Gudo Gambaredo. Disorganizzati e poco capaci, sbagliano. Che almeno stian zitti

Amministrare significa gestire le questioni che sopraggiungono in modo preordinato e pianificato.    Se si va a spanna e burocraticamente, succedono problemi.    Abbiamo una amministrazione che ha sfasciato l’organizzazione preesistente e posto in posizioni di responsabilità funzionari anche dotati di esperienza nel ramo ma all’improvviso, senza neppure un passaggio di consegne, senza un affiancamento, senza una formazione organizzativa.    Basando le scelte su altri “valori”, purtroppo.

Le conseguenze sono quotidiane: non capita giorno senza che succedano scompensi, perfino banali (come il cancello che consente l’accesso al parco di Corsico); cose semplici che ci vuole un niente a sistemarle, si trascinano per mesi. Adesso dobbiamo parlare della festa di Gudo Gambaredo che da sempre si svolge l’ultima Domenica di Settembre.    Una settimana prima senza alcun preavviso arriva un impresa, blocca la strada su cui la festa si svolge: nessuno ne sa nulla, i Cittadini vanno in comune a chiedere spiegazioni.

Niente da fare.  I lavoro sino iniziati e devono andare avanti.     Si farà il possibile per un passaggio pedonale. Insomma: il comune era certamente informato, chissà da quanto tempo, che il 21 Settembre sarebbero iniziati i lavori.     Si è dimenticato di sentire i Cittadini, si è dimenticato della festa di Gudo, e ha dato l’ok.    Banale, banalissima disorganizzazione.      Lo ripetiamo: succede tutti i giorni e finché non andranno a casa dovremo subirne di questi accidenti: sono incapaci e ne danno dimostrazione ogni giorno.

Oltre a cercare di tamponare la situazione una amministrazione degna di questo nome individua chi doveva informare e cosa prima si poteva organizzare e pianificare; che non lo ha fatto e lasciato andare la faccenda come sta avvenendo. Quindi prendere i provvedimenti del caso perché dimenticanze di questo genere non si ripetato.

Cosa si poteva fare?    Avvertiti dell’inizio lavoro da parte di Cap Holding (sarà pianificato da almeno sei mesi), si poteva con loro concordare, per tempo: UNO un piccolo cambio di data, ove impossibile (incredibile ma ammettiamolo pure): DUE Avvertire per tempo la Comunità di Gudo perché insieme si concordasse come prepararsi e con loro individuare le alternative.    Non è stato fatto nulla: semplicemente se ne sono scordati.

Non solo non intervengono sul piano organizzativo in modo appropriato perché questo non si ripeta, ma se ne escono con un comunicato (VEDI) che è un’offesa al buon senso.   Prendono tutti i Cittadini come minus habens?     Perché devono cercare di prenderci in giro raccontando di obblighi adesso non differibili?    Certo: se hanno lasciato trascorrere inutilmente il tempo fra il preavviso e l’inizio lavori senza far nulla,  si potrà far poco.

Ma ciò non è causa del fato cinico e baro, bensì della loro inefficienza!   Che ci vanno raccontando degli obblighi UE sul sistema idrico e fognario statale che hanno fortemente voluto e che in Europa viene giudicata situazione indegna per un paese che ne fa parte.    Città Ideale ne ha parlato il 17 Maggio (VEDI).    I lettori (gli amministratori soprattutto) lo leggano, lo rileggano: c’è da farsi rizzare i capelli in testa; solo un assaggio:

Intanto in Lombardia si sta realizzando una struttura sempre più grande, sempre più monopolistica e autoreferenziale. Monopolio che si chiama CAP Holding che bellamente annuncia fusioni e crescita di dimensioni, presunte razionalizzazioni e… Per il biennio 2014-2015,….. ha staccato un assegno da 134 milioni di euro per rispondere alla procedura di infrazione europea.

Invece di favoleggiare per far digerire danno e intoppi, agiscano da responsabili!     Che almeno i nostri pasticcioni che si dimenticano dello sciacquone dopo averla fatta, non ci prendano per i fondelli raccontando favole.    Abbiano una buona volta il coraggio di chiedere scusa ai Cittadini, impegnandosi a non ripetere più di queste “dimenticanze”.

STASERA TUTTI A GUDO PER LA FESTA!!

CENA CANTI E TANTI AMICI CHE CI ASPETTANO

Tag: ,

  1. #1 scritto da Paola il 26 settembre 2015 12:27

    Quando gli uffici del comune non funzionano, accade che:

    - lavori già appaltati da più di un anno, obbligatori, non vengono opportunamente seguiti in tempo con le procedure previste.
    - ad agosto il tecnico del comune non era disponibile per approntare i documenti necessari.
    - il termine ultimo dei lavori per i finanziamenti 31/12/2015, poi il comune pagherà una mora.
    - isolamento del borgo di Gudo, per quasi 2 mesi, senza interessarsi dei cittadini che ci abitano e delle attività che possono perdere il lavoro di 1 anno.
    - non proporre nessuna alternativa all’accesso, se non il totale disinteressamento del sindaco.
    - l’ufficio ecologia che non si pone neanche il problema di raccolta dei rifiuti.

    Grazie ai preziosi uffici di Jack!

    RE Q
  2. #2 scritto da Flavio T. il 26 settembre 2015 16:46

    Una giunta di sfigati !
    Che hanno portato sfiga e disagio !

    Con orgoglio la frazione di Gudo propone sempre i migliori valori, che ci uniscono:

    comunione col paesaggio e l’amicizia !
    Chi dice con disprezzo “ciellini intimi” o cose simili
    non ha capito nulla di Don Giussani, dell’uomo e della società !

    Maiorano & C. : che imparino alla svelta cosa sono i tempi e i metodi !

    Ne abbiamo piene le p…. !

    RE Q
  3. #3 scritto da Miserabile di Montecristo il 26 settembre 2015 17:10

    Cosa avrebbero dovuto scrivere?

    Cari cittadini di Gudo, siete pochi e, oltretutto, in larga misura non votate per noi, per cui per la nostra amministrazione non contate un ca..o!

    Ovviamente no.

    Ecco, quindi, la solita propaganda spicciola fatta di frasi fatte e scuse insostenibili (nemmeno un bambino di tre anni se le berrebbe).
    Non si poteva fare altro, ce lo chiede l’Europa (hanno scritto così! Come se l’Europa avesse preteso che i lavori si facessero in concomitanza con la festa patronale), anche volendo non avremmo potuto, le alternative sarebbero state peggiori.

    Un suggerimento per l’Assessore alla cultura: un bel concorso dedicato alle prime elementari di Buccinasco dal titolo

    “Soluzioni alternative per i lavori a Gudo Gambaredo”.

    Scommettiamo che i bambini di prima elementare avrebbero tirato fuori almeno una dozzina di soluzioni migliori di quella della Giunta?

    Purtroppo a Buccinasco non governano i bambini di prima elementare.

    RE Q
  4. #4 scritto da Saccavini il 26 settembre 2015 17:49

    Non è pensabile che il comportamento che si sta rivelando ostativo per la Comunità di Gudo, sia stato preordinato
    (anche se altre posizioni assunte danno dimostrazione di un agire divisivo se non vendicativo)

    si tratta di banale disorganizzazione e disinteresse su quanto non sia caldeggiato da qualcuno dei politici di maggioranza
    questo è il pensiero di Città Ideale

    tuttavia il risultato per i Cittadini coinvolti è il medesimo, purtroppo

    buona serata Flavio

    RE Q
  5. #5 scritto da Saccavini il 26 settembre 2015 17:53

    Il saggio Jean Valjean di Montecristo, non conte ma miserabile….

    che bel suggerimento viene per le nostre scuole: sarebbe un bel tema da dare ai bimbi di Gudo….

    Sulle esperienze di vita che ci coinvolgono la scuola diventa maestra e ci fa crescere.

    buona serata

    RE Q
  6. #6 scritto da Roberto 2 il 27 settembre 2015 09:22

    L’hanno fatto di proposito!

    Guerra totale contro tutti quelli che non sono allineati con i dictat dell’amministrazione comunale.

    Chi vive a Buccinasco sa che tutte le persone, associazioni, scuole, imprenditori, etc. etc., NON dichiaratamente di SINISTRA, vengono boicottati in tutti i modi.

    Questa è la REGOLA! Tabula rasa senza possibilità di replica!
    Evviva la DEMOCRAZIA !!!

    RE Q
  7. #7 scritto da Saccavini il 27 settembre 2015 09:53

    Buon giorno Roberto (lo chiameremo 2, per non generare confusione con altro dal medesimo nome, autentico),

    In effetti l’agire sembra proprio ripescare concetti leninisti da dittatura del proletariato (che naturalmente sono solo loro a rappresentare);
    fanno male alla Comunità, ma non sono pericolosi: odore di stantìo, risaputo e prevedibile.

    Che nel 2015 si agisca con questi metodi, con la testa ferma al 1917 (108 anni fa!), forse senza rendersene conto, ha del sorprendente se non unico.
    Circa il modo del fare politica di questa amministrazione si potrebbe considerarlo un laboratorio in vitro della residua dittatura del proletariato…

    Non per molto ancora,……

    buna giornata

    RE Q
  8. #8 scritto da Saccavini il 27 settembre 2015 09:53

    Buon giorno Roberto (lo chiameremo 2, per non generare confusione con altro dal medesimo nome, autentico),

    In effetti l’agire sembra proprio ripescare concetti leninisti da dittatura del proletariato (che naturalmente sono solo loro a rappresentare);
    fanno male alla Comunità, ma non sono pericolosi: odore di stantìo, risaputo e prevedibile.

    Che nel 2015 si agisca con questi metodi, con la testa ferma al 1917 (108 anni fa!), forse senza rendersene conto, ha del sorprendente se non unico.
    Circa il modo del fare politica di questa amministrazione si potrebbe considerarlo un laboratorio in vitro della residua dittatura del proletariato…

    Non per molto ancora,……

    buna giornata

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth