Sorveglianza di Quartiere: un successo metropolitano, ma qualcosa è da superare

La riunione informativa e formativa della Sorveglianza di Quartiere si è svolta a Palazzo Pirelli Sabato; un incontro atteso da molti, iniziativa che ha meritato l’attenzione della società civile, di politici locali e Cittadini da diversi dei comuni del milanese. Città Ideale non ha potuto essere presente, ma da quanto rilevato   e ricevuto abbiamo avuto modo di farcene un’idea, che trasmettiamo a tutti.

Città Ideale ha fin da subito plaudito e incoraggiato l’iniziativa civica della sorveglianza attiva che, unita alla immediatezza della comunicazione in rete (WhatsApp), genera un circuito in tempo reale che rende diffusa la comunicazione di situazioni potenzialmente critiche. La prosecuzione dei contatti e il coordinamento di gruppo sono un aiuto prezioso per le forze dell’ordine. Situazione esemplare del fare Comunità.

L’interesse e il successo a Buccinasco viene da qui. Bravi i promotori e coordinatori a lavorare per il superamento   delle criticità iniziali di rodaggio; per aver superato la contrarietà della pubblica amministrazione, che ha fatto di tutto per intralciare lo sviluppo, perfino cercando di mettersi in concorrenza.

Tutto bene e questo bene è stato presentato in un incontro allargato, che ha visto l’interesse anche delle istituzioni deputate a contrasto e repressione della microcriminalità. Domande e risposte, interventi positivi e di chiarimento, utili per capire e per crescere, si sono accompagnati a giudizi critici sull’efficacia delle istituzioni, sull’inadeguatezza dei mezzi e delle dotazioni organiche.

In questo doppio binario si avverte un possibile limite delle iniziative Sorveglianza di Quartiere. Questa criticità potenziale, questo dualismo nella valutazione deve essere superato: una crisi dovuta alla crescita, che deve trovare la sua risposta positiva, per una crescita, uno sviluppo ulteriore. Quindi bene per il successo e impegno per una crescita equilibrata e di maggiore efficienza.

Non tocca alla Sorveglianza di Quartiere esprimere giudizi politici sulle scelte e sull’azione del governo, delle amministrazioni locali. Sorveglianza di Quartiere deve agire in stretta sintonia e collaborazione con tutte le strutture che formano l’apparato dell’ordine e sicurezza dello Stato.  Sorveglianza di Quartiere non ha e non può avere compiti politici di approvazione o critica verso gli apparati.

Apparati che non possono agire in collaborazione fruttuosa e proficua con organizzazioni che assumono sapore politico. La fondazione e lo sviluppo di SdQ a Buccinasco ha visto fra i promotori in maggioranza  persone che s’identificano entro M5S: nulla di negativo, anzi un titolo di merito per il Movimento. Poi però la Sorveglianza di Quartiere deve muoversi in modo autonomo e diverso da M5S; diversamente si rischia un corto circuito.

La crescita della SdQ può aversi in modo crescente e allargare la sua già cospicua sfera di consensi se  agisce per il suo scopo e qui approfondisce il suo ruolo con la sua condizione autonoma, senza tracce di potenziale cinghia di trasmissione.  In questo modo lo sviluppo della collaborazione con le forze dell’ordine a tutti i livelli può svilupparsi, così avviene in zone del Veneto dove queste organizzazioni si stanno radicando e crescendo.

M5S è movimento che Città Ideale vede con grande interesse, possiamo dire che siamo vicini. Proprio per questo, fraternamente,  quando vediamo condizioni di potenziale non condivisione, apertamente ne parliamo. La crescita di SdQ è legata alla sua autonomia. Senza nascondere origini e meriti che ci sono, devono riconoscersi, ma garantendo la sua distinzione, la sua autonomia.

Nulla di tragico, nulla di decisivo: la crescita impone sempre delle riflessioni e degli aggiustamenti  perché lo sviluppo sia organico e superi i gradini che ci vengono messi davanti. M5S e SdQ: due realtà cui vogliamo bene alle quali auspichiamo e incoraggiamo la capcità a raccogliere e superare  i problemi dell’impetuosa crescita: la società ne ha bisogno e facciamo in modo che si veda e si trovi in loro, ciascuna nel suo specifico,  chi meglio interpreta le esigenze dell’oggi.

Tag: ,

  1. #1 scritto da Saccavini il 6 marzo 2016 12:31

    una bella e positiva descrizione della giornata ci viene come al solito da Ilgiorno sudmilano, grazie a Francesca Santolini…
    http://www.ilgiorno.it/sud-milano/buccinasco-controllo-vicinato-1.1947839

    La valenza positiva, l’efficacia dello strumento SdQ si conferma.
    Facciamo crescere l’adesione dei Cittadini: si tratta di uno strumento di tutti e per tutti.

    buona domenica

    RE Q
  2. #2 scritto da Napoleone Buonaparte il 8 marzo 2016 05:47

    Una iniziativa interessante che permette a tutti di partecipare alla sorveglianza del ns territorio,
    dando un supporto importante alle forze dell’ordine,
    che,

    se usata seguendo le indicazioni dei promotori,
    permetterà una sinergia molto utile e molto proficua

    RE Q
  3. #3 scritto da Città Ideale il 8 marzo 2016 10:43

    La problematica che può emergere, sulla quale prestare attenzione per ottenere il pieno sviluppo dell’iniziativa, è l’esigenza di irrobustire l’organismo dotandolo di autonomia, di terzietà verso strutture che per loro natura sono di parte.
    Un problema che viene dalla crescita positiva, qui come in altre diverse iniziative promosse dalla società civile.
    Sviluppare e far decollare l’adesione da parte della Comunità, comporta un’aggregazione da tutti vista come specifica e autonoma.

    Le forze dell’ordine che sul territorio agiscono concretamente, devono vedere e percepire, sentire concretamente l’utile funzione della Sorveglianza di Quartiere nel contrasto alla piccola criminalità.
    Una società civile attiva e partecipe, che si rivolge e appoggia confidente alle istituzioni, lasciando perdere, mettendo da parte ogni residua velleità sostitutiva che potesse venire in mente.

    Il salto di qualità nelle meritorie Sorveglianze di Quartiere si avrà man mano che la visione autonoma e di integrazione diventerà un valore diffuso e condiviso dalle Comunità.

    Forze dell’ordine e società civile proseguono e devono camminare nella medesima direzione, per una Comunità più sicura.

    buona giornata Buona Parte

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth