Presidente del Consiglio Comunale: distorsioni e falso patente

D’accordo che i nostri eletti in Consiglio, nella media, non sono culturalmente attrezzati; che nello scegliere il loro presidente non sono andati tanto per il sottile, forse anche perché non competenti nel profondo della funzione e dell’incarico. Quindi se abbiamo un Presidente del Consiglio che deraglia dal suo ruolo, può succedere.

Cominciamo col ricordagli che nel suo social network, se oltre al suo nome ci mette l’incarico nel titolo, quando si esprime deve prestare attenzione all’incarico. Se vuole sottolineare l’incarico, poi deve svolgere la sua comunicazione tenendo conto del ruolo, con l’equilibrio e equidistanza che l’incarico richiede. Questo è il minimo, è rispetto della istituzione, e di se stessa. Non può correre il rischio di essere sbugiardata. Invece …..

Non siamo fra i lettori, neppure saltuari, di questo luogo virtuale. Ci siamo andati casualmente perché indirizzati da altri che ci segnalavano uno strafalcione indecoroso. Ciò che è apparso Venerdì 17 e riportiamo, eccolo:

A Buccinasco è arrivato l’ESERCITO del Movimento 5 stelle a PATTUGLIARE il territorio . Pare che abbiano ridotto la criminalita’ del 70% in una settimana. Hanno un protocollo. In caso di pericolo 1: segnalare macchina sospetta. In caso di pericolo 2: urlare alladro alladro! Grazie per i consigli. Mi bevo sto cappuccino va… Tutta la mia solidarietà alle forze dell’ordine che ogni giorno svolgono un lavoro difficile e delicato con professionalità.

I lettori di Città Ideale cosa sia il Controllo del Vicinato lo conoscono bene, ne abbiamo parlato più volte. I 5200 iscritti al social network che propone le posizioni del M5S pure. Non ci sono ronde, che vengono anzi sconsigliate. Un’iniziativa dei Cittadini (che non sono aderenti a M5S, ma solo Cittadini abitanti a Buccinasco), costituiti in gruppi che si impegnano a segnalare all’interno movimenti sospetti o reati, effrazioni, furti o altro al loro responsabile, il quale verifica e si interfaccia con le forze dell’ordine.

Certamente la Cittadina Presidente è del pari a conoscenza della situazione. Come del successo davvero inaspettato, con oltre 200 aderenti che stanno ogni giorno aumentando. Non è una iniziativa di partito, non vi sono spese, solo impegno volontario degli aderenti .  Proprio il contrario, l’opposto della situazione reale.

Mica il semplice pinco pallino che parla solo per sé e della responsabilità risponde solo a se stesso. Scrive spensieratamente da un luogo che dopo il suo nome riporta: Presidente del Consiglio Comunale. Perché allora ? quale è lo scopo di una figura così poco degna per la persona e per l’istituzione che rappresenta?

La partecipazione attiva dei Cittadini entro il Controllo del Vicinato sta funzionando, con la collaborazione reattiva dei carabinieri. I Cittadini si sentono più Comunità e solidali; ciò genera sicurezza, soddisfazione e riscontro nel trovare tanti Cittadini egualmente disinteressati, soddisfatti di quanto possono fare di aiuto. I risultati si vedono, eccome! In un periodo dell’anno nel quale furti, effrazioni e altro tendono a crescere, si sta già notando un diradarsi dei malintenzionati.

Questo da fastidio ed ecco allora che Cittadini di Buccinasco seguono a ruota 34 commenti quasi totalmente poco civili, con espressioni offensive e banali verso i “grillini” (che sono i promotori): caso sociologico, parafascisti e via di questo passo. Che il Presidente del Consiglio Comunale lascia senza intervenire, mentre ad una Cittadina che la invita a ragionare, afferma di chiuderla lì che  è già tutto chiaro.

D’accordo che il far politica, come disse uno del “mestiere” trent’anni fa, è un impasto di sangue e m., e che questa gentilissima signora ne applica i criteri.  Qui siamo al di fuori di ogni regola del vivere democratico, di un far politica con un minimo di dignità e rispetto dei Cittadini. Anziché incoraggiare e complimentarsi con loro, ne teme la “concorrenza”.

La politica, con i suoi sodali, la ritengono cosa loro. I Cittadini devono star zitti, non far nulla e plaudire ai comunicati auto esaltanti  dal sito del nostro Comune, che paghiamo noi Cittadini. Così come noi Cittadini assicuriamo alle gentilissima autorevole signora, con le nostre tasse, anche l’emolumento mensile riconosciutole per la carica. certamente meritato per lo straordinario impegno profuso per il bene di noi Cittadini e dell’intera Comunità.

Tag:

  1. #1 scritto da Salvatore (Toti) Licata il 21 luglio 2015 20:59

    Tralasciando la questione soggettivamente “squallidina”, ritengo invece di vitale importanza, territorialmente, lo sviluppo del tema SICUREZZA di VICINATO.

    Da esperto qualificato, sono professionalmente disponibile ad un confronto tecnico.

    Legalmente, male fa l’attuale Amministrazione a integralmente ignorare un tema ed un progetto di cui spesso (o spessatamente fate voi) si fregia: la LEGALITA’ che presuppone comportamenti, credibilità, coerenza e conduzione amministrativa notevolmente più chiara e trasparente.

    La squadra amministrativa deve essere fondamentalmente utile per raggiungere l’obiettivo di Essere utile alla collettività locale ed alle persone. TUTTE, nel rispetto del credo e della visione politica!

    Fondamentale: Ascoltare, Riflettere, Agire!
    Solo così, anche gli amministratori e NON solo la comunità, potrà crescere in modo sano ed equilibrato per i nostri figli e lasciare un territorio UTILE e NON, come sta accadendo con i giovani in fuga.

    Grazie Buccinasco

    Salvatore (Toti) Licata

    RE Q
  2. #2 scritto da Saccavini il 21 luglio 2015 23:02

    La novità da qualche anno che sta vivendo Buccinasco, è la crescita dei Cittadini.

    Aumenta la partecipazione e la voglia di fare, di esserci per fare Comunità, renderla viva su principi, magari ancora semplici come la sicurezza, nella quale i Cittadini si identificano.

    Una novità straordinaria, tanto più perché non ancorata a liste civiche più o meno fasulle, nella quale M5S si distingue naturalmente data l’origine su cui è nato e si sviluppa il movimento.
    Si tratta di uno sviluppo, anche organizzativo, aperto entro cui conta esserci e dove le aspirazioni personali di rappresentanza sono in secondo piano.

    Lo straordinario è l’assenza, la totale estraneità delle forme e gruppi politici “storici”: non solo questi non cercano di introdursi e intromettersi (ci sarebbe da aspettarselo) ma ciechi come talpe, non vedono o meglio, fanno mostra di non vedere e non capire, il movimento della Comunità che si sveglia.

    Cercano di esorcizzarlo con sparate di questo tipo oppure, in alternativa, con un’ allargamento “metropolitano” della sicurezza (che sul piano dei metodi e dei risultati cambierà ben poco (o nulla, se non una maggiore complicanza e costo organizzativo)

    buona serata

    RE Q
  3. #3 scritto da Carla il 22 luglio 2015 00:27

    Ma considerate chi esprime alcune “perle”!

    Si sta parlando della peggiore presenza in consiglio comunale!

    Ma la “signorina” ricopre un ruolo con competenze adeguate e con un comportamento altrettanto adeguato?
    Ma per favore!

    Fategli vivere ancora qualche mese di stipendio facile, poi avremo modo di osservare il suo futuro politico, professionale e soprattutto personale.

    Avremo tempo per ricordare comportamenti da pallone gonfiato!

    Nel frattempo i cittadini e le cittadine di Buccinasco perseguono la “legalità” non a parole ma con i fatti, a gratis!

    RE Q
  4. #4 scritto da Saccavini il 22 luglio 2015 06:52

    Non abbiamo una conoscenza approfondita nel tempo.
    Possiamo però ricordare la Presidenza del Consiglio Comunale in corso di mandato Cereda: un’altra storia, per comportamento e serietà.
    L’hanno proposta loro, la sostengono, quelli della attuale maggioranza, ne sono responsabili.

    pro tempore, sempre pro tempore

    e di tempo ce n’è sempre: visto in distanza questo oscuramento istituzionale, è lo sprazzo di un attimo,

    il tempo ha sempre ragione di tutto e il tentativo di sfruttare l’occasione per proprie soddisfazioni emotive trattando i Cittadini che si impegnano nel sociale come fossero servi analfabeti… è solo autolesionista

    buona giornata Carla

    RE Q
  5. #5 scritto da Islero il 22 luglio 2015 10:33

    L O S C O P O,
    si purtroppo è estremamente evidente il fine di tale comportamento,
    lo si coglie soprattutto con la sua forsennata gara al presenzialismo,
    sui media e su temi più o meno variopinti,
    l’importante non essere ma apparire,
    farsi fotografare non partecipare.

    Il tutto legato ad una scalata sociale che la porterà ad avere un ruolo sempre maggiore all’interno della sua classe politica, ed a una considerazione maggiore anche nel PD.

    Ricordiamoci comunque il retaggio di questo soggetto “politico”, il tutto ha origine da un contesto di precarietà, che con la sua adesione alle diverse cooperative sia prima che dopo, e alla virtuose azioni legate al “lavoro” dell’antimafia e/o anti ‘Ndrangheta e/o anti omofobia… e qualsiasi altra cosa sia anti.., la ha portata ad essere un candidato ideale da poter portare in “vetrina”, e per poter fare le proprie mosse anche dalle retrovie, di vecchi sindaci caduti in sventura (de-caduti, ndr), ma che hanno ancora molto da perdere.

    In realtà sono convinto che se fosse “autonoma” sia nel pensiero che nelle “azioni” potrebbe essere potenzialmente un’ottimo soggetto politico, ma fino ad oggi ha dimostrato la sua completa pochezza nei significati,
    proprio perché succube di una certa gratitudine servile nei confronti dei suoi maggiori supporters.

    Nella speranza che esca dal bozzolo è che da brutto anatroccolo si trasformi in un bel cigno.

    RE Q
  6. #6 scritto da Saccavini il 22 luglio 2015 11:44

    Tutto è possibile Islero, tutto…

    anche se le posizioni di partenza sono da retrovia….

    L’esempio di un imbianchino divenuto primo cittadino e dittatore di uno dei maggiori (e colti) aggregati statali del mondo, non è pertinente, ma rende idea delle potenzialità teoriche, anche imprevedibili.

    Lo spessore delle conoscenze e la capacità di analisi finora sono basic: che possa far carriera entro un partito (qualsiasi partito) non dipende dalle capacità intrinseche ma soprattutto dalla disponibilità alla funzione di yesman (per la quale sembra portata).

    Poi esiste la resipiscenza: la capacità di valutare la strada che si sta percorrendo trovandola sbagliata e cambiare… vien in mente Agostino, quello delle Confessioni, manicheo di vaglia, battezzato da Ambrogio a Milano…. l’inventore delle “memorie” come forma letteraria, un grandissimo esempio dell’antichità, precursore della liturgia luterana con un millennio di anticipo
    (non le avrà lette probabilmente – le Confessioni – : lo consigliamo a lei e a coloro che non hanno avuto occasione di conoscerle)

    Restiamo all’oggi: un modo del far politica da gettare fra i rifiuti della storia, per il bene del paese.

    buona giornata

    RE Q
  7. #7 scritto da Flavio T. il 22 luglio 2015 14:07

    Egregio Islero,
    io i miei “politici” li voglio che profumino di fatica, e non di opportunismo.

    Che quando parlano di cifre e di costi per i cittadini, li confrontino con il loro fare giornaliero.

    Mi spiego: l’imprenditore De Palo siede sui banchi del Consiglio, così come sulla scrivania della sua Azienda.
    Di Rapetti e Iocca io conosco bene le loro attività.

    Della signora Cortinovi io conosco il marito medico e i suoi due figli, lo stipendio e i problemi dell’insegnamento, perché sono figlio di un’insegnante.

    Non c’ è più tempo, né speranza in una maturazione:
    il personaggino è quello che è,
    e mi spiace dovesse leggere, cara Rosa Palone.

    Per diventare donna ne deve mangiare ancora tanti di taralli pugliesi fatti dalla mamma !

    In tre anni che la seguo solo espressioni di affettata antimafia,
    presenza ingombrante, fastidiosa e inutile:
    per Dio, un’utilità l’ha avuta,

    che io ora sia più severo con Maiorano e ne voglia le dimissioni !

    RE Q
  8. #8 scritto da Saccavini il 22 luglio 2015 14:36

    Occorre fare il punto sulla situazione oggettiva però, Flavio.

    La giovane età, l’inesperienza di cui è portatrice il Presidente del Consiglio Comunale stanno generando considerazioni dal sapore didatti, quasi paternalistico.

    Comprensibile sul pian umano, molto meno se i comportamenti sono rivolti all’istituzione che rappresenta.
    Sul piano umano lasciamo a lei tutte le possibilità di crescere e percorrere il cursus honorum a lui più favorevole.

    l’istituzione Presidente del Consiglio Comunale è inaccettabile quando condotta in questi modi, di parte e facendo uso di artifici polemici contrari alla realtà.
    Le nostre istituzioni locali vanno preservate e salvaguardate. ci rappresentano tutti.
    (anche il Sindaco, ovviamente)

    buona giornata

    RE Q
  9. #9 scritto da Rino il 22 luglio 2015 15:34

    Chi è brutto anatroccolo vuole diventare cigno (purtroppo non ce la farà mai…mancano i fondamentali) a qualsiasi costo.

    Si può essere brutte ma intelligenti e autonome, invece si può essere mostri ma anche servi, inginocchiati a servire quello di turno.

    Si, perché le “cesse” solitamente servono un maschio, a volte più di uno se la necessità di riconoscimento è elevata.

    Chi arriva da famiglie disastrate o da esperienze personali mortificanti (si può avere il padre alcolista, il fratello fuori di testa o la mamma facilona o avere un minus intellettivo) cercherà di avere “un posto al sole” a qualsiasi prezzo.

    Può essere uomo o donna, la sostanza non cambierebbe.
    In alcuni casi il problema è molto complicato.

    Ha di tutto un po’.
    Solo uno specialista potrebbe intervenire nel merito.

    RE Q
  10. #10 scritto da Saccavini il 22 luglio 2015 16:26

    Qui signor Rino siamo a questioni che non riguardano il caso specifico, si tratta di comportamento pubblico.

    In senso generale può essere (e succede tuttora) che un paria indiano quasi analfabeta riesce a diventare un teorico matematico perché scoperto da un ufficiale inglese, sorpreso dalle deduzioni logiche che può esprimere, finisce in una istituzione fra le principali dell’Inghilterra anteguerra, poi ritorna in India e muore quasi di stenti; persona che è considerata tuttora un grande teorico di sistemi teorici sui numeri, con pagine e pagine di scritti ancora da decodificare.
    A casa nostra pensi ad Angelo Rizzoli, ad esempio: orfano e cresciuto ai Martinitt…

    L’origine non è una tara dalla quale non si esce: in tutte i principali sistemi d’istruzione sono coltivati e riservati percorsi agevolativi, per chi avesse meno possibilità. La promozione sociale, che si basa molto sull’istruzione, viene misurata e indica una condizione di maggiore o minore democraticità.
    In questo, anche in questo, l’Italia con il suo sistema statalistico-burocratico è in fondo alla scala.

    Non crediamo poi che chi viene da condizioni problematiche sia portato ad agire in modalità servili, da yesman.
    Nella maggior parte dei casi il comportamento sociale è basato su parametri diversi.

    Tende al comportamento servile chi ha raggiunto un ruolo, una funzione senza possedere la sicurezza di compiere bene quanto gli è richiesto: in questo modo cerca di compensare una inadeguatezza che magari solo lui percepisce.

    Viceversa chi è sicuro della propria capacità e preparazione, è meno propenso ad agire mettendo in secondo piano la cosa che ritiene giusta per rispettare l’orientamento di chi gli sta sopra.

    Questione abbastanza distante da questo articolo: il ruolo di Presidente del Consiglio Comunale

    buona giornata

    RE Q
  11. #11 scritto da Napoleone Buonaparte il 22 luglio 2015 18:24

    Io non capisco il PD inteso proprio come partito,

    tutti i dirigenti che conoscono la realtà del PD Buccinasco affermano che se fosse per loro i nostri politicanti li prenderebbero a calci in …. dal primo all’ultimo e li manderebbero fuori,
    però nessuno lo fa perché?

    Tutti dicono che sono incapaci, e anche peggio che non vogliono avere nulla a che fare con loro…..

    ma questi nostri mediocri politici (per il loro PD) restano li inchiodati alla poltrona
    pagati ……. coi nostri soldi

    a pensare del loro interesse (politico, d’immagine o d’altro ndr) e non all’interesse comune, perché?

    RE Q
  12. #12 scritto da Saccavini il 22 luglio 2015 23:05

    Belle domande Buona parte,

    per poter costruire un cambiamento, una dirigenza superiore deve poter contare su sostituzioni credibili e un po’ più solide.

    Viene da pensare che, almeno dando credibilità a ciò che affermano, manchino le carte di ricambio.
    In queste condizioni diventa preferibile lasciare le cose al loro stato, sperando in nuove figure su cui contare,….
    Imporre una cambiamento mettendo figure esterne è troppo rischioso…. (per il PD come struttura complessiva)
    Ipotesi, … ragionevoli ma ipotesi

    mandarl ia casa tocca ai Cittadini; dei partiti, di tutti i colori noi Cittadini dobbiamo imparare a farne a meno

    buona notte

    RE Q
  13. #13 scritto da Emilia B. il 22 luglio 2015 23:49

    Non è una questione da sottovalutare, né da far trascendere in svalutazioni personali!
    Anzi, la questione è molto seria, non dobbiamo fare lo stesso errore della sopracitata fanciulla!

    Infatti, senza andare molto lontano, proviamo a fare un piccolo salto indietro, in termini di giovane età, e Buccinasco, ha già avuto un presidente del consiglio tra i più giovani d’Italia all’epoca, che nonostante il colore politico, emergeva per la sua correttezza e senso delle istituzioni,
    soprattutto il rispetto di queste,
    ahimè suonerà male, ma è proprio un suo omonimo,

    il consigliere Iocca Luigi.

    RE Q
  14. #14 scritto da Rino il 23 luglio 2015 01:10

    Bonaparte tutti i partiti o i dirigenti di partito non si dissociano mai da chi governa pro tempore.

    A meno che non arrivi la magistratura.

    Se la magistratura non arriva, anche se i rappresentanti politici di un partito, andassero ad esempio a pranzo con qualche mafioso…nulla accadrebbe…
    perché non ci sono reati…
    Perché quelli che governano in quel momento potrebbero servire…

    Ecco, io penso questo,

    RE Q
  15. #15 scritto da Saccavini il 23 luglio 2015 08:03

    La tendenza generale è quella che ci racconta Rino;

    prima di tutto, finché c’è consenso, chi è alla guida locale viene bene …..

    del resto, in strutture para partitiche, o collaterali al partito, come le coop, la situazione è la medesima.
    Finché crescono con appalti e servizi pubblici, tutto va bene.
    Buzzi compresi; dopo, solo dopo si prendono le distanze

    buona giornata

    RE Q
  16. #16 scritto da Napoleone Buonaparte il 23 luglio 2015 10:29

    E allora di cosa parliamo l’Italia

    sarà sempre nella melma,
    con sindaci che vanno a pranzo coi boss per concordare ………,

    funzionari che vengono messi e tolti a piacimento per poterli dirigere secondo i propri interessi,

    pagare fatture ……. senza che abbiano fatto lavori, senza applicare sanzioni, oppure dando una multa di 30 euro a chi ha recato danni per 100 o mille,

    quindi è inutile lamentarsi sappiamo benissimo perché tutto va a catafascio….
    lupo non mangia lupo

    RE Q
  17. #17 scritto da Saccavini il 23 luglio 2015 12:12

    Buona parte Buona parte….

    per esaminare la realtà non si deve considerare l’eccesso come un comportamento generale…

    Conta l’insieme (che è men che mediocre e dannoso),
    soprattutto aver chiaro che l’interesse di persone che hanno abbondantemente superato il Principio di Peter, è lo stipendio, i galloni (che, più sono immeritati, maggiore è la soddisfazione), il consenso per essere rieletti.
    In questi intendimenti, l’interesse della Comunità, quando va bene, viene dopo.

    ma con il voto il potere è dei Cittadini: questo è ciò che conta, questo è l’obiettivo su cui lavorare

    buona giornata

    RE Q
  18. #18 scritto da Luigi Iocca il 23 luglio 2015 13:15

    Salve a tutti,

    anche se non ti conosco, cara Emilia B., ti ringrazio per il complimento; davvero molto gradito.

    Che pena vedere la nostra bella Buccinasco ridotta così, ma fa ancor più pena constatare che aveva ragione Machiavelli, quando diceva che “ogni rivoluzione trae seco una controrivoluzione”.

    Onestamente non credo che questi signori sarebbero arrivati dove sono senza tutte le vicende giudiziarie che hanno coinvolto alcuni esponenti della precedente amministrazione.

    Per fortuna tra poco più di dodici mesi si tornerà a votare, e grazie alla nostra Costituzione Democratica finalmente i Cittadini di Buccinasco potranno scegliere una nuova classe dirigente.

    Laddove non potè il terremoto, arrivarono le urne.

    Cordialità.

    Luigi Iocca

    RE Q
  19. #19 scritto da Saccavini il 23 luglio 2015 13:49

    La citazione di Iocca da parte di Emilia B. è perfino esagerata, data la differenza di spessore.

    Per chiarezza, e non diminuendo il peso del ruolo, qui non si tratta di posizioni politiche: distanti, fra i due personaggi posti a paragone.

    Iocca è stato visto in azione come presidente di Commissione e nel caso abbiamo avuto un buon giudizio del comportamento tenuto, del rispetto delle minoranze, accettazione di interventi di Cittadini, e dibattito in commissione che ne è seguito.

    L’esatto contrario del comportamento che tutte le commissioni cui abbiamo partecipato, in corso di questa amministrazione: l’esclusione categorica di qualsiasi Cittadino, zittito perché in Commissione ai Cittadini non è consentito intervenire.

    Un paragone calzante per la plastica differenza del sentire e vivere la democrazia

    questo è, a prova di smentita

    buona giornata

    RE Q
  20. #20 scritto da Andrea D. il 23 luglio 2015 23:04

    Ciao Luigi, non entro nel merito della discussione sul Presidente del Consiglio Comunale.

    A mio avviso, semplicemente un disastro, totalmente inadeguata, l’ho detto a più riprese e in tutte le salse: quando, se mai, passerà la mozione per rimuoverla sarà sempre troppo tardi.

    Per quanto riguarda le commissioni, pur avendo molto da ridire sul modo con cui operano (improvvisate, con materiali distribuiti al momento che rendono impossibile un lavoro proficuo), devo dire che, almeno nelle commissioni a cui ho partecipato (prevalentemente quelle bilancio, ma anche quella sul tema delle unioni civili), il clima non era così tetro (in più di un’occasione, benché teoricamente non previsto, ho avuto modo di intervenire e interloquire con i vari membri o con gli assessori competenti).

    Ciò non toglie che le commissioni vadano riformate, rese più proficue (con i materiali distribuiti per tempo, in particolare per quanto concerne i bilanci che spesso sono complessi e voluminosi) e più trasparenti (perché non riprendere i lavori e metterli on-line? Magari non in diretta, ma che almeno i cittadini possano vedere cosa succede in commissione, di cosa si parla e come.

    Io ci ho provato in un caso, con l’assenso del Presidente Parmesani e dell’Assessore Baldassare, non senza qualche contrarietà (VEDI) .

    Basterebbe davvero poco, solo un po’ di buona volontà).

    RE Q
  21. #21 scritto da Saccavini il 23 luglio 2015 23:11

    Ben trovato e buona serata Andrea…

    in effetti dobbiamo correggerci rispetto alla affermazione categorica del commento precedente.

    la commissione bilancio presieduta da Parmesani, ha consentito di porre domande e chiarimenti ed ha ottenuto l’assenso cortese di Baldassarre.

    Ben diversa la categorica esclusione di altre commissioni (quella su Bucci Castello, presente il sindaco; quelle sulla revisione dello statuto; più altre)

    scusino i lettori ma la rettifica è dovuta

    buona serata

    RE Q
  22. #22 scritto da Emilia B. il 26 luglio 2015 21:30

    Giusto per precisare mi riferivo al ruolo di Luigi Iocca proprio, come Presidente del Consiglio nella legislatura Lanati …

    Memore un suo intervento sul Tibet nel 1996 … Altra stoffa!

    RE Q
  23. #23 scritto da Flavio T. il 28 luglio 2015 15:30

    Anche se non è il mio abito,
    provo ad essere effervescente …

    Già nel prossimo Consiglio si capirà se,
    pronunziata Maiorano la canonica frase,

    “Un’ora segnata dal destino batte nel cielo della nostra Patria”,

    gli faremo una pernacchia,

    si sgonfierà tutto, e non solo lui ?

    RE Q
  24. #24 scritto da Saccavini il 28 luglio 2015 21:57

    Bella domanda Flavio T,

    di questioni oscure, prive di risposta, spiegazione, motivazione chiara, questa amministrazione ne ha molte da dare…

    questa del Segretario finora rimane l’ultima,
    non sarà certo lui a darne l’illustrazione … la chiusura è stata traumatica, illogicamente traumatica rispetto alle motivazioni addotte.

    Motivazioni che gli hanno richiesto dieci giorni pieni per rifletterci e avere un ok dalle controparti coinvolte e dalla sua maggioranza…

    ogni treno, per quanto lunga sia la tratta (ad esempio San Pietroburgo – Vladivostock, quasi diecimila km) si arriva al capolinea….

    buona serata

    RE Q
  25. #25 scritto da Flavio T. il 28 luglio 2015 22:48

    Egregio Saccavini,
    è forse dagli Anni ’40 che gli Scienziati sanno che
    nel momento stesso in cui rendono note le loro scoperte,
    perdono il controllo sulla loro utilizzazione pratica.

    Io non credo all’illogicamente traumatico, perchè credo nella conoscenza.
    E conoscere nel senso della Scienza vuol dire
    saper misurare,
    saper calcolare,
    saper prevedere.

    Dove sono i ponti che questi “uomini piccoli” si vantavano di saper costruire ?

    Tante volte l’ha insegnato il Prof. C. Rubbia:
    “Noi [fisici] arriviamo a Dio percorrendo la strada della ragione”.

    L’incipit della conoscenza è soltanto il metodo scientifico moderno.
    Quello che impressiona di più, della sua domanda [su chi siamo e dove andiamo], è che è comune a tutti.
    La più grande forma di libertà è quella di potersi domandare da dove veniamo e dove andiamo.

    Buon cammino:
    io vado sempre a piedi, anche per Vladivostock !

    RE Q
  26. #26 scritto da Saccavini il 28 luglio 2015 23:43

    Flavio T. se il cammino è così lungo è consigliabile dotarsi di una scorta adeguata di scarponi, volendo farla a piedi.

    Inevitabile il ricordo dell’esploratore russo, ufficiale di cui non ricordo il nome, che alla fine dell’Ottocento fece l’incontro con un “locale”: Dersu Uzala e ne scrisse una biografia commovente e appassionante, sulla Siberia e sulle esplorazioni , ma soprattutto sul grande animo di questo “locale” straordinario.
    Ne dovrebbe essere uscito anche un film, … ma il libro dell’esploratore (zarista, all’epoca dei fatti) è tra le memorie che rimangono dentro.
    Da consigliare….

    Quanto al traumatico illogico, non è l’aspettativa che conta ma l’ineluttabilità.
    Non ci deve lasciar dormire, ma preparare il terreno, tenendo la lucerna accesa mentre è buio… ‘a da passà a nuttata…

    buona serata

    RE Q
  27. #27 scritto da Saccavini il 29 luglio 2015 22:53

    Una sceneggiata in Consiglio, stasera, con attori mediocri, e qualche comparsa.
    Un Consigliere di maggioranza legge un documento firmato da tutti i gruppi di maggioranza, nel quale esprime solidarietà al Consigliere che ricopre la carica di presidente.
    Questo testo, che andremo a riprendere per intero, se avranno la faccia di renderlo disponibile, fa alcuni di collages su commenti (il #6, #9, 10#) riportando in modo distorto il contenuto, affermando che si tratta di commenti anonimi (il che non è), criticando Città Ideale ed esprimendo solidarietà al Consigliere presidente (su quanto citato distortamente).
    Sul testo in questione ha ottenuto la solidarietà di tutti, anche per la minoranza.
    Quando Città Ideale, su uno dei commenti criticabili aveva già espresso la seria e severa precisazione.
    Solidarietà sul falso, sul distorto: una operazione propria di questa amministrazione e suoi componenti, per la quale è esaurita la dotazione di aggettivi a discredito.
    Operazione degna di questi signori (si fa per dire), furbetti del partitino, che non meritano considerazione alcuna, mestatori e strumentalizzatori come sono e si sono dimostrati in questo caso.

    Questo articolo è confermato per intero e dimostra l’agire ben poco consono al suo ruolo, di questo Consigliere presidente.
    Sarà il caso che, ripresentandosi l’occasione, i consiglieri di minoranza prima di decidere, si informino puntualmente e verifichino. Rischiano, senza volerlo, di essere strumentalizzati, come a nostro parere in questa occasione è accaduto.

    RE Q
  28. #28 scritto da Islero il 30 luglio 2015 12:39

    S O L I D A L I,
    con tutte quelle donne e uomini che nell’ambito comunale sono stati maltrattati dalla Jack amministrazione, dagli innumerevoli e corposi comportamenti diretti e indiretti allo scopo di allontanare ed isolare le poche persone, che hanno avuto la dignità di custodire il rispetto del proprio operato e della loro figura
    in una amministrazione che è tesa al disprezzo delle regole e all’occultamento dei fatti e dei documenti a loro poco graditi.

    Sono tanti ed innumerevoli gli episodi riportati e documentati, atti volti con la cieca convinzione di piegare qualsiasi soggetto a loro poco incline.

    Si, a tutte queste persone va la nostra piena solidarietà, non solo ai privilegiati attaccati alle poltrone della mera politica per fini opportunistici.

    Si alla gente semplice, che combatte ogni giorno per il rispetto dei propri diritti.
    Buccinasco alza la testa!

    RE Q
  29. #29 scritto da Rino il 30 luglio 2015 13:06

    Non so cosa abbiano scritto o riportato in consiglio comunale.

    Ovviamente il mio commento era generale e non rivolto assolutamente alla consigliera che si cita.

    Certo è un parere, una valutazione generale, infatti dico che può riguardare maschi e femmine.

    Se c’è stata richiesta di eliminare il commento perché ritenuto offensivo nei confronti della sopracitata persona, e perché considerato lesivo di qualcuna, beh per quanto mi riguarda può anche eliminarlo.

    La mia valutazione generale rimane tale.

    RE Q
  30. #30 scritto da Saccavini il 30 luglio 2015 13:48

    L’intervento nel merito del nostro poco stimato Sindaco bisognerà riprodurlo, con tanto di glosse che mettano a nudo la burocratica e fasulla giustificazione dei comportamenti.

    La perla che è rimasta impressa:
    l’Architetto Stano non è stato demansionato, tanto è vero che oggi è titolare come ieri di specifica Posizione Organizzativa

    La irosa e categorica vis oratoria del primo cittadino, mentre affermava questo “concetto”, sarebbe da salvare e reiterare a volontà, a futura memoria

    buona giornata, islero

    RE Q
  31. #31 scritto da Saccavini il 30 luglio 2015 13:55

    Naturale e pacifico che costoro, come si dice a Roma, se la sono cucinata e mangiata fra loro, senza chiedere nulla a nessuno.

    Faceva loro comodo cercare di sollevare il Consigliere presidente da un comportamento generalmente giudicato improprio, colto nell’atto di compiere una inesistente descrizione del reale .
    Quindi si sono inventati la sceneggiata…

    Si sono inventati un documento che il Consigliere lettore ha dichiarato firmato da tutti i gruppi di maggioranza…
    Peccato che quando è stata chiesta copia, questo documento non c’era (così hanno riferito a chi l’ha chiesto).

    Non resta che attenderne la trascrizione: solo così potremo descrivere il gioco, sgualcito, colmo di macchioline, che hanno propinato al Consiglio.

    Questa gente abbiamo a rappresentare le nostre istituzioni

    buona giornata

    RE Q
  32. #32 scritto da Emilia B. il 30 luglio 2015 18:36

    Solidarietà?
    A noi cittadini deve esser data!!!!! …

    Ma contro questa persona immatura che con i suoi modi irriguardosi e irrispettosi verso la sua carica offende tutte le istituzioni!
    Qui non c’entra nulla il fatto di essere donne!
    Parola di donna!!!!

    … Se arriviamo al compatimento vuol dire che sono proprio alle cozze!!!

    RE Q
  33. #33 scritto da Saccavini il 30 luglio 2015 22:01

    Veniamo informati della pubblicazione del testo steso da tutti i gruppi di maggioranza, presentato dal vicesindaco, che ci aggiunge qualcosa di suo.

    Vista la fonte, è prudente attendere la stesura ufficiale della trascrizione.
    Questo documento, richiesto ieri sera dal Consigliere Cortiana, non gli è stato consegnato dicendo che non c’era (?)

    Sul contenuto lasciamo stare: chi volesse leggere è in grado di capire l’uso fasullo dei testi, l’attribuzione dei commenti a una vittima che non c’è e viene vista solo da chi ha steso e firmato il documento (ma sarà stato firmato?); la presenza di commenti e le repliche, nessuna delle quali è anonima.
    L’operazione di disinformazione presentando testo alterato e fuori contesto è propria di comportamenti questi si indegni di una persona che ricopre incarichi pubblici, del Consigliere che ne da lettura (probabilmente senza averne controllato l’esatta collocazione e forma, non volendo attribuire a lui la “strategia” disinformante), con lo scopo evidente di chiedere ai consiglieri della minoranza una adesione su un testo che riporta falsamente i contenuti.
    (ci sono cascati, non tutti per la verità, ma crediamo proprio che servirà di lezione).

    Siamo sereni, riteniamo di non avere nulla di che riprendere e lasciamo per l’appunto l’intero articolo (che confermiano in ogni sua parte, compresa la denuncia di un falso costruito dalla “vittima”) e tutti i commenti, a disposizione dei lettori.

    Che bella compagnia abbiamo entro questa amministrazione

    buona serata

    RE Q
  34. #34 scritto da Flavio T. il 30 luglio 2015 23:39

    Sindaco egregio,
    seduto a fianco di Carbonera M. papà, a cui diedi il voto in passato,
    ieri sera riconoscevo difficile il suo lavoro.

    E’ mio desiderio che il primo Cittadino, il “primus inter pares”,
    debba tracciare un solco, debba fare discepoli e dettare uno stile di vita.
    Ed essere verace come un pomodoro pugliese !

    Non immagino neppure cosa significhi lavorare dentro la Palazzina,
    io sono il primo che non reggo momenti di tensione, mi alzo e me ne vado,
    ho sempre fatto così nella mia vita,
    chi gestisce questo blog lo ha intuito.

    Non si cambia la propria dialettica a 60-70 anni,
    signor Sindaco,
    ma dal suo insediamento lei è stato preda di un “mare” di avverbi,
    senza dire mai nulla a me, personalmente,
    che le idee vanto di averle chiare nelle mie materie.

    Non si offenda,
    impari a non chiedersi chi è Napoleone o Cristina di Belgioioso,
    e cerchi di capire cosa dice la gente:
    il suo Signore non glielo ruba nessuno, – questa è l’unica battuta irriguardosa -, anch’io ho il mio !

    Il mio stile nel lavoro è questo,
    conosco bene G. Forattini, nessuno mi risulta si sia mai offeso per le sue vignette, neanche quelli vestiti tutti di bianco …

    Le rimanga del mio messaggio, se legge, solamente una cosa:
    la profonda tristezza di chi si siede in un teatro (il Consiglio) sempre vuoto !!

    Lei non riesce più a parlare alla Città !

    Un caro saluto.
    Flavio

    RE Q
  35. #35 scritto da Saccavini il 31 luglio 2015 07:41

    La perfetta e inusitatamente chiara e lineare “confessione” di Flavio T al nostro Sindaco, non richiede commenti.

    Una riflessione che Città Ideale dedica al Consigliere ingegner Peronaci, ai firmatari presunti del sostegno al Consigliere presidente, al vicesindaco.
    Anche a quei Cittadini che nella pania di quest’ultimo, che il trabocchetto ha “costruito” e istintivamente sono portati a seguirne il teorema
    (che abbiano riscontrato qui, come è effettivamente andata la faccenda, o più sbrigativamente non si siano curati di verificare)

    In Città Ideale sono qui da leggere cinque anni di articoli (quasi 2.500) e ormai 15mila commenti: l’etica, la correttezza, lo stile, la serietà rappresentano un robusto tronco di storia personale e locale.

    buona giornata Flavio

    RE Q
  36. #36 scritto da Roberto il 31 luglio 2015 10:12

    Saccavini buongiorno,
    leggo al punto 18 il commento di Luigi Iocca che afferma che…
    “onestamente non credo che questi signori sarebbero arrivati dove sono senza tutte le vicende giudiziarie che hanno coinvolto alcuni esponenti della precedente amministrazione”….
    e allora le riporto uno stralcio del Corriere della Sera che ci dice da dove sono partite le indagini che poi hanno portato al commissariamento e all’Elezione di questa Amministrazione….

    “I finanzieri di Corsico sono arrivati a Buccinasco all’alba accompagnati dal rumore delle pale di un elicottero. Come nei blitz contro la ‘ndrangheta.
    Hanno perquisito gli uffici comunali per più di otto ore, sequestrato atti e delibere.
    Nel mirino non solo l’ affare del supermercato.
    L’inchiesta parte dalle segnalazioni in Procura del consigliere Luigi Iocca (Pdl) e del funzionario comunale Gregoria Stano.”

    Ecco, così i Cittadini che adesso si lamentano sanno chi ringraziare…..ma anche i Cittadini che non si lamentano, ringraziano….!!

    RE Q
  37. #37 scritto da Saccavini il 31 luglio 2015 10:51

    Ben trovato Roberto,

    Il suo richiamo, sempre utile, perché rifarsi alla storia più recente o trascorsa aiuta a capire.

    Iocca nella sua affermazione dice una delle possibili verità:
    Questi signori amministratori d’oggi hanno forse beneficiato di maggiori astensioni ma non hanno ricevuto più voti del passato. Le astensioni del 2012 sono anche in parte da ascriversi alle vicende che hanno colpito l’amministrazione di cui Iocca era partecipe, ma crediamo che molto di più sia dovuto alla sfiducia crescente e alle “porcate” (come le definiscono quotidianamente i giornali e i media) di tutti i partiti, PD e progressisti compresi. Allora non c’era Renzi al timone; oggi è da ritenere che il PD anche a Buccinasco, in piena bufera e divisioni, riceverebbe molto meno.
    Naturalmente senza contare la perdita di credibilità che registrano ogni giorno in Municipio e nella sala consiliare.

    Andare alle autorità preposte; esporre fatti che si ritengono non rispondenti alle norme, è dovere e titolo di merito di ogni Cittadino: la democrazia regge, è solida, in misura strettamente legata alla partecipazione attiva della Comunità.
    Chi allora ha provveduto a ciò lo ha inoltre dovuto fare per dovere d’ufficio: un pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio, è obbligato per legge a sottoporre a chi di dovere vicende e comportamenti che recano danno allo stato, alle istituzioni, alla Comunità.
    Non farlo li avrebbe coinvolti in ciò che poi si è verificato.

    buona giornata

    RE Q
  38. #38 scritto da Flavio T. il 31 luglio 2015 11:00

    Roberto, buongiorno a lei !

    Anche a Canova e Michelangelo è successo,
    per un errore,
    di buttare tutto il blocco di marmo !

    Se viene su anche lei qui in Trentino,
    si porti dietro da leggere “Il tempo, grande scultore” di Marguerite Yourcenar.
    Così poi, ne parliamo !

    Un saluto.

    RE Q
  39. #39 scritto da Emilia B. il 31 luglio 2015 11:43

    Corretto e preciso sig. Saccavini!

    Chi ci legge (e mi riferisco al sig. Roberto ma anche a moltissimi altri), non ha ben compreso questo semplice ed elementare dogma:
    ” il rispetto e i doveri dell’interpretare un ruolo nelle istituzioni”!
    Chi non Denuncia e’ complice!
    Chi fa silenzio concorre nel reato!

    Lo sappiano gli attuali consiglieri e assessori!
    La colpa di quel che accade all’interno delle “mura” del palazzo sarà anche loro!

    RE Q
  40. #40 scritto da Roberto DM il 31 luglio 2015 16:08

    Emilia B. buongiorno,
    lasci stare i dogmi che è meglio per tutti.
    Anche l’occhio a volte inganna….figuriamoci il resto….!! Buone vacanze…

    RE Q
  41. #41 scritto da Saccavini il 31 luglio 2015 17:12

    Le regole del vivere civile non devono imporsi, è molto più matura e saggia la Comunità nella quale questi comportamenti vengono naturali perché sono parte di un modo d’essere visto in positivo e condiviso da tutti (o quasi)

    Cerchiamo di porci e lavorare perché si vada in quella direzione, si cresca in civismo facendo gruppo…

    grazie Emilia B.
    buone vacanze a Roberto….

    RE Q
  42. #42 scritto da Marco il 31 luglio 2015 18:34

    Ok, mi sembra che qualcuno ha avuto un attacco di “art attak”,
    prendi un pezzo li,
    taglia questo,
    gira l’altro,
    copia e incolla, ….

    et voi là’, si è costruita una luna di carta per poter poi avere un dito per indicarla, e non guardare più la luna ma il dito.

    Crescere un po’ non farebbe del male a nessuno.

    RE Q
  43. #43 scritto da Saccavini il 31 luglio 2015 20:35

    Cosa non si finisce per fare quando il presupposto è la salvaguardia della propria posizione….

    Signor Marco, l’esempio del collage per insegnare giocando ai bambini rende l’idea.

    Il termine “art” in questa operazione suona poco appropriato: ma neanche il più generico “collage” sembra corrispondere, non soddisfa.
    In questi casi gli elementi utilizzati non hanno relazione alcuna con la composizione risultante.

    Qui si può parlare di “copia e incolla” aggiustati (termini veri ma de contestualizzati assegnati a conditi a costruire il presupposto), conditi con aggettivi ed avverbi per ottenere il risultato finale.

    Che sia utile per capire, che serva per non ricascarci, vale per tutti: ideatori, dicitori e lettori… aiuta a crescere (a ben pensarci ciascuno di noi: sono d’accordo).

    buona serata

    RE Q
  44. #44 scritto da Floriana il 31 luglio 2015 21:32

    Ma certo che Roberto ha ragione, ha ben fatto il sindaco Maiorano ha punire con adeguato compenso la sig.ra Stano, redarguendola e mettendola ad organizzare feste di paese e trenini, forse ci penserà due volte prima di impicciarsi.

    Peccato che questo sia costato caro al nostro piccolo paese, con diversi esborsi per ulteriore personale, ma probabilmente ne valeva la pena.

    Credo che anche il sig. Iocca abbia avuto il suo, sopratutto dall’esilio e dal confinamento politico, peccato perché poter ancora dare molto.

    Ringraziando il sig. Maiorano, vi do la buonasera.

    RE Q
  45. #45 scritto da Roberto DM il 31 luglio 2015 21:51

    A Marco rinfreschiamo la memoria con il testo integrale del Corriere della sera….
    Pubblicare grazie visto quanto avete affermato….

    Conservare la memoria dei fatti non farebbe male a nessuno….per non ricascarci in futuro…..

    http://archiviostorico.corriere.it/2011/marzo/23/Buccinasco_mazzette_per_supermercato_co_7_110323016.shtml

    RE Q
  46. #46 scritto da Saccavini il 31 luglio 2015 22:12

    Buona sera Floriana,

    Non sia tropo verosimile con la sua ironia; qui leggono in molti e in genere sono abituati ai giochi dello scrivere.

    Il rischio che qualcuno possa prendere sul serio il plauso di ciò che in materia è opera di Maiorano e Pruiti, è possibilmente da evitare.

    Questi due ex assessori del non dimenticato Carbonera, furono affiancati al riguardo da un inqualificabile anonimo che, puntualmente è venuto loro in soccorso con una lettera non firmata e senza mittente, quando loro era utile alla bisogna.

    Unici che hanno preso sul serio la lettera anonima promuovendo una indagine in materia sul contenuto strampalato della missiva,
    indagine interna durata quattro mesi,
    perfino supportata da una lettera di funzionario interno, del pari strampalata,
    ma coerente e corrispondente ai contenuti della lettera anonima, sempre da loro presa sul serio…

    Coincidenze, solo coincidenze, i cui impieghi e susseguenze sarebbe bene fossero chiarite, approfondite,

    Che noi Cittadini dobbiamo ricordare, perché parte della nostra storia (non minima, come quella di Guareschi) storia locale ma reale);
    Dobbiamo ricordarcele ed abbiamo il compito di ricordarle queste vicende,

    Tanto più quando si sente il Sindaco in Consiglio stracciarsi le vesti facendo lo scandalizzato se mai si osa chiedere conto del trattamento cui è tuttora sottoposta l’Architetto Stano.

    Miserie, certo.
    Di persone che oggi hanno l’incarico di rappresentarci
    (e viene subito voglia di andare virtualmente a lavarsi le mani col sapone)

    Vorrà scusare la reazione Floriana, ma questa è la disinteressata emotiva reazione, solo al leggere un’ipotesi paradossale che questo comportamento giustifica

    buona serata

    RE Q
  47. #47 scritto da Saccavini il 31 luglio 2015 22:28

    Buona sera Roberto,

    Letto l’articolo, che invitiamo i lettori a rileggersi.
    Non riteniamo essenziale pubblicarlo, perché di quanto conosciuto non aggiunge nulla.

    Le ricordo che qui in Città Ideale la vicenda è stata copiosamente documentata e trattata, tutto’oggi in linea a disposizione di tutti.

    Il problema che solleva: “non ricascarci in futuro” è quanto mai prezioso, pur con la sua complessità.
    la responsabilità dei danni possibili compiuti dagli amministratori ricade sempre sulla Comunità e sui Cittadini.
    Cosa naturale perché nella loro maggioranza, fra coloro che si sono avvalsi del loro potere di voto, sono i Cittadini che hanno portato a eleggere questa maggioranza.

    Città Ideale al riguardo ha qualcosa da dire, e non è la prima volta:
    Maiorano e compagnia sono eletti in virtù di un apparentamento realizzato fra il primo e il secondo turno.
    Se coloro che quell’apparentamento hanno deciso, determinante, avessero assunto un diverso orientamento, la storia di Buccinasco in questo periodo sarebbe certamente diversa.

    la storia non si fa con i se, ma essendo recente la vicenda, è bene che tutti, anche costoro (che si trovano ad essere responsabili della situazione che abbiamo oggi) non ci ricaschino in futuro….

    buona serata

    RE Q
  48. #48 scritto da Flavio T. il 31 luglio 2015 23:42

    Io sono proprio l’ultimo della fila a capire
    come si fa, seduti a un tavolo di negoziati politici, dovete perciò portar pazienza…

    Ma, visto che ho screziato col gruppo FB PD Buccin, persone troppo intelligenti e geniali rispetto a me che sono un mediocre,
    e subito dopo ho usato metafore folgoranti col gruppo FB Sei di Buccin se, da doverne uscire, vittorioso, come ben sa A. Schiavone,
    non mi resta che scrivere con voi,
    e a voi il dovere di sopportarmi.

    Lontano miglia dal PD,
    Arceri e il suo UDC sono in grado, oggi,
    di spingere i negoziati fino al punto di rottura,
    e soprattutto in un momento in cui il PD non ha alcuna reale alternativa ?

    Questo io chiedo all’UDC, che ha beneficiato del mio voto (NCD Alfano) alle ultime urne !
    Una Pearl Harbour degli USA nel ’41,
    quando i Giapponesi attaccarono le flotte statunitensi in assenza della dichiarazione di guerra
    e gli USA colsero l’espediente per l’ingresso nella II guerra mondiale.

    Troppo folle come domanda ?!

    RE Q
  49. #49 scritto da Saccavini il 31 luglio 2015 23:54

    Flavio T, credo che sai molto bene la libertà di cui puoi fruire in Città Ideale.

    I richiami e collegamenti arditi, il saltare da un piano all’altro creando legami non sempre semplici da cogliere.

    Quanto alla domanda posta circa gli alleati di complemento di questa maggioranza, lasciamo loro le decisioni da prendere, che li riguardano.
    Stiamo parlando di Buccinasco, non di Renzi e di Roma, vero?

    Che Buccinasco sia messa così male da non avere alternative nel proporsi credibilmente alla amministrazione della città, mi sembra premessa davvero fuori misura.

    Quando verranno i momenti delle scelte, si vedrà… il mondo sta cambiando a Buccinasco, ove una delle poche cose certe è l’assoluta convinzione dei Cittadini sull’urgenza di una alternativa finalmente seria e credibile….

    Domanda non folle quindi, ma necessaria di chiarimenti sì,

    buona serata

    RE Q
  50. #50 scritto da Roberto DM il 2 agosto 2015 13:26

    Saccavini buongiorno….
    dato che il MARCO di cui sopra rivendicava falsi probelmi di copia incolla poi smentiti dai fatti e faceva riferimenti alla luna ed al dito…..allego un altro copia incolla senza “art attack” e poi arrivo al dunque…

    Sono le ore 12 e l’ex primo cittadino lancia lo sfogo: “Bene Alberto, 5000 iscritti, un numero importante fatto grazie ad un lavoro serio e ad un’informazione costante e corretta” inizia Cereda, rivolgendosi direttamente all’amministratore della pagina Alberto Schiavone, attivista del Movimento 5 Stelle (che non gli ha risposto): ”Però, permettimi ora, dopo che vi ho a lungo seguiti senza commentare e cercando di imparare, di farti una domanda. Si può cambiare? Si può sostituire questa combriccola di incompetenti che sta facendo a pezzi Buccinasco?”.

    Cereda, infine, lancia la sfida: “Che si cominci a costruire un’alleanza forte di chi vuole competenza e voglia di fare per rimettere la città al livello di qualità che le compete: la mia paura è che su questo punto si farà molta fatica, ed il rischio che la città resti nelle mani di chi l’ha presa grazie ad un vero e proprio golpe resta alto”.

    Il dunque è questo : sia Cereda sia Luigi Iocca continuano a meditare una rivincita elettorale….ma siamo sicuri sicuri che i cittadini di Buccinasco non sinistrorsi vogliano ripartire da loro due? Uno ha perso le elezioni e l’altro le ha vinte ma forse era meglio se le perdeva…..!!! Il centrodestra di Buccinasco non riesce proprio a ripartire con personaggi nuovi ? Secondo Marco(di cui aspetto ancora le scuse…) ho indicato il dito o la luna???……

    RE Q
  51. #51 scritto da Saccavini il 2 agosto 2015 17:27

    Forse ci sta sfuggendo qualcosa,

    Marco si sarebbe riferito al “documento” fantomatico letto nell’ultimo Consiglio comunale, con il copia e incolla preso artatamente per “difendere” il Consigliere presidente dai volgari attacchi di anonimi, ecc. (che sono tutti qui da leggere);

    Quanto alle posizioni di Cereda e Iocca, che Roberto ritiene di dover criticare.
    In questo contesto non sono molto pertinenti, ma la questione che viene posta è comunque utile epr una riflessione.

    Il problema non è personale, ma di insieme.
    I Cittadini che hanno facoltà e diritto di proporsi, sono legittimi.
    Credo per per la prossima tornata (non tanto prossima; quasi due anni) la questione non è tanto la questione degli schieramenti destra sinistra. Ci pare che il mondo dei Cittadini attivi a Buccinasco stia cambiando parecchio.
    Piacerebbe agli attuali scombinati che fosse così: non hanno altro valore da proporre che “gli altri sono peggio”.

    Per allora le carte saranno davvero mescolate, che le coalizioni in gioco saranno diverse, tendenzialmente più semplici: la proposta alternativa sarà rivolta a tutti, senza simboli dei partiti tradizionali.
    Insieme fatto da Cittadini che non sono alla ricerca di uno stipendio, di un mestiere politico, che si propongono di amministrare per servire la Comunità (e qui crediamo proprio che ci sia posto per tutti i Cittadini di buona volontà).

    Buona giornata

    RE Q
  52. #52 scritto da Flavio T. il 2 agosto 2015 18:08

    Intanto, Roberto DM da Verona:
    nel sommo Studio Galieiano di Padova, da cui provengo,
    oltre il dialetto meneghino insegnano anche la Statistica,
    e di “sicuro sicuro” non c’è più nulla:

    “In del portafoeuj e in de la patta di alter se sa mai cosa gh’è denter”,
    soprattutto nella patta, giacchè la Sinistra è al Governo …

    Flavio ripartirebbe da uno dei 3 che siedono in Consiglio per la Destra, con Cereda “accodato”,
    da Cortiana e De Palo per gli Urbinati !

    Che se a te è sfuggito,
    il colloquio con Serena & C., nonchè Fiorello & C.

    in questi anni è stato abbastanza vivo, grazie soprattutto al bistrattato Saccavini dal Friuli.

    Non credo agli UFO, folgorazione dell’ultima ora:
    se vuoi far nomi li battezziamo qui:
    escano dalla pietra grezza, come una Pietà Rondanini !

    RE Q
  53. #53 scritto da Saccavini il 2 agosto 2015 19:08

    Lasciamo lavorare il tempo Flavio,

    il tempo può tutto e di tutto e origine.
    Anche anticipando gli scenari si può dar luogo a effetti “brucianti”….

    Buona serata

    RE Q
  54. #54 scritto da Flavio T. il 4 agosto 2015 23:02

    Sarà un calvario da qui alla fine per il Sindaco.
    Ogni cittadino dovrebbe lavorare per il suo Paese, però !

    Ma chi è Napoleone ?
    Il Bonaparte è un pò tutti noi … che ne dice, Saccavini ?
    Il Bonaparte amava un epitaffio:
    “Quando un sovrano conosce gli uomini che vogliono disfarsi di lui, dovrebbe prima d’ogni cosa disfarsi di loro”.
    Molti di noi l’opinione su Rosa Palone qui l’hanno scritta.

    Buone vacanze, Sindaco !

    RE Q
  55. #55 scritto da Saccavini il 4 agosto 2015 23:40

    Buona serata Flavio,

    Buonaparte (cognome toscano, di una famiglia trasferita in Corsica in conseguenza di problemi economici), dal nome Napoleone, fa uso del dittongo “uo”.
    I francesi lo hanno modificato per ragioni fonetiche, in sostanza potendolo fare perché la Corsica da circa un secolo era stata ceduta dalla Repubblica di Genova al Re Luigi XV (il re Sole)…

    Sicuro che la frase sia del Buonaparte?
    Così come esposta la frase sulla logica del Signore, ha l’apparenza e la matrice machiavellica… il quale fa uso più frequentemente del termine “spegnere” il potenziale nemico o concorrente di corte, famiiari compresi.

    La compagnia di Maiorano è stata da lui costruita: il responsabile ne è lui.
    Quanto gli assessori stanno lì in virtù di una sua delega, che può ritirare in qualsiasi momento.
    A lui vanno bene così, se non li cambia, o più probabilmente è un Sindaco dimezzato che non se la sente di assumere decisioni che andrebbero nell’interesse della Comunità (e anche suo personale).
    Quanto al Consigliere presidente la nomina è del Consiglio e la sostituzione soggetta a complicazioni.

    Riguardo al Segretario poi, dopo la firma delle dimissioni con effetto immediato, del 14 luglio, trascorsi 20 giorni, costui non risulta aver firmato un atto comunale.
    Così come non risulta intervenuta alcuna seduta di Giunta in data posteriore al giorno 14.
    Maiorano però ha dichiarato che il Segretario prosegue nella collaborazione…..
    se lo ha dichiarato il Sindaco, c’è di che starne sicuri.

    buona serata

    RE Q
  56. #56 scritto da Islero il 6 agosto 2015 19:42

    Buonasera,
    Oggi il mio misero contributo è per segnalarvi una atteggiamento strisciante che si sta sempre più diffondendo, soprattutto tra le persone che in qualche maniera si lamentano del comportamento della giunta “reggente”.

    Accade che vengano avvicinati da soggetti indirettamente vicine al “cerchio magico” di Jack, e che vengano in “qualche modo intimorite” dal rivolgersi contro questa amministrazione, ma in particolar modo contro la Giunta.

    Ritengo che questo sia un comportamento ai limiti (della decenza, ndr), e al quanto disdicevole.

    Spero vivamente di avere male inteso ciò che mi è stato riferito, in tal caso me ne scuso, ma nel dubbio ritengo sia utile tenere sempre la guardia alta su tali aspetti.

    Ricordando a tutti il lecito diritto di opinione e di critica, auguro una buona estate.

    RE Q
  57. #57 scritto da Saccavini il 6 agosto 2015 21:38

    Senza più precise indicazioni non siamo in grado di cogliere un senso che aiuti ad orientarci.

    Si capisce la preoccupazione… per come e da chi è stata ricevuta la segnalazione.

    Ove si sia verificato, il metodo potremmo definirlo intimidatorio.
    Se gli ambienti da cui promana un certo stile di fare comunicazione svincolati dai contenuti etici e solo interessati al risultato, si chiama “familismo amorale”.

    Il che dice tutto in materia.

    Ci auguriamo che si tratti di qualche espressione venuta da persone impressionabili (e per ciò stesso utili a trasmettere l’intimidazione ai destinatari).

    Un modo arcaico di concepire la politica, proprio di una società contadina e poco acculturata, forse impiegabile alla generazione di mezzo da da quel mondo è uscita ma ne è transitata.

    Oggi è tramentato questo modo d’agire: non ha utilità, sa di vecchio e inutile: i Cittadini d’oggi sono altra cosa, a Buccinasco (e non solo)

    vacanze tranquille e felice ritorno Islero…. tranquillizzi anche chi di questo agire ancora possa subire gli influssi…
    il mondo è cambiato… davvero domani è un altro giorno.

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth