Campi nomadi. Alla fine si cambia, finalmente! Quando a Buccinasco?

La spinta popolare, i movimenti civici che si fanno sentire, gli scandali sui danari buttati via senza risultati significativi, il permanere di aree extra legali che restano una sorta di terreno di coltura per piccola malavita, per un vivere arrangiandosi in modi non sempre leciti. Sta portando ai primi risultati.

Ce ne informa un articoletto de ilfattoquotidiano. Una legge regionale dell’Emilia che recepisce per la prima volta i criteri europei, votata anche dal M5S, che mette uno stop ai finanziamenti a pioggia per fare elemosine a una miriade di ONLUS e associazioni.

Finalmente è stato stabilito che non verranno più dati aiuti  economici ai campi nomadi (in Emilia): quindi le associazioni come Apertamente a Buccinasco rimarranno a secco (se il comune non allargherà la borsa). Pensate che in 25 anni la sola Emilia ha speso 10 milioni in aiuti ai campi nomadi (si può immaginare come…).

Insomma saranno distrutti e messi in regola, autofinanziati (cioè li pagheranno i Cittadini che ci vivono). Pagheranno le utenze per i servizi ecc. Sarà così e solo così (se non interverrà il solo giaguaro a bloccare l’applicazione della legge perche tutto resti come prima).

Sorprendente, per la novità della sua posizione, la dichiarazione del vicepresidente della regione Elisabetta Gualmini (chissà dov’era, fino a ieri):

… è ovvio che l’approccio attuale, che comporta l’erogazione a pioggia di fondi pubblici, non può più funzionare. Dal 1988 a oggi in Emilia Romagna abbiamo speso 10 milioni di euro per i campi Rom e Sinti, finanziamenti senza controllo e senza valutazione che devono finire. Bisogna avere il coraggio….

Adesso aspettiamo cosà decide e cosa farà il nostro Sindaco! ogni giorno che passa sono soldi buttati come gli spiega la sua compagna di partito ben più autorevole. Fermi l’iniziativa legale del Movimento Cinque Stelle di Buccinasco e provveda lui, direttamente, a smantellare e mettere ordine al Terradeo.

Ritiri la richiesta di allargare il Parco Sud (indecorosa) e per una volta si dia da fare venendo incontro alle leggi europee e al rispetto delle normative di casa nostra. Venuta è l’ora di finirla con i rivoli di danaro pubblico sperperati per conservare uno stato di illegalità e precarietà da cui attingere per camparci sopra, per finanziare partiti o peggio.

Nb: Il lettore interessato può leggersi la notizia da ilfattoquotidiano (VEDI)

Tag: , ,

  1. #1 scritto da Saccavini il 15 luglio 2015 14:55

    Chissà se questa revisione regionale contagerà la Lombardia..

    dalla quale sarebbe interessante avere i dati dei

    “finanziamenti senza controllo e senza valutazione”

    a chi siano stati accreditati, a quali Onlus, e quindi anche ad Apertamente

    Tanto per sapere e valutare la dimensione del volontarismo di Apertamente su Buccinasco.

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth