VERDE PUBBLICO: inadempimenti riscontrabili adesso

Il capogruppo PD ha appena affermato che il verde è stato sistemato, che è tutto a posto. Anche gloriandosi di non voler farne un merito ma semplicemente quanto dovuto. Forse i pro tempore che oggi gestiscono il municipio vivono in un mondo a parte, virtuale, del tutto altro e diverso rispetto alla realtà che vivono i Cittadini. Abbiamo predisposto un elenco che illustra la situazione come si presenta alla Comunità in questi primi giorni di Luglio.

1)      I lavori sono ora svolti da  un sub-appaltatore (che agisce in nome e per conto del vincitore della gara). L’operazione ha incontrato problemi normativi nell’adeguarsi alle previsioni del capitolato. Inoltre la S.r.l. subentrante quale sub appaltatore non avrebbe subito le verifiche antimafia previste e solo successivamente si è riscontrata la non conformità alla legge antimafia per l’amministratore e legale rappresentante.  Si è trovata una soluzione non proprio trasparente, se davvero è bastato sostituire questo amministratore con un suo parente.

2)      Le saracinesche dell’acqua di tutte le rotonde attrezzate sono state chiuse e lo sono da tempo. Ciò ha portato a una veloce bruciatura dell’erba e danni rilevanti a piante di pregio con rischio di successiva sostituzione.

3)      Gli impianti di irrigazione di tutti i parchi sono pure chiusi e praticamente distrutti, con un danno rilevante rispetto ai costi nel tempo sostenuti (intorno ai due milioni). Ciò genera l’ingiallimento del manto erboso e un degrado che richiederà tempo e oneri per una ripresa normale

4)      La tenuta delle aree piccole e parcellizzate lungo i bordi, in prossimità dei marcipiedi, e altre, non sono gestite; l’erba è cresciuta e maturata,  inselvatichita,  necessita di interventi dedicati con spese e impegni onerosi

5)      le zone di pregio (rotonde e prato adiacente al municipio) richiedono in capitolato la piantumazione di fioriture di stagione  che non sono state effettuate. Ora sono ingiallite.

6)      La gestione degli arbusti giovani non è stata seguita e curata come dovuto, con danni rilevanti e morte delle piante ancora dotate di un apparato radicale insufficiente a reggere le variabilità stagionali.

7)      Alle piante dei parchi, nelle vie e altri, non è stata effettuata la cura stagionale obbligatoria. Il taglio tempestivo e radicale dei polloni e dei palchi (rami laterali distanti dalla chioma), con effetti negativi sulla pianta e nell’usufruire di parchi e giardini

In sintesi, questo è lo stato della gestione del verde pubblico, quello reale, riscontrabile. Riepilogato in termini essenziali l’intento di questo procedere si può dire che qualcuno ha deciso di ridurre il lavoro lasciando senz’acqua il verde pubblico per tutto il periodo estivo. L’erba non cresce e per tre mesi non si lavora. Con il risultato di un patrimonio che se ben tenuto ci distingue e ne fa un bel vivere, è ridotto a terreno abbandonato.  Nei parchi in particolare.

Quanto questa gestione indecorosa incida sulla vita della Comunità, lo si vede dal decadere della vita pratica. Un senso di periferia che sembra degradare.Marciapiedi e bordi con erbacce che crescono indisturbate generano disvalore. Il degrado comporta una caduta dei comportamenti. Ad esempio mai si è assistito all’uso così diffuso dei parchi quale area di scarico per i cani.

Nulla lo giustifica ma se i parchi sono così mal ridotti tende a crescere chi li tratta come luogo di scarico, anche per rifiuti, bottigliette. Il Sindaco ci fa la morale e invita ad essere più civili: cominci la sua amministrazione a trattare con la dovuta civiltà i luoghi pubblici che lui ha la responsabilità di mantenere. Pensano davvero che basta avere il monopolio dei media locali perché i Cittadini chiudano gli occhi e li seguano come le pecore o le ochette della novella?

  1. #1 scritto da Napoleone Buonaparte il 14 luglio 2015 11:15

    Nulla di nuovo sotto il sole,
    chi più spende meno spende dice un detto,
    a Buccinasco vale il detto:
    più spendi,
    meno fai,
    più guadagni e…

    così facendo ce né per tutti tranne che per i Cittadini.

    Pensare che oramai tutti gli esponenti della maggioranza si auto incensano nonostante ciò che stanno facendo mi vien da dire delle 2 l’una:

    o sono matti o sono in malafede pro domo loro,

    a buon intenditor poche parole speriamo che al momento delle elezioni le persone per bene vadano a votare.

    RE Q
  2. #2 scritto da Saccavini il 14 luglio 2015 11:34

    Buona parte….

    questa descrizione descrive una realtà del verde del tutto antitetica alla descrizione del Capogruppo del PD.

    Siccome ciò che sta scritto è lì da verificare: tutto… tutto quanto,

    O Città Ideale descrive una realtà virtuale mostrando una banale e scoperta falsità,

    oppure….

    I lettori, i Cittadini, riflettano e verifichino. Provino a ricordare un anno nel decennio trascorso in cui i parchi pubblici fossero ridotti in questo vergognoso insieme di campi erbosi dopo il taglio del fieno.

    Pensare ai milioni investiti in diversi anni per realizzare gli impianti di irrigazione: distrutti o inutilizzati.

    Ne dovranno rispondere

    buona giornata

    RE Q
  3. #3 scritto da Emilia B. il 14 luglio 2015 14:02

    Tant’è giallo tutt’intorno che sembra autunno!

    RE Q
  4. #4 scritto da Saccavini il 14 luglio 2015 18:44

    Ma il verde pubblico, dice il maggior partito di maggioranza, è sistemato

    se lo dicono loro….

    … l’avranno messo via, chissà dove

    buona giornata

    RE Q
  5. #5 scritto da Islero il 14 luglio 2015 20:54

    Ma dove ve ne andate,
    povere foglie gialle,
    come tante farfalle spensierate?
    Venite da lontano o da vicino?
    Da un bosco o da un giardino?
    E non sentite la malinconia
    del vento stesso che vi porta via ?

    ( Trilussa )

    RE Q
  6. #6 scritto da Saccavini il 14 luglio 2015 22:15

    Fossero quelle di Trilussa. foglie di alberi autunnali, sarebbe anche una romanticheria…

    meno struggente di les feuilles mortes, parole di Prévert, con una indimenticata musica di Kosma nel film francese che ha fatto sfondare Yves Montand, davvero un capolavoro.

    qui siamo al fieno tagliato con le stoppie gialle che restano sui parchi….

    che tristezza

    buona serata

    RE Q
  7. #7 scritto da Cesare il 16 luglio 2015 09:56

    Egregio Sig. Saccavini,
    tramite il suo blog mi permetto di invitare il capogruppo PD di Buccinasco, sindaco e vice-sindaco e tutta la maggioranza (tutti volutamente minuscoli) a fare una gita presso la rotonda di via Garibaldi e via degli Alpini, è l’esempio dell’ottimo “lavoro” dell’impresa che ha vinto l’appalto per il verde.

    E’ di uno “SPLENDENTE VERDE BRUCIATO”

    Prima di firmare gli articoli, bisogna verificare.
    Cordiali saluti

    Cesare

    RE Q
  8. #8 scritto da Saccavini il 16 luglio 2015 11:40

    Bentrovato signor Cesare:

    è da temere che dovremo tenerci questa paglia nei parchi e nelle rotonde, finché non arriverà l’autunno, purtroppo.

    Se gli impianti di irrigazione vengono chiusi: abbiamo conferme che è così, d’alta parte non può essere diverso: se manca l’acqua l’erba diventa fieno: tagliato diventa paglia.

    Non crediamo sia da attribuire la responsabilità a chi esegue il lavoro: costui agisce secondo gli impegni del capitolato.
    Se il capitolato non lo rispetta, cosa che può succedere, compito di chi ci amministra è tutelare l’interesse della Comunità e agire di conseguenza.
    Ove ciò non venga eseguito, la responsabilità è dei nostri amministratori: tutta e per intero dei nostri amministratori.

    Nessuna scusa giustificherà mai queste responsabilità.
    Mai.

    buona giornata

    RE Q
  9. #9 scritto da Cesare il 26 agosto 2015 14:55

    Buongiorno Sig. Saccavini,

    sono passato vicino a Via Pasin ed ho visto che hanno iniziato i lavori di rimozione dei detriti e materiali quali piastrelle ed anche lastre sempre di marmo ma questo terreno non è privato?

    come ho già scritto circa due mesi fà quando i ns. amministratori avevano deliberato € 50.000 per la pulizia dell’area.

    Presumo che tutto sia regolare.
    Cordiali saluti
    Cesare

    RE Q
  10. #10 scritto da Saccavini il 26 agosto 2015 15:04

    Possiamo solo presumere signor Cesare,

    che un’area privata,
    senza alcun corrispettivo per quanto è dato conoscere,
    debba essere bonificata e liberata di materiali da costruzione a carico della Comunità…

    è cosa che in effetti fa sorgere domande.

    perché, come ama dire il sindaco, a pagare deve essere Pantalone?

    PERCHE’?

    da notizie attendibili ma prive di riscontri formali, la decisione di farsi carico dell’onere sarebbe da far risalire alla giunta Cereda,

    Deliberazione che la subentrante gestione Maiorano ha ritenuto di non dover modificare,
    ritenendola evidentemente motivata e corretta.

    Situazione he ha profili delicati anche perché, all’interno della attuale maggioranza (e giunta) sussistono posizioni in conflitto di interesse potenziale,

    Sarebbe prudente e ci si aspetterebbe quindi una informazione dettagliata che chiarisca il tutto, a cominciare dalla posizione della giunta attuale.

    Aspettiamo novelle…
    ma crediamo sia da aspettarsi un tempo non breve…

    buona giornata

    RE Q
  11. #11 scritto da Cesare il 28 agosto 2015 14:21

    Quindi l’amministrazione Cereda, per i ns. amministratori pro-tempore attuali, “una cosa giusta” l’hanno fatta.

    La giunta attuale prende mano a questa decisione e bonifica un terreno privato con € 50.000,00 di soldi dei contribuenti, vedendo i lavori devo dedurre che al più presto, con la stessa velocità che è passata dalla delibera all’inizio della bonifica, partiranno i lavori per la costruzione delle case come si era parlato qualche anno addietro.

    Mi aspetto che si avveri questa ipotesi, perché se tutto viene lasciato alla stato attuale, mi viene da pensare, che questa amministrazione ha speso malamente € 50.000,00.
    Ma se questa amministrazione ha un progetto su quell’area, per quello che riguarda la metratura che dovrebbe essere andata in conto al comune, ne parli liberamente, anche senza fanfare e foto sui giornali, i cittadini ringrazierebbero.

    Cordiali saluti.

    RE Q
  12. #12 scritto da Saccavini il 28 agosto 2015 14:53

    Da condividere signor Cesare,

    L’area fabbricabile e la cubatura dovrebbe essere inserita nel PGT approvato…
    Salvo sorprese (sempre possibili), si tratterà di poca cosa: Maiorano & Co. si sono inventati il motto: Basta con lo sfruttamento del territorio.
    Poi ai disoccupati che aumentano, alle imprese che stanno ferme e in difficoltà crescenti, quelle che chiudono e lasciano a casa dipendenti, a costoro ci pensa il comune dando bonifici di 1000 o 2000 euro l’anno (sempre che siano di Buccinasco).

    Cesare, questi non sono amministratori, sono spenditori che consumano 30 milioni l’anno senza realizzare nulla di significativo (danari per le associazioni, impianti per i bimbi nei parchi e cosette del genere), cosette anche giuste, ma e tutto comincia e finisce lì….. fra un paio d’anni saremo alle frutta.
    L’unica consolazione è che saranno arrivati al capolinea e forse qualcosa di meglio potremo aspettarci a Buccinasco. non dovrebbe essere difficile.

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth