Sinti: Amministrazione, Apertamente, i Cittadini : a ciascuno il suo

Apertamente ci fa pervenire un’ulteriore descrizione del suo agire, dei suoi intendimenti. Che possiamo considerare “buone intenzioni”, sorrette da spirito caritatevole, con quanto il termine indica di positivo ma anche di limitato.  Prendiamo atto di uno sforzo che aiuta a comprendere l’attività, ma una puntualizzazione la riteniamo necessaria.

Apertamente non è una associazione qualsiasi. Si caratterizza nel tempo come una emanazione della politica locale, uno strumento per “includere” i sinti a Buccinasco. Così  ritiene. Vive e si serve di strumenti che impiegano danaro pubblico.   Non sotto un controllo diretto dell’ente pubblico, ma ne è soggetta: uno degli infiniti enti e società che compongono la spesa pubblica locale e nazionale.

Se ottiene risultati: le spese possono giustificarsi. Ciò che segue sono gli intenti, eventi e che altro,  si concretizzano perché emanati da enti pubblici (e solo questo la fa vivere). Che siano fondi provenienti da Buccinasco, dalla Regione, o da che altro forziere contenente nostre tasse: sono questioni che ci riguardano.


Città Ideale e i Cittadini pretendono da chi ci amministra dati e conoscenze oggettive su come vanno e dove, le NOSTRE risorse. Quali i propositi, quali i risultati. Sono i nostri amministratori responsabili delle spese.  Loro (non Apertamente) devono rendicontare ai Cittadini l’impiego delle risorse.  Non lo fanno e spendono.   Il bando che qui Apertamente difende, è un non senso, uno spreco di risorse; Città Ideale ritiene di confermarlo.

La Comunità disinformata reagisce come può. Giustamente è esasperata dalla piccola criminalità (e meno) che imperversa. In questi giorni (Sabato e Domenica) si deve registrare una serie di eventi: venti box violati in due giorni.   I sinti sul territorio rappresentano il nucleo che  vive soprattutto di espedienti, dai comportamenti ai margini della legalità.  L’amministrazione non informa e concede sostentamenti  che dai Cittadini provengono (a nostro parere con poco costrutto, gettando NOSTRE risorse). Una situazione che può diventare esplosiva: non dia la colpa ai Cittadini,  Apertamente  (e non faccia  il controcanto a chi, indifferente, amministra).

I PUNTI DI VISTA DI APERTAMENTE

Con questo nostro intervento oggi ci limiteremo a precisare meglio il nostro punto di vista e le linee guida  dei nostri Progetti che attengono alla realizzazione dell’INCLUSIONE SOCIALE della Comunità Sinta di Buccinasco.

Innanzitutto come  Apertamente con” INCLUSIONE SOCIALE” intendiamo l’aiuto per raggiungere il soddisfacimento dei bisogni primari  quali : Salute, Scuola,  Abitare,  Lavoro nel rispetto delle comuni regole vigenti. Ipotizzando anche l’eventuale  superamento nel tempo del Quartiere  Terradeo con l’ inserimento, quando si creeranno le condizioni,  in abitazioni nel rispetto della volontà, esigenze e modo di vivere altrui, come previsto nel documento voluto dalla Unione Europea per il miglioramento delle condizione di vita delle Popolazioni Rom, Sinte e Camminanti. In Italia l’UNAR – Ufficio Nazionale  Antidiscriminazioni  Razziali l’Ente è l’ente preposto alla sua applicazione .

Rimandiamo per ulteriori approfondimenti agli ALBUM, recentemente aggiornati, di Apertamente di Buccinasco:   https://www.facebook.com/media/set/?set=vb.100005936708929&type=2

Qui potete trovare oltre foto e brevi filmati autoprodotti  delle Iniziative ed Eventi che Apertamente  ha organizzato o a partecipato negli anni.

+ LAVORO: Ci piace ricordare l’Evento”  dello scorso anno realizzato dalla nostra Associazione in occasione della ricorrenza del Beato Zeffirino Patrono della Comunità SINTA, svoltosi  presso la Sala Consiliare.

Presenti oltre ad una delegazione della Giunta , del Consiglio Comunale, Associazioni del terzo settore,  Caritas Decanale, Cooperative Sociali B, rappresentanti del Sindacato,  delle Parrocchie locali, delle famiglie Sinte e semplici cittadini.  L’ incontro aveva come tema : ” Crisi Economica, Lavoro che manca, alcune Proposte”.

Nelle Relazioni  da noi tenute come Apertamente in quella occasione si è esplicitate la nostra filosofia che consiste nel non attardarsi su forme di Assistenzialismo che non rientrano nelle scelte della nostra Associazione fatta di Volontari. Anzi spesso ci capita di sostenere con i nostri Associati, citando un noto detto, che il compito che si è assunto Apertamente nei loro confronti  per  perseguire  l’obbiettivo della loro Inclusione Sociale, non si intende da parte nostra offrire loro il “Pesce” ma fornire la “Canna” ed insegnare il metodo di come pescarlo.Inoltre abbiamo formulato delle proposte concrete. Tutto  ciò è consultabile in Rete. Nella citata pagina FB si trova ampiamente descritto anche il perche’ abbiamo chiesto con forza la delibera di Indirizzo di Giunta sull’utilizzo delle Coop. Sociali B. Obbiettivo dichiarato percorrere anche questa strada alla ricerca della attivazione di alcuni posti di lavoro.

Ovviamente nel rispetto delle vigenti leggi che regolano la materia. Sicuramente Apertamente NON intende fomentar così facendo una guerra tra i poveri.  Qualche anno fa , prima dell’avvento della Crisi, con la collaborazione dello Sportello Lavoro comunale del tempo, il Centro Lavoro e quello per l’Impiego di Corsico, le cinque Agenzie Interinali della Zona Sud-Ovest e di tre Cooperative Sociali B , eravamo riusciti con Progetti  di accompagnamento mirati ,  ad inserire  almeno un componente di ogni famiglia  SINTA nel mondo del lavoro.

Con l’avvento della Crisi,  le Aziende dove erano occupati alcuni di loro, hanno cominciato ad andare in CIG altri hanno perso il lavoro. Ora la maggior parte di loro stanno svolgendo lavori precari, ad esempio uno di loro lavora presso una pizzeria ormai da molto tempo, probabilmente  vi ha portato qualche volta la pizza in casa. Tranquilli questo giovane padre di famiglia è quello che qualche anno fa è stato citato dalle cronache locali e gli è stata conferita una medaglia, per essersi lanciato nel Naviglio Grande  a Trezzano per salvare un anziano pensionato che voleva suicidarsi, salvandolo.

Nota bene, in tutti questi anni i giovani Sinti che abbiamo accompagnato al lavoro, spesso lavorando  a tempo determinato, non hanno fatto registrare alcuna lamentela da parte dei datori di lavoro.

Alcuni di questi datori di lavoro sono di Buccinasco e scrivono anche in questi  Social Network. Per finire ci piace citare il caso di un nostro ragazzo  che ha lavorato per tre anni come operaio presso una multinazionale Svizzera di Rozzano sino a che anche questa, per la prima volta nella sua storia, ha dovuto ridurre il personale . Quelli scelti come si può immaginare, sono stati gli ultimi assunti. Abbiamo presentato alla Giunta Cereda,  poi al Commissario, ora alla Giunta Maiorano alcune proposte concrete secondo noi realizzabili. Visibili anch’esse sulla nostra pagina FB.

+ Il PROGETTO MOBILITA’ : di cui la Ciclofficina è parte integrante,  è un altro tassello verso il rendere autonomi economicamente queste famiglie. In rete potete trovare esposto in modo approfondito in che modo ci si prefigge di offrire un adeguato  servizio ai cittadini del nostro Comune e non solo poichè questo Progetto è modulare che può se trova consenso coinvolgere al suo interno altri Comuni. Ai facili detrattori di ogni proposta cogliamo l’occasione di comunicare che il bando lo avremmo voluto riservato alle sole Cooperative Sociali B .

Quando abbiamo pensato questo Progetto 7 anni fa, c’erano sulla piazza provinciale almeno 3 Cooperative  Sociali B con le competenze necessarie per gestire l’impresa, potenzialmente interessate  a partecipare a questo Bando. Ora la crisi ha falcidiato anche queste aziende fra le altre. Per questo è stato scelto per opportunità la formula del “Bando Aperto “anche a soggetti privati, per aumentare la  possibilità di partecipazione, a condizione che questi accettino le condizione sociali in esso contenute di cui  almeno una assunzione di un lavoratore con le caratteristiche previste dal Ministero degli Interni che ha attivato il Fondo per finanziare progetti come questo.

Nota: coloro che stanno sostenendo che vi sono illegalità e discriminazioni in atto nel Bando,  stanno sostenendo sciocchezze. Anzi questi sono atteggiamenti che si possono  definire” Luddistici” . Rischiano di scoraggiare i potenziali Imprenditori interessati a partecipare a questo bando. Per la Cronaca , come è possibile prendere visione dal citato Album sulla Pagina FB di Apertamente, il cantiere della  Ciclofficina  è stato finanziato interamente dal Fondo del Ministero degli Interni (chiamato Fondo Maroni , allora Ministro)   la esecuzione dei lavori è stata eseguita da una Azienda scelta dalla Prefettura di Milano.

Il Referente di quest’ultima, incaricato a seguire l’esecuzione corretta di questi Progetti è stato il Vice Prefetto Dott.ssa Anna Pavone, che è stata anche una delle due Commissarie che hanno gestito il commissariamento del nostro Comune negli scorsi anni. Un Saluto. Augusto Luisi.  SEGUE

Tag: , ,

  1. #1 scritto da Saccavini il 20 novembre 2014 22:24

    Una descrizione ormai storica di un ex Sindaco al quale Città Ideale ha chiesto di raccontare la sua esperienza:

    Quando ne ho avuto la gestione, in pochi vivevano in tende e roulottes, nel fango.
    Ho deciso gli spostamenti in un area ove ho fatto mettere i servizi igienici: controllavo di persona e facevo controllare.
    Ho dovuto più volte minacciare che provvedessero a pulire e riparare minacciando di distruggere i servizi.
    Mi sono impegnato davvero perché se fossi riuscito ad ottenere una normalizzazione, una convivenza, ne avrei avuto un ritorno, un merito per me e la mia amministrazione.
    Allora il lavoro non mancava.
    Ho fatto loro ottenere 8 libretti di lavoro, per poterli far lavorare.
    Facevo loro assegnare lavori di piccola manutenzione nei parchi, nei sentieri e cose del genere.
    Venivano due o tre giorni poi sparivano. Nel senso che non si facevano trovare.
    Chiaramente non intendevano lavorare e non venivano neppure a ritirare il compenso per il lavoro svolto, per evitare che gli fosse richiesto del lavoro da fare.

    Quanto è cambiato da allora?

    RE Q
  2. #2 scritto da Andrea D. il 20 novembre 2014 22:54

    Come ho già riportato il bando dice:

    L’Amministrazione Comunale, con la presente concessione, intende favorire l’inserimento lavorativo a termine di soggetti svantaggiati e a rischio di emarginazione appartenenti alla Comunità Sinta di Buccinasco, [...]

    Qualcuno può avere dubbi di interpretazione?
    Cos’è si sono espressi male?
    Devo credere che si tratti di un errore di battitura?

    C’è scritto chiaro e tondo: intendo favorire non i soggetti svantaggiati in generale, ma quelli appartenenti alla Comunità Sinta.
    Neghiamo anche l’evidenza?

    Avrei voluto vedere se invece ci fosse stato scritto “intende favorire soggetti svantaggiati purché non appartenenti alla Comunità Sinta di Buccinasco”.

    Secondo voi non si sarebbe scatenato il putiferio e non avrebbero immediatamente lanciato l’allarme di razzismo e chissà cos’altro?

    RE Q
  3. #3 scritto da Saccavini il 20 novembre 2014 23:31

    Andrea applica l’affermazione al suo rovescio.

    Riesce così evidente, fuori da ogni dubbio, l’illogica determinazione dei nostri amministratori.

    Paventare reazioni razziste parlando del clima che così si viene a creare, accusare di razzismo, significa cambiar discorso.

    I danari non sono degli amministratori e non possono agire inquesto modo.

    buona serata

    RE Q
  4. #4 scritto da Roberto il 21 novembre 2014 15:02

    RE Q
  5. #5 scritto da Luisi Augusto il 21 novembre 2014 16:47

    SEGUITO
    PARTE SECONDA- 2A
    SINTI di Buccinasco ed il Quartiere Terradeo dove abitano
    + ASSOCIAZIONE APERTAMENTE: come Nasce, con quali Finalità.
    Attorno al 2007 a un certo punto è evidente che” il Progetto di Inclusione Sociale” riguardante le Famiglie Sinte residenti nel Q.re Terradeo , ha subito un battuta di arresto per quanto riguarda il tema dell’abitare per le vicende burocratiche attorno alla discussione del PGT della Giunta Carbonera che non permettono di affrontare risolutivamente la questione del diritto alla permanenza del Q,re Terradeo con il benestare del PASM entro la legislatura.
    …………………..

    La seconda parte della descrizione della attività di Apertamente, interessante nonostante qualche polemica che ci sembra male esposta, sarà pubblicata al più presto come articolo:

    Sinti, Amministrazione, Apertamente, Cittadini: a ciascuno il suo

    buona lettura

    RE Q
  6. #6 scritto da Saccavini il 21 novembre 2014 18:59

    Prevedibile che questa scombinata maggioranza, che irride e rifiuta di considerare esigenze e problemi dei Cittadini, quando poi seguono iniziative dei Cittadini medesimi debba fare come il gattino di casa che si cura di coprire con la sabbia il suo evacuato.

    Un comunicato inventato, con preoccupazioni senza senso verso Cittadini che esprimono il loro diritto di rappresentare le loro criticità, i loro problemi, le loro preoccupazioni.

    L’agire responsabile e sereno, sottolineato da Città Ideale con l’articolo da poco pubblicato.
    Aveva, facilmente, visto giusto:
    Tentano in ogni modo di “buttarla in politica” creando divisioni sui massimi sistemi.

    Si inventano vicinanze con l’antistato….
    è il sistema dei partiti che lo coltiva e ci scambia affari sporchi contro voti.

    Con questo sistema dei partiti, con gli scambi coltivati per decenni l’antistato è cresciuto, ingrassando e consolidando questo far politica, in tutto il paese.
    Adesso il sindaco fa lo scandalizzato per qualche battuta basic su facebook?

    Se lo ricorda quando, eletto da un mese, nel giugno 2012 la sua maggioranza ha dichiarato che i sinti non erano nella possiiìbilità di pagare i Camper e roulottes che il Comune aveva acquistato anticipando in nome loro?
    Che non ci si poteva far niente?
    UN MESE!
    non si erano ancora seduti sui loro scranni e subito a dare il segno delle brache calate verso i sinti!!

    I furti di energia elettrica che poi ha dovuto sanare il comune!!

    Il comandante della polizia locale che fa difficoltà se viene invitato a svolgere la sua funzione ispettiva e di controllo?

    La legalità, la trasparenza, la nettezza di comportamento sono la base che i Cittadini pretendono da una amministrazione che sul montare delle criticità circa la sicurezza risponde con le solite regalie di danaro pubblico verso persone che vivono in condizioni precarie per loro responsabilità certo, ma anche a causa di un agire delle amministrazioni che appare non aver smosso di un millimetro la “inclusione” dei sinti.

    Sarà un incontro tranquillo e civilissmo;
    se succederanno cose strane la prima responsabilità sarà di chi ne ha il potere ma è incapace di gestire la Comunità e sta cercando di sporcare la civiltà dei Cittadini..

    buona serata

    RE Q
  7. #7 scritto da Saccavini il 21 novembre 2014 22:32

    Qualche poco simpatico buontempone ritiene che l’affermazione di questo articolo sia sconcia. La riportiamo nella sua interezza :

    “Giustamente è esasperata dalla piccola criminalità (e meno) che imperversa. In questi giorni (Sabato e Domenica) si deve registrare una serie di eventi: venti box violati in due giorni. I sinti sul territorio rappresentano il nucleo che vive soprattutto di espedienti, dai comportamenti ai margini della legalità. L’amministrazione non informa e concede sostentamenti che dai Cittadini provengono (a nostro parere con poco costrutto, gettando NOSTRE risorse). Una situazione che può diventare esplosiva: non dia la colpa ai Cittadini, Apertamente (e non faccia il controcanto a chi, indifferente, amministra).

    Dopo aver deviato dall’argomentare, attribuendo al testo il significato che tutto quanto succede e solo e tutta colpa dei sinti, viene addebitato un sentire razzista:

    Il problema è sempre lo stesso: prima sono venuti a prendere gli zingari, poi gli ebrei,poi…

    In questo modo non si può ragionare: solo approvare o condannare.
    Difatti viene chiesta ai destinatari di prendere posizione ovviamente condannando Città Ideale (novello Himmler che brucia i sinti col gas).

    Chiedere legalità, rispetto delle regole, spese per l’integrazione dei sinti monitorate e inserite in un programma di corretto dare e avere, secondo costui (e costoro), mossi da cieco furore in difesa del colpevole nulla di questa amministrazione, arrivano a tesi assurde come questa
    Fanno il paio con le terrificanti descrizioni del Sindaco, al prefetto alle forze dell’ordine; dimenticatosi solo del centro di analisi per soggetti dalla debole psiche.

    Città Ideale, i lettori e Cittadini sono tranquilli: nonostante i fautori di scontri per nascondere le incapacità di chi ci governa, andremo avanti diritti verso l’obiettivo di una città più vivibile, più serena, più civile.

    RE Q
  8. #8 scritto da Paolo Caimi il 22 novembre 2014 00:24

    Sono io il buontempone.
    Saluti.
    Paolo Caimi

    RE Q
  9. #9 scritto da Saccavini il 22 novembre 2014 09:27

    Il buontempone propone un processo nei confronti di Città Ideale….

    stiamo sereni e andiamo avanti …. per la legalità, la civiltà, il rispetto di tutti (anche dei buontemponi)

    buona giornata

    RE Q
  10. #10 scritto da Paolo Caimi il 22 novembre 2014 10:07

    Saccavini, scusi, quale processo? Dove è scritto? Non mi censuri anche questa volta: non si interrompe così un’emozione!
    Saluti.
    Paolo Caimi, il buontempone

    RE Q
  11. #11 scritto da Saccavini il 22 novembre 2014 21:07

    Il poco simpatico buontempone adesso fa anche colui che non capisce.

    Sa benissimo di che si tratta così come sa (o dovrebbe sapere) che Città Ideale non renderà pubbliche le sue affermazioni espresse ad altri, in altro contesto (quello descritto).

    Città Ideale non pubblicherà (anche se sarebbe gradito e gradevole farlo).
    I lettori capiranno che non tutto può essere reso pubblico.

    buona serata

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth