Buccinasco e municipio: pasticci che proseguono sembrano gravi

La gestione dell’Albo Pretorio peggio che approssimativa è già stata denunciata da Città Ideale: date di pubblicazione improbabili, allegati che mancano, oppure che sono privi di data (VEDI). Sono capitati casi che hanno costretto chi amministra a ripetere le pubblicazioni. Naturale che l’intento non si limiti alla denuncia:  nel nostro ruolo ci proponiamo di rende note notizie che passerebbero sotto silenzio e non sarebbero conosciute; le nostre valutazioni  sulle medesime.

Quando dalla amministrazione ne vengono correttivi, sistemazioni o comportamenti migliori (qualche volta succede, seppure raramente) ci basta, ne siamo soddisfatti: si tratta di un vantaggio per  la Comunità e ciò ci basta. Non ci interessa un riconoscimento; un grazie qualche volta sarebbe educazione cortese. Non viene ma non ci contiamo; ci interessa molto meno.

Se invece (come molto più spesso succede) non si tiene conto, non si risponde, non si reagisce ed anzi si insiste in un procedere che non va in parallelo con le buone regole e le normative, poi siamo costretti a presentare esposti a chi di dovere. Gli uffici investigativi e giudiziari saranno pieni di atti del genere, le procedure sono bizantine al limite dell’incoerenza e i tempi per un intervento conclusivo sono spesso inferiori ad un mandato.

Quindi i nostri amministratori, se ne fregano, come è d’uso dire. Non danno importanza ed anzi sfruttano questo stato di cose  per agire come a loro viene comodo,  pensando di essere autocrati: detentori del potere e anche delle regole. Allora a Città Ideale non resta altro che procedere e attendere. In un modo o nell’altro arriveranno al capolinea: sono pro tempore. Il potere, quello vero, è dei Cittadini.

Partiamo ancora dall’Albo Pretorio che in questo caso si lega con le dimissioni del Segretario Patrizia Bellagamba presentate il giorno 14 Luglio con effetto immediato). Abbiamo avvertito  che, con gli incarichi assegnati al medesimo, in assenza di Segretario diventa obbligatorio riordinare poteri e regole senza le quali non si possono approvare deliberazioni se viene meno la prevista supervisione del Segretario per renderli compiuti. Dopo il giorno 15 infatti non ne sono stati più pubblicati.

La cittadinanza viene messa al corrente dal Sindaco che il Segretario se ne è andato, la sera del giorno 20. Che però, lui dice: … Per il momento e per un certo tempo,  la dr.ssa Bellagamba ha garantito la sua collaborazione al nostro Comune al fine di chiudere definitivamente partite aperte, delle quali ha una dettagliata conoscenza. Non dice che tipo di collaborazione, ma il Segretario fino a Venerdì 24, e dal giorno 13 scorso, non è stata vista in Municipio.

Infatti  non è stata pubblicata determina o delibera dal giorno 15 al giorno 24 sera (Venerdì), come si può vedere dall’Albo Pretorio. Le pubblicazioni di Venerdì si riferiscono a delibere di Giunta, tutte di dieci giorni addietro. Fatte alle 17,30 di martedi, presente il Segretario (che nessuno avrebbe visto in Municipio). Gli atti pubblicati però lo affermano. Con tanto di firma del Sindaco e del Segretario medesimo. Anzi no!  Negli atti c’è lo spazio per la firma, ma la firma non c’è! In nessuno degli atti! Né dell’uno, né dell’altro.

Fra le domande che vengono: come può la giunta riunirsi e deliberare il giorno 14, con lettera di dimissioni del Segretario dall’effetto immediato,  ricevute probabilmente prima?  Che valore ha un atto pubblicato privo delle firme? Ma c’è dell’altro: l’allegato della Relazione sulla valutazione delle performance, composto di 151 pagine, reca su ogni pagina la sigla di un funzionario, non si sa quando fatta:  privo di data e di firma che ne attestino l’approvazione, che la determina (priva di firme) asserisce essere stata approvata il 07 Luglio. Allora:

Che valore ha un allegato che non attesta la corrispondenza della affermazione espressa dalla determina?

E’ vero ciò che dice il Sindaco: cioè  che il Segretario “ha garantito la sua collaborazione”?

La svolge la sua funzione di Segretario ? Lo stiamo ancora pagando il Segretario?

L’amministrazione Maiorano ritiene così di dar luogo alla pubblicazione di atti sull’Albo Pretorio?

L’Albo Pretorio sta pubblicando documenti che documenti non sono?

Vorrà rispondere e chiarire o saremo costretti a rivolgerci a chi di dovere?

Tag: ,

  1. #1 scritto da Cittadino attento il 26 luglio 2015 16:15

    Una osservazione tecnica credo possa aiutare a chiarire, questi comportamenti.

    Domani Lunedì è 27: san paganino…

    Negli stipendi dovevano andare i premi distribuiti ai funzionari assunti nella squadra da questa amministrazione.
    Da qui l’esigenza, le pressioni, perché le promesse fossero mantenute…

    Pressioni che devono essere state ben pesanti….

    Roba da funamboli sul filo sopra le cascate del Niagara, se a rompere le loro uova nel paniere non venisse Città Ideale.

    La domanda delle domande però rimane:

    Quale è stata la causa di questa rottura verticale fra Segretario e Sindaco?
    Non può andarla a raccontare come cambiamento discusso e condiviso: non siamo all’asilo mariuccia.

    Da ricordare, ….
    Bisogna che non la passino liscia, quando verrà il momento

    RE Q
  2. #2 scritto da Saccavini il 26 luglio 2015 16:49

    Già, Cittadino attivo. il 27 è san paganino in Comune.
    La situazione però si complica: d’accordo che il programma delle performance richieste è stato proposto a Luglio dell’anno scorso e confermato verso fine anno.

    Perché la riunione per l’esame e la sua conferma si tiene dopo sei mesi dalla chiusura dell’anno e 20 giorni prima della sua erogazione?

    Ammesso che quanto scritto nei pezzi di carta non firmati, pubblicati in Albo Pretorio, corrisponda al vero….

    Ammesso che la data esposta sulla approvazione della delibera sia il 24 (giorno della pubblicazione) e non il giorno 14 (data che i pezzi di carta senza firma indicano come seduta di giunta, presente il Segretario appena dimissionario….)

    Una soluzione messa in piedi in fretta e furia, per accontentare qualche recalcitrante?

    In Albo Pretorio: luogo ove devono essere esposti atti veri e autentici, con firme e timbri che li certificano… (O forse no?)

    RE Q
  3. #3 scritto da Emilia B. il 26 luglio 2015 21:22

    Secondo me il nocciolo della questione è capire come mai il segretario abbia avuto così tanta fretta di andarsene …

    Che poi sia stata fatta tornare per sistemare i “conti” di San Paganino dei propri protetti e’ secondario…

    Anche se non lecito!

    RE Q
  4. #4 scritto da Saccavini il 26 luglio 2015 21:59

    Buona sera Emilia,

    Il tema che Città ideale ha inteso mettere in evidenza è un po’ diverso:
    La delibera di San paganino non è di venerdì 24…..
    secondo gli atti pubblicati è di 10 giorni prima: il 14…. (alle 17.30)
    Quando lo stesso venerdì 14 il Segretario ha inoltrato le dimissioni con effetto immediato…. che certamente non ha inoltrato a uffici chiusi…

    Gli uffici, stando agli atti, avrebbero tenuto nel cassetto la delibera (+ altre due, di poco conto) per dieci giorni.

    Ma gli atti pubblicati sono tutti privi di firme!
    Quindi di validità almeno dubbia….

    La pubblicazione del 24 ha la coincidenza temporale di una urgenza…. per san paganino

    Che in sé non è illecito, ma molto contorto, carente nei documenti, poco trasparente.
    Ben poco trasparente

    Ci sapranno dire qualcosa, oppure ne sapremo dalle verifiche che verranno

    buona serata

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth