E’ diventato ufficiale: la società civile ha preso nelle mani il suo futuro

Corsico. Ospiti di SIoNO, i Cittadini di Buccinasco e dei comuni vicini si sono riuniti per conoscere e capire come funziona la Sorveglianza di Quartiere. Una sala piena, strapiena, persone in piedi per tutta la serata, condotta con piglio sicuro Renato Caporale. Il tema che ha posto l’ospite si è rivelato formidabile: capire come funzionano i Cittadini che fanno Comunità e come questi possono e devono rapportarsi con le autorità locali (amministrazioni e partiti).

Alberto Schiavone e Mirko Landenna hanno illustrato il problema sicurezza e il percorso che ha portato alla realizzazione della Sorveglianza di Quartiere, in un periodo di grande alllarme per la sicurezza in casa. L’uso del whatsup (gruppi di 100 che si condividono i messaggi), le prime segnalazioni, arrivano i risultati positivi, l’effetto dissuasivo dell’iniziativa che sfonda i social network e la crescita che diventa esplosiva: 20 adesioni in 3 giorni; 600 in tre mesi (estate compresa).

Entrambi sottolineano due aspetti, più volte ribaditi in corso di serata: no alle ronde, nessuna iniziativa in proprio, massima collaborazione con le forze dell’ordine, che hanno limitazioni di organico e meritano la stima di tutti. Circa il territorio è segnalato un limite, dato dalle telecamere: insufficienti e spesso fuori uso. Il contatto privilegia il 112 ogni volta che vi sia concreta minaccia di reato.

La funzione del referente di quartiere è quella di esperto/fratello maggiore con cui l’aderense si consulta, ottiene indicazioni su come agire, se del casa incarica il referente di rapportarsi con le modalità opportune. Massimo l’appoggio operativo ottenuto dalla stazione dei carabinieri, preziosa la loro  collaborazione per un efficiente esito. Presenti Cittadini di Assago, Corsico, Rozzano, oltre a Buccinasco.

Sia i Cittadini, che gli aderenti e i referenti che si sono espressi, hanno trasmesso il pacifico entusiasmo che, è evidente, viene dalla sicurezza costruita nella ancor breve esperienza costruita con la crescita e i miglioramenti giornalieri. Molte le domande dai Cittadini vicini su come agire e quali struenti usare (previsto un incontro tecnico di lavoro con Buccinasco).

Hanno parlato i sindaci presenti: Errante per  Corsico: visivamente impressionato della serietà e concretezza dei Cittadini. Si è complimentato per quanto descritto.  Ha illustrato il progetto sovracomunale che punta ad una copertura 24 H sui territori con una centrale unica che coinvolge una ventina di comuni nella gestione della polizia locale.  La sua funzione istituzionale lo indirizza a questi aspetti; in merito si riserva riflessioni per una integrazione con la società civile.

Maiorano: inizia apprezzando ma poi denuncia che non si sia mai fatto ricorso alla P.L. (che rispetto alla criminalità può fare ben poco). Poi si lancia nel promuovere un incontro previsto fra due settimane per una iniziativa che si pone in concorrenza; contesta a Sorveglianza di Quartiere di aver cambiato nome, di impostare metodi diversi, che ciò che ha in programma è migliore, ecc. Un autogol: continua a dividere la società civile volontaristica, aspira a metterci il suo cappello sopra.

Una nota bassa, che si chiama fuori, l’unica che si autoesclude dal confronto.  In un clima di entusiasmo  chiude Alberto Schiavone per la scoperta delle tante energie nuove che emrgono dalla Comunità, dai tanti che si ritrovano e si aggregano, contenti di esserci impegnando se stessi per il bene comune. Il modo nuovo del fare Comunità. Ribadisce Caporale: la serata dimostra che bisogna cambiare la modalità della governance: la politica dei comuni ha fallito e si deve ripensare al ruolo della rappresentanza.

E’ NATA E SI AFFERMA LA SOCIETA’ CIVILE

PARTECIPAZIONE INFORMATA

DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA

Tag: , , , ,

  1. #1 scritto da Luca Bongiovanni il 2 ottobre 2015 08:34

    I comuni devono essere governati dai cittadini che si prestano in modo gratuito a gestire il bene comune,

    i politicanti che continuano a partecipare alle iniziative che coinvolgono tanti cittadini senza mai combinare niente di buono

    hanno rotto le scatole

    RE Q
  2. #2 scritto da Saccavini il 2 ottobre 2015 09:50

    Semplice ed efficace, Luca

    stiamo assistendo a un cambiamento epocale della struttura sociale basata sui partiti del secolo scorso.

    Basati sul presupposto di Cittadini ignoranti e incapaci di cui il partito si incarica di interpretarne gli interessi (quelli che loro ritengono veri), divenuti autocrati che gestiscono e si spartiscono la delega assumendo il potere della macchina pubblica, da questa forma partito non potrà venire più una spinta al miglioramento della società.

    buona giornata

    RE Q
  3. #3 scritto da Max il 2 ottobre 2015 10:08

    Ciao Luigi, niente di nuovo quindi: la solita amministrazione autoreferenziale e i soliti cittadini volenterosi e pronti a collaborare per un bene “comune”, ormai a Bucci ci siamo abituati.

    Complimenti ad Alberto per l’iniziativa ed il successo che sta ottenendo: anche io sono in uno dei gruppi di what; so e ne ho sperimentato l’efficacia direttamente quando una volta in cinque stavano entrando nel palazzo di fronte a casa mia per rubare e sono stati messi in fuga.

    Ieri sera avrei dovuto esserci ma ho avuto un imprevisto che me lo ha impedito e mi è dispiaciuto.
    Davvero un bell’esempio di società civile che sopperisce alle mancanze dell’amministrazione comunale (che ha anche il coraggio di lamentarsi….)

    Andiamo avanti così
    Max

    RE Q
  4. #4 scritto da Alberto Schiavone il 2 ottobre 2015 11:18

    E quando gli ricapita una sala gremita per farsi uno spot ? Loro mica ci riescono a coinvolgere i cittadini veri, al massimo qualche loro fan carissimo (intuttiisensi)

    RE Q
  5. #5 scritto da Maurizio il 2 ottobre 2015 11:29

    sono esterefatto: ancora si da credito ad uno come l’organizzatore della serata che ha fatto fallire tutto ciò che ha preso in mano (oltre a ridurre sul lastrico molti!)

    p.s.
    indirizzo mail e nome sono inventati al momento perché esperienze passate (sempre con organizzatore della serata) mi hanno “scottato”.
    La invito Saccavini (perché la stimo) a non usare toni elogiativi nei confronti del suddetto perché i danni che ha fatto sono grossi, soprattutto alle persone.

    Che abbia il coraggio di mostrare la faccia in pubblico nonostante tutto è affar suo, che trovi spazio in un blog che lo decanta è inopportuno.

    non mi aspetto pubblicazione di questo messaggio ma lei, se vuole, può darmi un segnale sul blog in un modo che certamente saprà trovare.

    Nel frattempo però si informi perché il soggetto è implicato in molti procedimenti anche penali.

    RE Q
  6. #6 scritto da manolete il 2 ottobre 2015 11:35

    Città Ideale, Fine dicitore, come si deve comportare un Cittadino che (nascosto dietro le sue “cortine” di casa) vede un delinquente per strada, che massacra una donna, o che faccia violenza ad un bambino, o che pesti un’anzina signora, per scipparla, etc..etc.. manda un messaggino in” rete” sul da farsi??
    “Siamo Uomini o Caporale!”
    o Lupi Alberti? I lupi tanto buonini??
    Conpermesso

    RE Q
  7. #7 scritto da Miserabile di Montecristo il 2 ottobre 2015 11:51

    Bella serata davvero.

    Sig. Luca, occorre che certe figure siano pagate, siano pagate il giusto e che siano competenti e professionali.

    Lei starebbe a casa 5 anni senza stipendio per il “bene comune”?

    Ne dubito, a meno che Lei non sia una santo, ricco di suo, uno spiantato cronico oppure pensionato: vogliamo questo?

    Dal momento che i santi sono più unici che rari, una politica in mano a ricchi, spiantati o pensionati?

    A Buccinasco la Giunta cade a pezzi, la maggioranza cade a pezzi, l’amministrazione fa acqua da tutte le parti, non stupirebbe che anche il Sindaco, sotto pressione da ogni lato, stesse andando in pezzi.

    RE Q
  8. #8 scritto da Islero il 2 ottobre 2015 12:16

    ERA ORA,
    finalmente si concretizza e si ha un riscontro della coscienza comune che reagisce all’inattività del malgoverno comunale, addirittura del suo ostruzionismo.
    Rammentiamo tutti l’atteggiamento è la reazione di Jack e gli sberleffi della sua giunta, compreso il presidente del consiglio (super partes), alla manifestazione sulla sicurezza dell’anno scorso.

    Oggi si è finalmente vista la società civile che reagisce, che non vuole più questo tipo di rappresentanza politica.

    Cosa dire del mesto Jack, un cliché il suo intervento, addirittura a tratti imbarazzante,del tipo io sono io e voi non siete un ….

    Complimenti al gruppo che ha organizzato l’incontro, di questi tempi non facile (visto il parcheggio, l’ora e il giorno lavorativo), e alla modalità con cui il tutto è stato proposto è rappresentato.
    BRAVI

    RE Q
  9. #9 scritto da Saccavini il 2 ottobre 2015 12:41

    Andiamo avanti, la società civile sta crescendo e Buccinasco sta scoprendo, facendo comunità, quante brave persone convivono, fino a ieri quasi sconosciuti.
    Una sorpresa che per noi sorpresa non è ma vederne e quasi toccare con mano la verità effettiva fino a ieri teorica fa davvero piacere: ci si sente più uniti e fiduciosi.

    Stamattina ho assistito a un Cittadino che trova al supermercato un portafogli dimenticato alla cassa, che lo consegna subito.
    Il proprietario che dopo qualche minuto torna, ritira dal gestore il portafoglie e gli indica la persona che lo ha consegnato.
    Questi allora fa contento e serio da chi lo aveva trovato, lo ringrazia calorosamente, gli stringe la mano e dice: “che bello vedere che ci sono persone oneste”.
    Il piacere di percepire la Comunità che pulsa e convive, è tutto da gustare.

    così Buccinasco st diventando Città Ideale

    una bella giornata e migliori saranno quelle a venire…

    buon fine settimana e saluti a tutta la famiglia

    RE Q
  10. #10 scritto da Saccavini il 2 ottobre 2015 12:56

    Buon giorno Maurizio,

    Città Ideale tiene certamente conto dell’avvenuto e lei non sta descrivendo cose nuove.
    Quanto descritto ieri sera è la nostra valutazione sul comportamento avuto e sulle cose dette; non vuole assolvere nulla, ma è la verità.
    Bisognerebbe parlarne male, raccontando cose non vere, perché in passato ha avuto trascorsi criticabili?

    Cercheremo di spiegare il nostro modo di vedere le persone e il mondo.

    L’uomo è un essere straordinariamente complesso, capace di imparare ogni giorno da ciò che ieri è stato, per farne esperienza che ne modifica il modo d’essere e d’agire.
    Considerare ciò che è stato è quindi utile e doveroso.
    Basare su ciò il giudizio sull’uomo, per il futuro, escludendo a priori una valutazione equa delle sue azioni e decisioni future, facendone un reietto, lo riteniamo eccessivo e in fondo non giusto.
    Rappresenta a nostro modo di vedere il lato debole del puritanesimo dei riformati protestanti, quanto praticato in modo inflessibile.

    Il medesimo comportamento Città Ideale ha intrattenuto e tuttora pratica anche con un ex Sindaco che ha avuto posizioni politiche da noi giudicate sbagliate e pericolose (e nel caso siamo stati fra i pochissimi, se non gli unici che le hanno affrontate e discusse).
    Pure l’uomo complesso ha sempre qualità e esprime valori, comportamenti che sono da apprezzare: bisogna vedere la realtà per il suo essere vera e questa raccontare, descrivere, valutare.

    La ringrazio per la stima, che cerco di meritare…. buona giornata

    RE Q
  11. #11 scritto da Saccavini il 2 ottobre 2015 13:03

    Essendo l’anonimo manolete la persona squalificata che i lettori conoscono, riteniamo di dover far conoscere queste squallide ed offensive espressioni.

    Che ciascuno si faccia l’idea appropriata del personaggio “anonimo”

    quanto alla casistica estrema che descrive, …..
    il compito della Sorveglianza di Quartiere è appunto l’essere uno strumento di Comunità e trasmissione di informazioni quale strumento deterrente verso la micro e meno micro criminalità.
    Non si sostituisce a chi di dovere, con atteggiamenti da rambo: quelli li fanno i fanfaroni….

    buona giornata

    RE Q
  12. #12 scritto da Andrea D. il 2 ottobre 2015 22:51

    No, caro manolete l’ammazzasette di verde vestito, uno in quei casi chiama … le ronde padane del vicesindaco!

    La verità è che la Sorveglianza di Quartiere sta dimostrando di essere efficace, a differenza delle ronde padane del vicesindaco che sono state un flop (annunciato).
    Non risolutiva, ma meglio del nulla che c’era prima e che, finora, questa amministrazione ha fatto.

    Ci sono uomini, caporali e anche gli ammazzasette (codardi, tanto da nascondersi nell’anonimato, grandi solo a parole).

    Sai quanti ne ho visti di smargiassi che al momento della verità se la fanno sotto?
    Non sei il primo e non sarai nemmeno l’ultimo che capita sulla mia strada.

    Facile essere coraggiosi a distanza di sicurezza.
    (Esopo)

    RE Q
  13. #13 scritto da Saccavini il 2 ottobre 2015 23:13

    Buona sera Andrea,

    l’intento di “anonimo” manolete è screditare, parlar male dell’evento.

    Come il suo mentore vicesindaco, è emotivo viscerale e il pieno e convinto successo della serata informativa gli brucia (al vicesindaco, possiamo dedurre con quasi certezza).

    Non si capisce bene in base a quale calcolo logico comunicativo, “anonimo” manolete viene indirizzato a screditare persone e contenuto della serata.
    Cosa mai possa convincerlo che funzioni, che i Cittadini assenti (per una o altra ragione) siano convinti dalla sua performance offensiva e squallida, ci è troppo difficile da comprendere.
    Siamo troppo distanti dalle sue vette logiche o matematiche, o fantasmagoriche (successione d’illusioni ottiche prodotte specificamente dalla lanterna magica; Treccani): lasciamolo con le sue speranze/aspirazioni.

    buona serata

    RE Q
  14. #14 scritto da luca furegato il 3 ottobre 2015 20:24

    Luigi, posso anche far mio il detto pellerossa
    “Prima di giudicare una persona cammina nei suoi mocassini per tre lune”,

    però cerchiamo di essere anche obiettivi e non sbracare.

    Capisco che a Buccinasco come in tutto il resto del Paese si cerca di far digerire di tutto e/o far dimenticare il passato,

    ma se vogliamo veramente essere voci critiche e costruttive per spingere al cambiamento di mentalità, abbandoniamo inopportune giustificazioni come pure certi personaggi.

    RE Q
  15. #15 scritto da Saccavini il 3 ottobre 2015 21:40

    Buona sera Luca,

    Come si fa a non condividere lo stringato consiglio nel rapportarsi e nell’agire, nel confrontarsi con altri.
    Se ne coglie l’opportunità nel comune pensare soprattutto quando ci si muove in un terreno pubblico, quando si entra nel sociale.
    Andare a braccetto con Tizio in qualche modo associa nel pensiero che si fa di colui che in quella condizione si pone.

    Questo assume un peso partendo dal presupposto che chi è attivo nella vita della Comunità ha quale primo dovere di essere incorruttibile: avere l’immagine di assoluta superiorità e distacco rispetto ad ogni azione e atteggiamento del suo vivere, che sia privato o pubblico.

    Una immagine efficace per conferire ad un personaggio dl genere la delega del potere.
    Credo che i piani debbano essere diversi, in funzione delle situazioni:
     La persona pubblica deve essere (essere, non apparire) di una etica e credibilità personale assoluta nel trattare della cosa pubblica; soprattutto e in particolare quando le resposanbilità comportano decisioni nelle quali l’etica e la rettitudine sono irrinunciabili.
     Altra è la situazione in cui si comunica e si descrive un comportamento pubblico che può riguardare chiunque: persone notabili o meno, di cui si deve riferire: occorre essere onesti con se stessi.

    Comportarsi in tal modo porta a valutare il concreto, a separare il fatto dai preconcetti (anche legittimi).
    A qualcuno dei lettori può sembrare che non sempre il nostro modo d’agire segua queste regole, soprattutto quando in questi anni si deve descrivere e giudicare dei comportamenti e decisioni dei nostri amministratori.
    Qualche volta sarà capitato di uscire dalle righe, ma possiamo assicurare che l’animo con cui nei nostri giudizi ci muoviamo è questo, sempre.

    RE Q
  16. #16 scritto da Saccavini il 3 ottobre 2015 21:43

    Seguito, tanto per essere chiari.

    Agire in questo modo non deve assolutamente comportare la dimenticanza del passato.
    Non è indifferenza, il giudizio deve avere sempre un suo metro etico e di equilibrio, che deve percepirsi.

    buona serata

    RE Q
  17. #17 scritto da Luca Bongiovanni il 5 ottobre 2015 18:29

    Miserabile di Montecristo rispondo al suo post 7 e le rispondo dicendole SI stare 5 anni a dedicare del tempo per il bene comune.

    C’è chi va a alla CRI chi fa il volontario nei campi profughi chi va nei centri come la Sacra Famiglia e chi dedica del tempo per il bene comune.

    Chi svolge la politica avendo bisogno di soldi non è libero e prima o dopo si vende per un piatto di lenticchie.

    Solo il sindaco dovrebbe avere un rimborso gli altri dovrebbero farlo per vocazione, anche perché scusi tanto ma il dottore non lo ordina a nessuno di fare l’assessore.

    Tutti i mariuoli che si aggirano nelle amministrazioni di questi periodi sparirebbero perché oggi il 99% dei politici lo fa per soldi e non per passione con la conseguenza che l’Italia va a scatafascio.

    RE Q
  18. #18 scritto da Saccavini il 5 ottobre 2015 18:43

    Buona sera Luca,

    esatto il suo argomentare. cui va aggiunto che in quel compito non sono obbligati come se fosse l’esercito con la leva obbligatoria…

    Tutti sono messi lì perché si sono proposti, si sono candidati loro a SERVIRE LA COMUNITA’

    HA RAGIONI DA VENDERE

    BUONA SERATA

    RE Q
  19. #19 scritto da Napoleone Buonaparte il 5 ottobre 2015 18:45

    A Manolete chiedo se lui è uomo o caporale?
    https://www.youtube.com/watch?v=7OMTjrTSDow

    RE Q
  20. #20 scritto da Saccavini il 6 ottobre 2015 00:07

    manolete è un fantasma evanescente; Buona parte il suo mentore è senz’altro un caporale, di quelli descritti da Totò.

    gli uomini stanno prendendo coscienza che sono Cittadini.
    Spetta a loro il potere, stanno imparando ad esercitarlo e a mettesi in gioco da Cittadini.

    Facendo vedere concretamente come deve essere la Comunità, come si può ribaltare il banco nel gioco delle tre carte.

    RE Q
  21. #21 scritto da Miserabile di Montecristo il 6 ottobre 2015 01:46

    Scusi Signor Luca, ma Lei dice

    “Chi svolge la politica avendo bisogno di soldi non è libero e prima o dopo si vende per un piatto di lenticchie”

    e poi aggiunge “Solo il sindaco dovrebbe avere un rimborso…”

    non le sembra una contraddizione?
    Ma come, proprio il Sindaco che sta al vertice della piramide, la figura che ha più responsabilità, che ha più potere, che nomina gli assessori e via dicendo, deve prendere soldi per poi, come dice Lei, vendersi per un piatto di lenticchie?
    Eh no!

    Per coerenza, e per evitare che lo faccia per soldi e poi si venda, anche e soprattutto lui deve farlo gratis, per vocazione e per il bene comune, come tutti gli altri.
    Non Le pare?

    Però così si ritorna punto a capo: la politica rimane appannaggio di ricchi, pensionati e spiantati cronici.
    Nella migliore delle ipotesi dilettanti improvvisati, nella peggiore disonesti che fanno entrare dalla finestra quel che non entra dalla porta.

    Contento Lei.

    RE Q
  22. #22 scritto da Luca Bongiovanni il 6 ottobre 2015 10:44

    Assolutamente no!!

    Il Sindaco non può essere part time in un comune come Buccinasco deve essere 24h su 24h a disposizione dei cittadini e dei dipendenti comunali e per questo non può svolgere altro lavoro, diverso è per assessore e consiglieri che hanno la possibilità di guadagnare col proprio lavoro pur dedicando del tempo al bene comune e, non scordiamolo mai, ad una passione personale non imposta dal medico.

    In questo modo tutti possono fare il sindaco mentre la politica attiva la farebbe solo chi davvero è appassionato e non maneggione come avviene oggi.

    Oggi le grandi o piccole lobby fanno votare questo o quel personaggio per poi manovrarlo a proprio piacimento in cambio di una remunerazione pagata dai cittadini,

    se fosse volontariato come già avviene in molti comuni piccoli del nord Italia, questa anomalia non ci sarebbe e bisognerebbe commettere un reato per convincere l’assessore ad accondiscendere chiccessia. ma questa è un altro film.

    Sono certo che se portassero la remunerazione dei parlamentari,dei consiglieri regionali,assessori presidenti sindaci di grandi città ecc. a 2500 euro al mese non ci sarebbe tutta questa calca per andare ad occupare i posti col risultato di risparmiare tanti saldi.

    RE Q
  23. #23 scritto da Saccavini il 6 ottobre 2015 11:36

    In effetti, una questione ricorrente ed uno dei nodi su cui si dibatte da che esiste la democrazia delegata (che è diventata partitocrazia).

    L’appannaggio per gli incarichi pubblici è stato sollevato e applicato con l’argomento: se il far politica deve essere gratis finisce che a farla sono solo i “ricchi” (che poi significa politicamente gli imprenditori, i capitalisti, gli sfruttatori del popolo, a seconda dell’idea).

    Non è mai stata cosa vera; al massimo, nel caso di eletto che vive del suo lavoro, della sua professione ed è privo di altri redditi propri, può prevedersi un emolumento pari al suo reddito.

    C’è poi un altro argomento che ritorna (il primo a farne uso pubblico, almeno nell’ultimo mezzo secolo, fu Bettino Craxi): la politica costa e deve avere il suo reddito, parametrabile a quello dei manager e dirigenti privati.
    Intento che venne ampiamente messo in atto verso tutti, parlamenti e incarichi pubblici compresi.
    I fatti si incaricarono in poco tempo di rendere chiari i risultati: nell’assalto alle risorse pubbliche come nel “finanziamento” dei partiti.

    La politica di mestiere è fallita; non è guaribile.
    Se non passando attraverso una profonda rifondazione; un ripensamento del far politica.
    (nei fatti non a slogan: il sito PD di Buccinasco porta lo slogan elettorale di Maiorano: I PARTITI HANNO IL DOVERE DI CAMBIARE MARCIA. Vediamo ogni giorno la pratica)

    Morale (a parere di Città Ideale): l’amministratore pubblico deve svolgere la sua funzione come incarico di prestigio (e quindi impegnativo) avendo come obiettivo il bene della Comunità.

    buona giornata Miserabile di Montecristo

    RE Q
  24. #24 scritto da Saccavini il 6 ottobre 2015 11:49

    Mi scusi Luca, il suo commento è precedente alla risposta al Miserabile di Montecristo.

    Il discorso è complesso, non facile.
    Un manager che abbia la responsabilità di conduzione sul piano organizzativo e manageriale, un ente che cuba 30milioni l’anno lo deve avere.
    Deve essere retribuito da manager, secondo parametri di mercato.
    Deve essere autorevole e capace; come ogni dirigente, se non funziona si deve poterlo mandare a casa.

    La politica, a cominciare dal sindaco, ha il compito di indirizzo, orientamento e monitoraggio sull’esecuzione dei propri deliberati.
    Se passa questo limite e “suggerisce” ai funzionari una certa operazione o come si deve compiere la medesima, esce dal seminato.
    I funzionari devono possedere la coscienza di rappresentare lo Stato: e la forza per denunciare questi comportamenti, senza poter essere per questo soggetti a ritorsioni.

    L’esatto contrario di ciò che avviene a Buccinasco… come si può vedere.

    per questo c’è bisogno di un cambiamento radicale che può venire dai Cittadini, che mettono da parte, gettano nel cestino, il far politica di questi tempi.

    buona giornata

    RE Q
  25. #25 scritto da manolete il 6 ottobre 2015 15:27

    Ebbene Saccavini, rispondo alla Buona parte (Marcia) di questo blog, ed al Fine dicitore

    1) La mia battuta; o meglio ossimoro:
    “Siamo uomini o “Caporale.”
    Caporale si riferiva al personaggio, direttore del giornale SI/NO persona molto discussa, e concussa, che ha presenziato “all’Adunanza” dei “Grillini ……..,”e che Città Ideale s’è guardata bene di commentare.

    E’ naturale, che persone con “L’Attaccatura bassa di capelli” non l’abbiano compresa.

    2) All’”hdemico” o “fine dicitore” che dir si voglia, mi deve dimostrare con fatti, “che la Sorveglianza di Quartiere sta dimostrando di essere efficace”.

    3) Darmi del “smargiasso” o “c……” non mi tange.
    “Son chi sono”, e per le strade di notte io ci son stato, e ci sarò!
    Mentre qualche “pecora” di questo blog, non ha neanche il coraggio di rispondere alla mia “provocazione”, che tanto provocazione non è.
    Sono accadimenti reali all’ordine del giorno
    Conpermesso,
    e ossequi alle Signore.

    RE Q
  26. #26 scritto da Miserabile di Montecristo il 6 ottobre 2015 15:57

    Sig. Luca, la questione è ampiamente dibattuta, ma mi pare che Lei stia generalizzando, in buona misura fuori luogo.

    Il Sindaco a Buccinasco percepisce poco più di 3.000 euro lordi al mese.

    Un Assessore part time, con un lavoro proprio, percepisce meno di 800 euro lordi, lordi, al mese!

    Secondo Lei questa è la cifra che giustifica le ruberie o la calca per accaparrarsi la poltrona?

    Se una cifra di quel genere è quella che motiva la scelta, allora, a mio avviso, si ha a che fare con dei disperati di piccolo calibro che non valgono nemmeno la modesta retribuzione che percepiscono (e ce ne sono), con dei furbi che pensano di “arrotondare” grazie al potere della poltrona o con dei volontari che si accontentano di un rimborso simbolico per il loro impegno.

    Anche a livelli più alti la questione è mal posta: non è che cifre più alte incoraggino i ladri e cifre modeste selezionino le persone più valide.

    Ma secondo Lei una persona mediamente brillante con una retribuzione discreta e allettanti prospettive di carriera, molla tutto per andare a fare il politico per un quinquennio o due, accontentandosi di una modesta frazione di quel che guadagnava prima, bruciandosi al contempo le migliori prospettive di carriera?

    A mio avviso no!
    Così facendo Lei seleziona, tranne eccezioni più uniche che rare che non fanno testo, dei mediocri (e in quel caso li staremmo pagando troppo!).

    RE Q
  27. #27 scritto da Saccavini il 6 ottobre 2015 16:45

    I puntini sostituiscono (in parte) le espressioni offensive che si propongono di trasformare una riflessione in una lite.

    manolete anonimo parla in prima persona, identificandosi con il vicesindaco…. così sembra (o è?)

    La descrizione e il commento sulla serata è uscita la stessa serata in cui si è tenuta, qui in Città Ideale; viene confermata.

    Qualificare una persona (Caporale, nel caso) non per ciò che nel caso specifico dice e per come si comporta, ma sul pregiudizio più o meno rispondente al vero, è da mestierante della politica: ciò che contano non sono gli argomenti ma la gara a chi è più etico (da un ambiente politico nel quale, alla romana: er più sano ch’à la rogna.

    La qualità della sorveglianza di quartiere è nei fatti: rispetto alla prima quindicina di luglio le segnalazioni sono fortemente ridotte: questo è l’obiettivo.
    Efficace, a costo zero per la Comunità!
    Obiettivo che le ronde non potrebbero neppure ipotizzare.

    il reale quindi sta da qualche altra parte, non certo nelle affermazioni di un manolete anonimo

    buona giornata

    RE Q
  28. #28 scritto da Andrea D. il 6 ottobre 2015 19:02

    Povero manolete l’ammazzasette di verde vestito, non sa più che pesci pigliare.

    Adesso si mette anche a spiegarci i suoi sublimi giochi di parole; chissà con che gente è abituato a trattare.

    Per il resto il solito giochino, stantio, della propaganda di bassa lega: non essendo in grado di controbattere nel merito si attacca l’interlocutore cercando di squalificarlo.
    Nulla di nuovo sotto il sole; ormai anche i bambini hanno imparato a riconoscere il ritornello e a giudicare appropriatamente chi lo mette in atto.

    Sì, caro manolete l’ammazzasette di verde vestito, anche noi abbiamo capito perfettamente chi sei o, meglio, cosa sei: un vile buono solo a parole.

    Raccontaci delle tue mirabolanti gesta e dei crimini che arditamente hai sventato con le tue inutili ronde (talmente inutili che non le fate più, o sbaglio?).

    Ma fatti reali e documentati, non le tue fantasie onanistiche con le quali riempi la tua ……………esistenza.

    RE Q
  29. #29 scritto da Napoleone Buonaparte il 8 ottobre 2015 03:45

    Chiedo venia a manolete non avevo colto il suo ossimoro perché non conoscevo il personaggio.

    La domanda però rimane comunque aperta:

    lei è uomo o caporale?

    RE Q
  30. #30 scritto da Saccavini il 8 ottobre 2015 09:51

    Ne uomo, ne caporale, Buona parte….

    si tratta di un anonimo …… un evanescente (ma non tanto) punto interrogativo.

    RE Q
  31. #31 scritto da manolete il 8 ottobre 2015 16:35

    Scuse accettate Buona parte,
    Non deve per forza conoscere il “Personaggio” Renato Caporale. Che ha “un piede a Corsico e due a Buccinasco”.

    Dovrebbe essere Città Ideale su questo blog per “L’onestà che gli dovrebbe competere” renderLa edotta e a tutti i cittadini.
    Che invece su questo poco trasparente personaggio, adduce “scuse d’ufficio.”

    Per rispondere alla sua domanda nei miei riguardi: sappia, che sotto “Naja”(non le sto a dire il corpo) mi congedarono coi “Galloni” di Caporal maggiore (2 baffi) guadagnati sul “campo.” Meglio: sui campi NATO e Capo Teulada.

    Mentre qui, i “Parolai” che si sprecano,…. uno a caso, (Fine dicitore) fanno parte della larga massa”degl’Imboscati.”
    Tragga Lei le conclusioni
    Conpermesso

    RE Q
  32. #32 scritto da Saccavini il 8 ottobre 2015 16:58

    manolete anonimo (sifaperdire) può essere anche civile, a tratti.

    poi però non regge e offende:
    incapace di un giudizio sulle cose (come fa Città Ideale, anche in questo caso), insiste nel pregiudizio che vorrebbe mandar fuori dalla polis con un giudizio di piazza quelli che a lui non vanno bene: l’ostracismo dopo 2500 anni.
    Impari a essere più obiettivo (lo diciamo anche se l’invito sarà difficilmente raccolto).

    Quanto alla “carriera” in corso di ferma, rivendicata come distintiva rispetto a chi questo non ha compiuto, lo lasciamo giudicare ai lettori (che trarranno le conclusioni).

    buona serata

    RE Q
  33. #33 scritto da Miserabile di Montecristo il 8 ottobre 2015 19:35

    Caspita, il signor manolete ha fatto il militare, che notizia! In ogni caso possiamo dirlo, anzi lo dice lui, è un caporale.

    RE Q
  34. #34 scritto da Napoleone Buonaparte il 9 ottobre 2015 07:59

    Maggiore però……

    RE Q
  35. #35 scritto da Saccavini il 9 ottobre 2015 09:59

    Però….

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth