Il troppo stroppia, anche a Buccinasco. Spese sempre utili?

Questa considerazione ci viene sollecitata da tempo. Tutti si saranno resi conto di un uso sempre più massiccio di sponsorizzazioni, contributi, supporti e altre utilità che la nostra Comunità sta erogando verso un insieme di iniziative dal contenuto in prevalenza ludico o sportivo. Quando si affrontano questioni sociali o culturali siamo a livelli da standard  pubblico/statalista, con un contenuto che lascia trasparire  l’occasione di impiego para-pubblico.

Ai primi di Gennaio il sito della nostra Comunità esce con l’elenco delle iniziative di Gennaio (VEDI).  Ventidue iniziative: che siano tutte dal contenuto culturale può anche darsi.  Forse dovrebbero avere un percorso che dia un segnale. Se poi il titolo è un programma: PRIMI EVENTI DI GENNAIO… a fine mese quanti saranno stati, forse il doppio?

La quantità e la qualità quasi mai vanno d’accordo. Un evento al giorno, sarebbero 360 l’anno… ce ne rendiamo conto? Le iniziative come vengono valutate? Oltre all’assessore interessato c’è un organismo associativo che partecipa alle decisioni? Quando è iniziato il mandato Maiorano era operante una organizzazione che coinvolgeva tutte le associazioni, con un organismo di coordinamento che si confrontava con l’allora Commissario.

Incontri con l’assessore, con pochi soldi da spendere (i soldi sono sempre pochi), ma decisioni discusse, proposte presentate e tanta voglia di fare. Una delle prime “operazioni politiche” è stata condizionare (e probabilmente smontare) la rappresentanza. Nessuna comunicazione è più stata rivolta ai Cittadini, ripresa su Buccinasco informazioni o sui blog (non è che forse ci sbagliamo?).

Vista la frequenza, visto un annuncio di un evento che si realizza a metà Febbraio, uscito ieri, con un protagonista che, un giorno si e l’altro pure, è destinatario di patrocini e soldini del comune. A proposito di ciò, domandiamo e facciamo chiedere ai Consiglieri quanto ci viene a costare questa frenesia di eventi.  Abbiamo proposto a Coalizione Civica una interrogazione che rendicontasse i numeri e i beneficiari, negli ultimi tre anni. Già un anno fa e… nessuna risposta. Sarà il caso di sollecitare.

Numeri con i risultati degli eventi (non autocertificati però); come invece è la prassi, quando richiedono. Una forma di verifica e controllo, con i nostri danari messi lì, dovremmo averla. Dovrebbe averla chi ci amministra. Dovrebbe farla conoscere ai Cittadini. Così non è, e ciò non va bene. Anche perché dal bilancio ufficiale non si riesce a costruire niente. In pratica, come ama questa amministrazione, le decisioni sono ad personam … senza criteri di valutazione sui risultati.

Non è premiato chi fa meglio ma chi è più “introdotto”. Il merito richiede la misurazione dei risultati, con critieri predfiniti di quantità e qualità. Fosse così, avremmo senz’altro il campione assoluto, date le delibere e determine di cui questa amministrazione si è occupata. Abbiamo quindi preso un nome, non a caso, ed abbiamo contato 47 (quarantasette) volte la presenza in corso di questa amministrazione.

Cinque nei sei mesi del 2012; quindici nel 2013; dieci nel 2014; ben diciassette nel 2015 (VEDI, per il lettore che voglia togliersi la curiosità). Dati derivati dall’Albo Pretorio; non conclusivi. Altri possono esserci, dipende dalle chiavi di ricerca.  Non si tratta di spese come lo spreco osceno nell’ATM o per i rifiuti, ma pur sempre importante è il modo positivo e corretto con cui gestire le risorse: anche con il soldo, man mano si fanno le 100mila euro….

Tag:

  1. #1 scritto da buccirinasco il 5 gennaio 2016 17:21

    E’ sempre lodevole un Comune che promuove numerose iniziative culturali, forse lo è meno in un periodo di ristrettezze economiche!

    Quando mancano i soldi sarebbe auspicabile che si investisse sulle priorità come la manutenzione delle scuole e sulla sicurezza, sui servizi ai cittadini.

    Invece si elargiscono patrocini con grande generosità a molte associazioni su territorio, soprattutto ad una (….).

    Nulla che non si sapesse, si foraggiano coi soldi dei contribuenti i soliti amici (o parenti?) del Sindaco e del suo burattinaio.

    Tutto regolare con cotanta Amministrazione trasparente.
    Saremo un comune fanalino di coda per tutti i servizi essenziali ma estremamente ….. colto!

    RE Q
  2. #2 scritto da Saccavini il 5 gennaio 2016 19:02

    Buona serata BucciRinasco,….

    con gli auguri reciproci che ora si ritorni alle abitudini alimentari ordinarie…. ci farà bene.
    Giusto che si arbitri tenendo conto delle priorità…. anche se la cultura resta comunque una priorità.

    ma se andiamo a leggere le “prime” occasioni culturali che il sito del Comune ci elenca, il filo logico di natura culturale proprio non si coglie; non sarà còlto!
    Ancor meno il risultato potrà definirsi quello di un paese più colto…..

    buona serata

    RE Q
  3. #3 scritto da Galileo Galilei il 5 gennaio 2016 21:56

    Buccirinasco,
    e secondo lei io mollo il cannocchiale
    per andare a vedere gli spettacolucci di quei dilettanti ?
    O frequento MilanoClassica, il Mahler, il DalVerme e le Liederiadi ?
    O ancora la Permanente e le più interessanti Gallerie private in MI ?

    Sono già vecchio …
    mi vede con quella barba bianca nel ritratto di Sustermans ?
    https://sites.google.com/site/galileoalliceoleonardo/_/rsrc/1326293519903/ritratto-di-galileo-galilei/Galileo%20Galilei.jpg?height=320&width=251

    Non basta guardare, occorre guardare con occhi che vogliono vedere, che credono in quello che vedono !

    RE Q
  4. #4 scritto da Saccavini il 5 gennaio 2016 22:16

    Gli occhi sono lo specchio dell’anima….
    (frase abusata che ha un suo significato statistico, non assoluta)

    ma anche lo strumento che rapporta tutto il mondo che ci sta intorno con il nostro pensare, catalogare, riflettere, collegare, rielaborare,…
    sono gli occhi che consentono di vedere le galassie, i buchi neri, gli esopianeti, il cromosoma, il globulo rosso, giù giù, sempre più giù fino alla traccia lasciata nell’acqua pesante dal bosone, dall’elettrone…

    un conto è guardare, l’altro è vedere (portare e classificare entro le nostre esperienze e conoscenze quanto visto, ciò che si vive)

    buona serata Galilei

    RE Q
  5. #5 scritto da Flavio T. il 5 gennaio 2016 22:38

    Buon Anno ai lettori e a lei, Luigi !

    Manco da parecchi mesi dalle ns conversazioni,
    ma che gioia vedere i suoi personaggi, i toreri, i grandi condottieri di Francia, gli scienziati …

    Voglio metterla in difficoltà, però:
    non ce l’ha un personaggio come Matilde di Canossa, popolana penitente e amazzone altera ?
    Umilissima di fronte a Dio, era di uno smisurato orgoglio di fronte agli uomini.
    In chiesa, dove andava ogni mattina all’alba per confessarsi, Matilde si presentava vestita come una popolana penitente.
    Ma quando montava a cavallo, infilava speroni d’oro …

    Chissà che quest’anno non sia
    l’anno della Croce e del Globo, del potere divino ed umano …

    RE Q
  6. #6 scritto da Saccavini il 5 gennaio 2016 23:36

    Che personaggio Matilde di Canossa, che

    donò i suoi possedimenti al papato,
    sconfisse almeno due volte l’imperatore Enrico IV, successive alla scomunica e al perdono.
    Tostissima; uno dei più grandi personaggi del suo tempo, non solo d’Italia.

    il medioevo non è l’oggi, per Buccinasco una Matilde potrebbe esserci,
    l’importante è il respiro, la capacità di amministrare..
    indispensabile oggi
    per ricostruire una gestione della Comunità che torni ad avere IL SERVIZIO quale missione.

    Buona serata e auguri di un favorevole 2016

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth