se con il mattone si intende il residenziale, questi sono cementificatori sistematici,

    senza criteri urbanistici, fra case, condomini e capannoni; tutto in mucchio…
    la cifra di Buccinasco rischia di diventare modello di città macedonia, tutto insieme senz’ordine …
    senza logica…

    ancora un anno, ci ha detto qualcuno.
    Auguriamoci che non ne combinino altre e si fermino qui.

    buona giornata

    RE Q
  4. #4 scritto da Città Ideale il 1 giugno 2016 14:02

    RONCHETTO è una ipotesi del PUMS,

    come dice l’articolo, la scelta del PGT a Milano questa fermata l’ha abolita…
    (ma può Milano decidere in casa d’altri quando fa i lsuo PGT?…)

    quel che sembra evidente è che una manina ha messo mano al documento di piano del PGT di Milano,
    facendo in modo di regalare agli acquirenti della lottizzazione Pasin la fermata M4 sotto casa
    (o quanto mento lasciandoglielo intendere)

    per fortuna ne stiamo parlando, informando, facendo conosce cosa c’è in ballo,
    scoprendo ciò che il sindaco si dimentica di dire….
    (sarà stato lui, o qualcun altro, a far azionare la “manina” che ha tracciato la riga rossa, con i cerchietti delle fermate?)

    verremo a sapere, per ora la situazione, come dice Andrea, è magmatica…

    buona giornata Roberto

    RE Q
  5. #5 scritto da Alessandro La Spada il 2 giugno 2016 12:38

    Roberto : http://www.sosteniamobuccinasco.it/buccinasco-un-cimitero-parco-come-nei-paesi-nordici
    Chi ha fatto politica a Buccinasco si è opposto al Deposito nei pressi della uscita della tangenziale di Trezzano sul Naviglio e quindi Milano ha deciso per conto suo e lo ha fatto a Ronchetto…..!!

    Contenti i cittadini di Buccinasco ???

    Qualcuno ci ha guadagnato…e qualcuno no da tale scelta…..!!
    Cosa dice alessandro

    Che sono lusingato per l’importanza che attribuisci a Sosteniamo Buccinasco quasi dieci anni fa.

    Forse è vero, con il nostro poderoso 3% abbiamo intimorito Milano e l’Impregilo.
    Ti offrirò il caffè per averlo pensato.

    Rileggendo quel commento, ti confermo che è ancora valido:
    - Basta consumare territorio
    - Basta sprecare soldi pubblici
    - Viva le infrastrutture leggere
    - Viva i progetti efficienti

    Continuo a pensare che il prolungamento sensato della M4, con obiettivi di traffico importanti per togliere dalle strade (anche di Buccinasco) decine di migliaia di macchine, sia riutilizzare la ferrovia, consumando solo una frazione del tempo/denaro richiesto dalle altre ipotesi.

    Se qualcuno porterà argomenti convincenti, cambierò idea.

    La mia personale convenienza non è un argomento convincente:
    quello che mangio oggi consumando territorio e sprecando i “miei” soldi (soldi pubblici),
    lo pago domani come debito e minori opportunità.

    RE Q
  6. #6 scritto da Città Ideale il 2 giugno 2016 14:12

    Alessandro buona giornata,

    questa nostra amministrazione, riguardo ai soldi e allo spreco:
    > compie i cinque anni avendo speso 135 milioni di nostre tasse,
    senza un’opera un’opera degna di essere ricordata…
    > non ha compiuto manutenzioni se non in termini modesti e
    lascia strade e beni comunali mal messi, in carico alla prossima amministrazione,
    > nonostante ciò è riuscita nel miracolo di aprire due mutui da un milione ciascuno,
    che sempre la prossima amministrazione dovrà sistemare.

    Tuttavia il sindaco favoleggia di metterci sul gobbo
    almeno una quindicina di milioni per prolungare la m4,
    oltre a realizzare il deposito mezzi TPL e parcheggi in zona residenziale

    Se non è un miracolo questo, …..

    RE Q
  7. #7 scritto da Alessandro La Spada il 2 giugno 2016 15:43

    Città Ideale : oltre a realizzare il deposito mezzi TPL e parcheggi in zona residenziale

    Senza dimenticare che sulla stessa zona pende l’ingrandimento dell’Esselunga, già autorizzato dai nostri pro tempore nel PGT.

    RE Q
  8. #8 scritto da Roberto il 2 giugno 2016 16:01

    Alessandrò io non ho pensato quello che tu mi attribuisci….
    io ho solo detto che una certa sinistra buccinaschina intellettuale capeggiata da Paolo Caimi,
    non ne azzeccava una in tema di viabilita’ e trasporti…..
    tante’ che invece di avere il Deposito MM4 FUORI DAI PIEDI..A TREZZANO…ce lo abbiamo sotto casa nostra e quindi
    adesso per forza di cose e’ meglio sfruttarlo subito come fermata MM4 per noi di Buccinasco….
    e invece no…
    Paolo Caimi e’ contrario anche ad avere un parcheggio in Buccinasco…..
    che serva a tutti e vorrei capire se tu sei in sintonia con me o con lui….!!

    P.S. non sei credibile quando dici basta al consumo di territorio…..
    dovevi comperare casa da un’altra parte…..
    allora, forse, potevo crederti ….

    RE Q
  9. #9 scritto da Città Ideale il 2 giugno 2016 16:15

    I referenti tecnici di Città Ideale sono portati a considerare quanto emerge dal Documento di Piano di Milano

    una aggiunta poco meno che fantasiosa,
    di improbabile considerazione pratica
    lontanissima dagli aspetti pratici ed economici che l’ipotesi prospettata possa essere
    seriamente considerata.

    una sorta di favore fatto a qualcuno, che non avrà effetti pratici.

    Noi Cittadini comunque cerchiamo di essere e rimanere all’erta…
    Qualche altra manina in futuro potrebbe dare un senso meno precario,
    alle spalle dei cittadini, inconsapevoli…

    buona festa della Repubblica, Alessandro

    RE Q
  10. #10 scritto da Alessandro La Spada il 2 giugno 2016 17:17

    Roberto : P.S. non sei credibile quando dici basta al consumo di territorio…..
    dovevi comperare casa da un’altra parte…..
    allora, forse, potevo crederti ….

    ?

    Il condominio in cui vivo è sviluppato in altezza, la distanza tra gli edifici che lo compongono è stata ridotta, e lo spazio riservato al giardino condominiale è stato utilizzato per i box.

    Risultato, 150 famiglie nello spazio di qualche decina di villette come la tua.

    Non l’ho scelto per questo, ma se mi ci fai pensare, merita una medaglia per il risparmio di territorio.

    RE Q
  11. #11 scritto da Roberto il 3 giugno 2016 14:34

    Io non possiedo nessuna villetta a Buccinasco….come al solito prendi un abbaglio…

    ha fatto tutto mio padre….che non e’ contrario al consumo di suolo…..!!

    Il tuo condominio doveva avere almeno due piani in meno…ma poi….”a gran richiesta”

    ci hanno fatto dei piani in più con persone che hanno rinunciato all’acquisto
    e qualcuno pure alla caparra …..

    e qualcun’altro invece ben felice di comperare…..!!!

    La medaglia per il risparmio di territorio potevano darla a chi bocciata un simile progetto….
    n unicum a Buccinasco in quei tempi…..
    solo Cereda e’ riuscito a fare peggio…
    in via Dei Mille…..

    un fallimento in tutti i sensi….
    pero’ riqualificazione una ex fabbrica…..

    quindi una cosa diversa che consumare nuovo suolo….

    RE Q
  12. #12 scritto da Città Ideale il 3 giugno 2016 14:54

    Buon giorno Roberto,

    Dimostri una memoria consistente riguardo alla Buccinasco degli ultimi trent’anni (almeno)
    Una descrizione come quella che qui esponi, tu la capisci benissimo (con te tutti coloro che hanno vissuto il periodo o la vicenda)
    Altri, e temo che fra i lettori siano i più, non riescono a decodificare bene,
    finisce che la cosa assume carattere personale,
    mentre sarebbe più utile una ricostruzione più ampia e completa.

    Ad esempio, quale è la realizzazione in via dei Mille nella quale Cereda ha “fatto peggio”?
    (forse l’angolo con don Minzoni?)

    Grazie comunque e buona giornata

    RE Q
  13. #13 scritto da Alessandro La Spada il 3 giugno 2016 15:45

    Saccavini : Altri, e temo che fra i lettori siano i più, non riescono a decodificare bene, finisce che la cosa assume carattere personale, mentre sarebbe più utile una ricostruzione più ampia e completa.

    Più che personale, secondo me diventa inutile.

    L’argomento è (era) la M4,
    se dobbiamo perdere tempo su sciocchezze come Paolo Caimi capo della sinistra o le colpe del mio condominio,
    credo che abbiamo tutti del lavoro da fare.

    RE Q
  14. #14 scritto da Dezio il 5 giugno 2016 08:45

    Dai precedenti post emerge quanto possano essere differenti le opinioni circa il significato di cementificazione, ecosostenibilitá ed anche gusto estetico.

    Rimane il fatto che portare servizi comporta anche creare infrastrutture spesso in cemento.

    Se a questo si preferisce avere inquinamento da traffico veicolare significa che il concetto di impatto ambientale è fortemente soggettivo

    RE Q
  15. #15 scritto da Roberto il 5 giugno 2016 15:15

    Alessandrò. ..quello che volevo intendere io era che e’ facile predicare contro il consumo di nuovo suolo anche per il Deposito MM4
    …ma se questo comporta che verra’ fatta una fermata MM4 nei pressi del Deposito…
    chi vi abita vicino vedra’ il valore del proprio immobile lievitare verso l’alto di almeno 1000 euro al metro quadro
    in futuro per chi vorra’ vendere…..
    e quindi e’ facile pontificare contro il consumo di nuovo suolo…..

    ma poi un bel vantaggio economico lo si ha comunque per chi abita in zona è quindi certi discorsi sono quantomeno poco credibili….fine.

    Se poi riuscirai a convincere i cittadini di Buccinasco ed i tuoi coinquilini che la ferrovia e’ meglio…..
    auguri…..!!!

    RE Q
  16. #16 scritto da Città Ideale il 5 giugno 2016 17:43

    Buona domenica Dezio,

    premesso che si sta discutendo di questione propria della Comunità,
    che quindi tutte le opinioni sono legittime,

    non bisogna cadere nell’indifferenza, nel relativismo per cui
    tutto ciò che è legittimo diritto di pensiero sia di per sé giusto.

    Sul traffico veicolare:
    è assente una analisi comparata delle diverse soluzioni,
    indispensabile per avere dati ragionevoli sugli effetti dell’una o dell’altre diverse opzioni.

    In mancanza di una analisi approfondita, ciò che ne esce
    sono osservazioni di primo impatto (che devono essere sottoposte a verifica)

    Eguale per quanto riguarda il cemento:
    non si tratta di un SI o NO, solo di un Si o NO
    ma anche di dove e come….
    Occupare alcuni ettari dell’area Garibaldi/Alpini con manufatti non residenziali, di impatto rilevante
    (compresa la prossimità del deposito M4)
    è giusto che generi riflessioni:
    Le soluzioni alternative devono essere ben studiate, perché
    si giunga ad una soluzione che la Comunità giudica praticabile approvandola.

    buona serata

    RE Q
  17. #17 scritto da Miserabile di Montecristo il 5 giugno 2016 23:23

    Sig. Dezio, il problema non sono le infrastrutture, ma il modo in cui vengono create.

    L’alternativa di cui si discute, o meglio di cui sarebbe stato bello poter discutere, riguarda il riuso,
    per quanto possibile,
    di strutture esistenti evitando la creazione di nuovi impianti con pressoché inutile consumo di suolo.

    Se poi ci si aggiunge un’ottica di medio/lungo periodo
    che guardi ai possibili sviluppi evitando di realizzare cattedrali nel deserto
    con spreco di denaro e di territorio,
    tanto meglio.

    RE Q
  18. #18 scritto da Alessandro La Spada il 6 giugno 2016 10:17

    Città Ideale :
    è assente una analisi comparata delle diverse soluzioni, indispensabile per avere dati ragionevoli sugli effetti dell’una o dell’altre diverse opzioni.
    In mancanza di una analisi approfondita, ciò che ne esce sono osservazioni di primo impatto (che devono essere sottoposte a verifica)

    Sono d’accordo, credo che uno studio urbanistico dimostrerebbe a mani basse che il costo/utente, il margine/utente e il beneficio sociale sono nettamente migliori servendo 120.000 persone in pochi anni, rispetto a servirne 30.000 e fermarsi.

    Lo studio andrebbe fatto a livello di Città Metropolitana, che possiede le risorse, la visibilità e una maggiore obiettività rispetto ai singoli Comuni.

    Magari questo studio esiste e io non lo conosco. Se però viene scartato il riuso per i motivi che abbiamo ipotizzato in questo sito (problemi con le FS, alimentazione dei treni), questa è solo la conferma che si cerca di ingigantire la commessa pubblica, nella miglior tradizione italiana.

    Roberto: i tuoi argomenti si basano sempre su un princìpio di egoismo che io non condivido, come è abbastanza chiaro. Comunque hai detto una cosa giusta, bisogna informare.

    Ai residenti vicino a Milano basta spiegare il vero piano dei pro tempore, l’enorme distesa di capannoni e parcheggi dalla Cascina Corio a via degli Alpini, per fare cambiare idea a molti. Ieri ne ho parlato con alcune persone. A loro, la M4 è stata venduta come una specie di fermata dell’autobus. La verità è diversa.

    Le case aumenteranno di valore senza bisogno di consumare territorio, visto che il capolinea della M4 sarà a 600 metri.

    Al contrario, affacciarsi ai balconi di un bel condominio come l’Altra Milano, e vedere una distesa di capannoni, parcheggi, autobus in manovra e quant’altro, sono abbastanza sicuro che avrà l’effetto opposto.

    Agli altri cittadini di Buccinasco, secondo me bisogna spiegare che i pro tempore chiederanno l’autorizzazione (il voto) per fare 27 milioni di debiti. Se ho capito bene le cifre riportate da Città Ideale: 12 milioni per il terreno di B+ e 15 per la cementificazione. Con la capacità gestionale che abbiamo potuto ammirare: la ‘ndrangheta seppellisce rifiuti e loro guardano.

    Quindi, la domanda è se si vuole trasformare Buccinasco in una piccola copia dell’Italia, con debito pari o superiore a tutte le entrate annuali, e lo pagheranno anche quelli che vivono dall’altra parte della città, oppure se è meglio restare esnza debiti, con la retta dell’asilo più bassa, l’IMU/TASI al minimo, e una navetta gratuita per prendere la M4 a San Cristoforo o al Ponte di Corsico (una delle possibili fermate sulla ferrovia).

    RE Q
  19. #19 scritto da Città Ideale il 6 giugno 2016 10:41

    Una riflessione pacata e ragionevole,
    Mentre i protempore, terminato l’effetto annuncio,
    sembra che meno ne parlino meglio è per loro…

    un grazie a Alessandro…

    RE Q
  20. #20 scritto da Città Ideale il 6 giugno 2016 11:56

    Le ricerche online portano al sito metro4milano, nel quale è pubblicata una recente presentazione:

    http://www.metro4milano.it/attachments/article/328/16_03_23_Presentazione%20Commissione%20consiliare_def_web.pdf

    Nel sito, costantemente aggiornato, in nessun punto si ipotizza o si parla di un prolungamento verso Buccinasco.. purtroppo per il sindaco.

    Interessante andare a verificare la pagina 56 (di 57).
    Il deposito viene delineato con sufficiente esattezza; ingrandendo si può vedere un’asta a Sud (come descritto nel comunicato del sindaco) ma interna al deposito.
    Il “naso” di cui favella il sindaco è questo e non altro.
    Asta che finisce con due binari di testa; una trentina di metri prima di corso Garibaldi.
    L’impianto / cava per sabbie e altro è esterno al deposito.
    Esclusa in via definitiva una strada che dal cavalcavia Giordani vada in direzione Barona Famagosta.

    Forse di questa direttrice di uscita stradale dovrebbe preoccuparsi la nostra amministrazione, tuttora priva di un percorso diverso rispetto a Lodovico il Moro o la strada quartierare di via Martinelli.
    Su questa via dovranno verificarsi incidenti che coinvolgano bambini perché alla fine Milano si decida a individuare un’alternativa…

    RE Q
  21. #21 scritto da Fabrizio il 6 giugno 2016 13:30

    La cosa più incredibile, dovuta al vostro totale isolamento politico e sociale,
    sono le soluzioni fantascientifiche che ipotizzate basandovi su fatti non veri…
    ma va bene così

    RE Q
  22. #22 scritto da Città Ideale il 6 giugno 2016 19:38

    L’anonimo sifaperdire Fabrizio,
    come qualcuno che conosciamo anche troppo bene,
    quest’ultimo non anonimo ma vicesindaco,
    adotta un metodo da arena (con tanto di toreador):
    Se vi sono Cittadini che esprimono ipotesi
    (ribadiamo pure, nel totale oscuro ciarlare del sindaco e accoliti, come dimostrano i documenti esposti)

    Di queste ipotesi il sifaperdire ha timore,
    pensa che possano avere senso logico e magari convincere i cittadini.

    Allora come si esprime il sifaperdire?
    Spiega pacatamente dove vi sono errori,dove i documenti sono letti male?
    MANCO PER IDEA…

    Sostiene le ragioni di sue ipotesi risolutive?
    MANCO PER IDEA

    si limita ad affermare che le proposte sono fantascientifiche
    (ma sono 57 pagine di M4 risultato originale della commissione consiliare del 23 marzo 2016)

    e si sfoga per “l’isolamento politico” che avrebbe Città Ideale,
    come se il Cittadino che dice le cose giuste,
    non conta nulla perché si impegna a valutare sue ipotesi
    per il bene della Comunità.
    Senza pregiudizi ideologici,
    cercando soluzioni economiche e funzionali (non politiche!)
    Dirà le cose giuste ma…. “è isolato politicamente”….

    I Cittadini per bene come Alessandro, al sifaperdire (anonimo… oltretutto)
    fanno paura

    RE Q
  23. #23 scritto da Roberto DM il 6 giugno 2016 22:34

    Alessandro…”Le case aumenteranno di valore senza bisogno di consumare territorio, visto che il capolinea della M4 sarà a 600 metri.”

    A 600 metri da casa tua….aggiungo io….!!

    Il problema è come ci arriviamo facilmente e comodamente noi tutti di Buccinasco al capolinea a San Cristoforo…senza fare code…e per tutti intendo anche quelli che abitano al quartiere dei Musicisti o al villaggio Rovido….!!

    Attualmente nei progetti di Milano vi è un sovrappasso pedonale sul naviglio ed un sottopasso dall’altra parte del naviglio in corrispondenza dell’attuale stazione ferroviaria……una cosa a dir poco “cervellotica”….chi l’ha pensata deve essere un free climber…e poi c’è il Cavalcavia Giordani…che verrà impegnato anche da chi deve andare da Buccinasco verso la fermata MM BISCEGLIE…che non ha fatto lievitare i prezzi della case di Buccinasco.

    RE Q
  24. #24 scritto da Città Ideale il 6 giugno 2016 22:54

    Buona sera Roberto…

    sembra che la scoperta dei documenti reali di M4, quelli che la società rende pubblici, approvati dalle istituzioni di Milano,
    mandino in soffitta tutte le ventilate ipotesi che ci ha raccontato il sindaco.
    Probabilmente costui sarà stato a Milano nella sede MM spa,
    avrà fatto delle domande in modo da far intendere quali potevano essere le risposte che si attendeva..
    lo hanno accontentato….

    Tanto verba volant….. mentre i documenti scritti e firmati, ben più recenti autorevoli e indiscutibili di quelli che lui dice di aver ricevuto, dicono altro.

    Magari con gli anni, della questione trasporti, viabilità e collegamenti di Buccinasco con il capoluogo, si parlerà ancora.
    Forse verrà fuori qualcosa di nuovo, oggi non pensabile…

    Quel che è certo è ciò che dice e scrive il documento:

    http://www.metro4milano.it/attachments/article/328/16_03_23_Presentazione%20Commissione%20consiliare_def_web.pdf

    Ma questo documento al sindaco si sono dimenticati di consegnarlo….
    e lui …

    se ne è uscito sorridente come un pasqua convinto di aver ottenuto
    …. una bufala
    (oppure.. non è che magari se l’è inventata?)

    buona serata

    RE Q
  25. #25 scritto da Paolo Caimi il 13 giugno 2016 09:35

    Questo scambio è interessante non tanto per i contenuti, spesso surreali,
    quanto per la dimostrazione di come sia facile attivare la macchinetta del fango,
    del resto come si dice: chi semina vento raccoglie tempesta, qualche volta farcita.
    Meditate gente, meditate.
    Saluti.
    Paolo Caimi

    RE Q
  26. #26 scritto da Città Ideale il 13 giugno 2016 10:15

    Curiosa questa riflessione di Paolo caimi, dopo 15 giorni dall’uscita dell’articolo,
    nel quale vengo esaminati i prospetti pubblicati dalla stessa amministrazione.
    Ove in uno dei commenti più recenti si richiama un documento del consiglio Comunale e regionale di Milano,
    pubblicato sul sito ufficiale della società M4,
    nel quale si presenta la reale e concreta situazione al 23 marzo 2016:
    Si procede solo per il deposito e finita lì.

    Potremmo aggiungere un più recente, di questi giorni,
    intervento di Sala candidato sindaco,
    il quale su M4 si ripromette un allungamento….
    ma nella direzione di Paullo!

    Domanda dell’articolo che trova la sua coerente ragion d’essere:
    > quale funzione ha avuto questo insieme di comunicato e prospetti allegati…
    rispetto alla realtà che concretamente M4 oggi rappresenta?

    I lettori sicuramente avranno di che meditare…

    buona giornata

    RE Q
  27. #27 scritto da Paolo Caimi il 13 giugno 2016 11:04

    Sì anche sul fatto che l’ultimo post era del 6/6, quindi…
    Devo ammettere leggo tutto, ma impiego un po’ di tempo,
    ho anche altro da fare, io.
    Saluti.
    Paolo Caimi

    RE Q
  28. #28 scritto da Galileo Galilei il 13 giugno 2016 22:53

    Complimenti Caimi !

    In virtù della sua persistente arretratezza culturale,
    propria anche di tutti i “rossi”
    lei è riuscito a non farmi più confrontare nemmeno col bravo Saccavini !

    Evidenza canta che lei sia un uomo molto, molto rozzo …

    Mi rimane il liuto,
    sa, io son Galilei !!

    Buonasera !

    RE Q
  29. #29 scritto da Città Ideale il 13 giugno 2016 23:17

    Forse è bene che il nostro Galilei agisca facendo uso della sua immensa logica
    che aiuti a capire le differenze fra:
    > una presa di posizione preconcetta dal contenuto politico
    > una ricerca e una descrizione delle posizioni in campo (partendo da quelle del sindaco, approfondendole)

    Perché i cittadini possano avere le basi conoscitive reali che hanno di fronte.

    Questo sforzo, anche quando contenesse limiti o perfino errori,
    è sempre utile,
    per il suo invito a riflettere, a ragionare,
    per il contributo a meglio capire, a dotarsi delle conoscenze che permettono di decidere
    con cognizione di causa…
    PROVANDO E RIPROVANDO

    buona serata Galilei

    RE Q
  30. #30 scritto da manolete il 14 giugno 2016 10:09

    Galileo Galilei ma non ero io il “Baga..rozzo” di questo blog?
    Hai abiurato anche Saccavini? Noo!
    ABIURATORE!
    Uuomo di scienza teorico della legge del “Pendolo” “isocronismo” Lei è’ un po’ troppo oscillante per i nostri gusti.
    Gli rimane il liuto?
    Ebbene. Allora suonaci un madrigale distico a rima baciata, che è meglio
    Conpermesso

    RE Q
  31. #31 scritto da Città Ideale il 14 giugno 2016 10:48

    Se c’è qualcuno che dovrebbe esercitarsi in composizioni galanti
    magari accompagnate da un liuto
    (ma reputiamo difficile che riesca bene l’intonazione, dati i frequenti buchi nell’armonia di un discorso)

    chi può meritarsi la palma (il lauro) non può essere altri che
    il reverente manolete prono, sdraiato bocconi sul pavimento
    capo e viso che non osano rivolgersi all’adorato
    vicesindaco ….

    che lezione da un anonimo sifaperdire a una mente libera,
    insofferente alla piaggeria

    buona giornata

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth