Il sindaco sta nascondendo qualcosa. I Cittadini devono sapere

Il Consiglio comunale di ieri sera è stata una recita nella quale è stato assente il convitato di pietra. Consiglio comunale convocato con la solita fretta, per parlare del nulla, tranne il misterioso primo punto all’odg, che riportiamo: 1. Comunicazioni del Sindaco

Il Presidente del Consiglio, all’inizio e di sua sponte, propone al Consiglio di spostare a fine serata le comunicazioni del Sindaco. Non si è mai visto un precedente che, dopo aver stabilito l’ordine con i punti definiti con il sindaco, di punto in bianco, scavalcando il sindaco (cosi recandogli una caduta d’immagine e ruolo), sia lui a proporre lo spostamento.

C’è stato, ed è evidente un succedersi di riflessioni che hanno ridotto il contenuto e le motivazioni di questo misterioso primo punto odg. Nessuno conosceva nulla ma il Consigliere presidente, evidentamente è stato messo a conoscenza, tanto da essere lei a declassare le Comunicazioni del sindaco spostandole  a fine serata. Non è passata perché le minoranza si sono opposte alla proposta.

Ora un punto come quello riportato non riguarda normali argomenti e questioni sulle quali il Consiglio deve essere informato e deliberare. Ancor meno degli auguri di Natale. Devono riguardare aspetti di spessore relativi alla sua persona, o eventi estragestione che riguardano la maggioranza. Sarebbe ad esempio signorile far uso di questo strumento per motivare il ritiro di una delega o altro del genere.

Di ciò che poi il sindaco ha informato: sarebbero banalità e questioni già dette e definite. Come la questione della farmacia, della cui soluzione il sindaco poteva benissmo non informare essendo questa già risolta con delibera di Giunta lo scorso 09 Dicembre, pubblicato in medesima data sull’Albo Pretorio. Non ne era tenuto: la criticità prolungatasi per 2 anni e mezzo, è stata risolta. Il consiglio non deve deliberare niente.

Egualmente può dirsi sulla interrogazione inoltrata da Coalizione Civica sulle spese per Bucci +. Questione cui il sindaco ha già risposto (il 29 Ottobre!), inoltrandola per iscritto. Da Città Ideale già demolita (VEDI), alla quale il sindaco aggiunge adesso una coda, pesantissima, quasi sottovoce. Tanto che Cortiana gli chiede se si tratta della medesima già ricevuta. Risposta del sindaco: si, solo non sono stato a rileggere le premesse (incappando ancora in una notizia diversa dal vero, perché ciò che cambia è la coda).

Che importanza può avere?  Enorme! Per Città Ideale la coda del sindaco sarebbe un trionfo. Avremo posto il problema dei privati responsabili almeno in venti articoli qui in Città Ideale, fino all’ultimo sopra richiamato: il fallito non è l’unico soggetto attuatore, non è l’unico avente causa; bisogna coinvolgere gli altri.  Questo ha detto ieri il sindaco: che provvederà a coinvolgere tutti i soggetti attuatori, anche se non pensa di ricavarne molto.

Detto così, sottovoce, per compensare qualcosa che gli è pervenuto nel frattempo, che lo obbliga ad agire (per rischi personali?) dopo dieci anni che il comune non fa nulla? Ce lo spiegherà o lo verremo a sapere in un modo o nell’altro, ma questa è la novità, che il sindaco dice sottovoce.

Tanto nuova che uno dei Consiglieri della maggioranza, attuale avente causa: ha ritenuto di raccontare una lunga storia, una disanima, per tranquillizzare i suoi compari nella partita, sul fatto che sostanzialmente non succedrà nulla, che l’amministrazione continuerà a far pagare tutto a tutti i Cittadini, salvando le terga ai responsabili, sul piano civile.

Città Ideale anche qui dà dimostrazione della sua utilità e funzione come cittadinanza attiva, che tutela il bene comune, che informa, che insiste e sostiene trasparenza e partecipazione. Adesso il sindaco ha detto che tutto il pastrocchio, con tutti i suoi costi, compresa la manutenzione della piazza, la devono pagare i resposnabili e gli aventi causa. Una strasmentita

Lo abbiamo costretto ad ammetterlo, sottovoce. Lui penserà di cavarsela lo stesso con qualche saltafosso, dalle sue responsabilità originarie con la famosa “presa d’atto”. Fossimo in lui non saremmo così sicuri: noi continueremo a  controllare, informare, esporre alle autorità ogni questione necessaria a tutelare l’interesse della Comunità. Ne parleremo ancora, anche nell’interesse degli acquirenti inconsapevoli. Si può fare molto, anche per loro.

Tag:

  1. #1 scritto da Napoleone Buonaparte il 17 dicembre 2015 09:13

    La risposta ce la può dare la Procura della Repubblica,

    perché altri sono tenuti al segreto istruttorio e pertanto devono per ora tacere.

    A vedere il Consiglio è parso che il Sindaco avesse avuto paura che l’evolversi dei procedimenti (della Procura e Corte dei Conti) fossero resi pubblici così da doversi in anticipo giustificare in Consiglio, ma ciò non è avvenuto.
    …. per senso di rispetto verso le regole e le leggi per taluni, per ignoranza (nel senso vero della parola) per altri (ad esempio le opposizioni).

    C’è da dire che Buccinasco è sempre stata fonte di notizie cosicché è frequentata da tanti bravi giornalisti che a tempo debito, neanche troppo lontano, sveleranno la manfrina.

    RE Q
  2. #2 scritto da Saccavini il 17 dicembre 2015 10:05

    La situazione ha del kafkiano, a prima vista incomprensibile, in effetti.

    Buona parte va al sodo e pone la questione sostanziale:
    Se la fonte delle “novità” è da identificarsi nella Procura della Repubblica, questione di giorni, forse di ore, e Buccinasco andrà su giornali nazionali.

    Non sappiamo i contenuti e le questioni specifiche, ma qualcosa del genere è da ritenersi verosimile, dati i comportamenti tenuti.

    le minoranze (termine che preferiamo a opposizioni), sembra che non siano sufficientemente reattivi di fronte alle prese di posizione preconfezionate e concordate al di fuori da parte della maggioranza.
    la reazione in Consiglio appare a volte incerta, altre debole (col senno di poi, però).
    Gli strumenti comunicativi di cui le minoranze fanno uso sono poveri, se si esclude Città Ideale, che però agisce ed opera in autonomia.
    Potrebbero avvalersene le minoranze; inviare contributi, comunicati, ecc.
    Non lo fanno: scelte loro, che a nostro parere si traducono in un danno per loro.
    Insomma potrebbero far meglio

    buona giornata

    RE Q
  3. #3 scritto da Miserabile di Montecristo il 17 dicembre 2015 10:06

    Egr. Sig. Saccavini, da come mi è parso, con una qualità dello streaming piuttosto scadente (non so perché), la richiesta di posticipare la comunicazione è partita dal Sindaco che stizzito per la mancata unanimità (a mio avviso non ne aveva bisogno si procede con votazione a maggioranza) ha ritirato la richiesta e ha sentenziato che così non ci sarà dibattito perché da regolamento alle sue comunicazioni non sono concesse repliche.

    Affermazione (non del tutto corretta) che è sembrata in un primo momento condivisa dal Presidente del Consiglio la quale successivamente, forse fulminata da una scarica di “Acutil” o imbeccata da qualcuno, si è ricordata che c’è un regolamento del Consiglio comunale (anche se valido per un’ultima volta) e che tale documento regola, con l’art. 41, proprio questa casistica e concede 5 minuti a ciascun capogruppo per esprime la propria posizione di assenso o di dissenso in merito a quanto dichiarato.

    Sul resto, non sto a commentare per ora.
    Mi limito a stendere un pietoso velo, in particolare sugli strafalcioni (che appaiono volutamente mistificatori) contenuti nella comunicazione (su Buccinasco +) e mi limito a dire che a me, non so perché, è venuto in mente un vecchio detto in latino:

    “excusatio non petita accusatio manifesta”.

    RE Q
  4. #4 scritto da Città Ideale il 17 dicembre 2015 11:37

    La qualità dello streaming è stata scarsa, meno che scarsa.

    così si è giustificata la spesa della giunta per rinnovare la piattaforma andando su youtube.
    la prima motivazione sono infiltrazioni d’acqua nell’aula consiliare che rischiano danni al rack degli apparati elettronici….
    (motivazione curiosissima: metteranno tutto sotto una campana sigillata mentre le infiltrazioni aumenteranno per cause di deterioramento naturale?)

    quanto al resto, attendiamo la trascrizione…. con curiosità…

    Quel che è certa è una affermazione complessiva del sindaco che è simile a quanto in Città Ideale abbiamo sostenuto dal 2010…
    staremo a vedere le conseguenze e soprattutto i fatti!
    I danni della inattività di questa amministrazione e delle precedenti, a qualcuno poi potremmo ripeterli

    buona giornata Miserabile di Montecristo

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth