Buccinasco: si usa il falso a fini politici

Riceviamo da Alberto Schiavone un documento che, se avessimo a nostri rappresentanti della Comunità persone di decente civismo, provocherebbe immediato chiarimento e solidarietà, oltre a respingere nettamente quanto avvenuto. Non è così.

Questa congrega (come chiamarla diversamente, oramai?) davvero se le canta e se le suona. Si inventa e denuncia a suo danno aggressioni, falsi, e via scrivendo e facendo scrivere, anche su mezzi pagati da noi Cittadini.  Sono falsità che servono (dovrebbero servire) a coprire gli errori, gli sprechi, gli appalti sbagliati.

Alla ricerca della rissa a tutti i costi per imbrogliare le carte, di fronte alla precisa e documentata informazione sulle attività (e conseguenze anche dalle forze dell’ordine), ecco che sono loro a inventarsi comportamenti spregevoli attribuiti a coloro che ritengono avversari. Questa volta tocca a Alberto Schiavone.

Che una lista cosiddetta civica arrivi a tanto, è miserevole. Lo è ancor di più quando, costretta precipitosamente a cancellare tutto (compresi cinque commenti plaudenti), ha la sfacciataggine di irridere sulla vicenda. Il vecchio mondo di questa politica è al tramonto, sta finendo male (qualche telefonata privata di scuse, al fine di evitare richieste di danni, è perfino peggio). Teniamo bene a mente la poca onorabilità dell’insieme

BUCCINASCO –  IL SASSOLINO NELLA SCARPA

(Alberto Schiavone 10 Settembre 2014) in data 8/9/14 la lista Per Buccinasco: il partito del vicesindaco Rino Pruiti e del Presidente del Consiglio Comunale Rosa Palone, giusto per capirsi, pilastro importante della maggioranza politica che governa Buccinasco, ha pubblicato un post che mi riguarda.

Additandomi addirittura come il ‘capo’ del M5S di Buccinasco (ahahahahah) , con contenuto sostanzialmente falso e insinuazioni volutamente infamanti, nonostante le poco nobili intenzioni, l’esito del post è risultato a dir poco comico. NESSUNO dei rappresentanti della maggioranza politica del  PD&soci , ne dei rappresentanti istituzionali, tantomeno il Sindaco (sifaperdire)  ha preso le distanze pubblicamente da questo attacco verso un semplice cittadino reo unicamente di critica (quindi di lesa maestà) all’amministrazione comunale.

Amministrazione che, invece di sanare i disservizi, cerca di far polemica negando la realtà. Evidentemente, approva chi getta fango o cerca d’intimidire i Cittadini che giustamente criticano e protestano.

A distanza di 24 ore, 9/9/14, ma dopo esser stato comunque letto da moltissime persone, il post è stato rimosso dal web. La lista Per Buccinasco non ha nemmeno presentato le sue scuse. Non tanto al sottoscritto, ma ai Cittadini che hanno volutamente cercato d’ingannare.

Un esempio davvero encomiabile, di fatto condiviso da tutti i membri della maggioranza, dagli eletti in Consiglio Comunale, dalla Giunta, e dal Sindaco (aridajie, sifaperdire). Non voglio fare polemiche sterili, ne commenti, solo riportare e far conoscere quanto succede a Buccinasco Italia. Ogni uno si farà la sua opinione. A riveder le stelle …

Tag:

  1. #1 scritto da Alberto Schiavone il 12 settembre 2014 11:39

    Ringrazio per la solidarietà , la comprensione e la disponibilità. Di cuore, davvero.

    RE Q
  2. #2 scritto da Saccavini il 12 settembre 2014 12:11

    Solo rendere conosciuta la realtà di un agire davvero disonorevole da parte degli autori.

    Un dovere quindi, la solidarietà è di prammatica e dovrebbe arrivare innanzitutto dai compagni di cordata che della maggioranza fanno parte (che invece preferiscono far finta di niente: silenzio e riservatezza…).

    Buona giornata Alberto Schiavone

    RE Q
  3. #3 scritto da Andrea D. il 12 settembre 2014 13:16

    E’ un giochino vecchio come il mondo: non potendo contestare nel merito le questioni si attacca la persona.

    Fa sorridere il fatto che, abitualmente, questa è l’accusa rivolta alle opposizioni e a tutti i Cittadini che osano manifestare il proprio dissenso o le proprie perplessità, nel merito delle questioni e senza attacchi personali, nei confronti delle decisioni prese da questa Amministrazione che, non paga

    di avere il controllo del sito Comunale,
    di vari blog,
    di Buccinasco Informazioni e
    un atteggiamento a dir poco accondiscendente da parte della stampa, in particolare quella locale,

    vorrebbe avere il monopolio assoluto dell’informazione, pretendendo di mettere il bavaglio o cercando di screditare all’origine chiunque non si allinei al pensiero unico!

    Sulle questioni recenti l’atteggiamento rasenta, ormai, la schizofrenia: Tizio dice una cosa, negando o minimizzando gli accadimenti, e il suo compare, Caio, subito dopo, dice il contrario!
    Che tristezza.

    Questo passa il convento … per ora!

    RE Q
  4. #4 scritto da Islero il 12 settembre 2014 13:47

    Buongiorno,
    Siamo davanti ad un comportamento non giustificabile, nemmeno da Batman e da Ro..bin..a,

    speriamo che poi la stessa non si proponga come futuro sindaco di Buccinasco, sarebbe il CAOS!!!

    Aiuto Jack, fai qualcosa….se ti riesci

    RE Q
  5. #5 scritto da Saccavini il 12 settembre 2014 14:35

    Il silenzio delle istutizioni, del rappresentante della Comunità, in un caso del genere, fa pensare a debolezza o condizionamento da parte degli autori, sulla sua persona…

    La situazione crediamo che sia troppo seria Islero,

    se dei doppi sensi si potesse fare a meno, l’efficacia ne guadagnerebbe.

    RE Q
  6. #6 scritto da Saccavini il 12 settembre 2014 17:49

    Mettiamo da parte, per un momento, la mediocre tenuta etica dei personaggi in questione Andrea, e cerchiamo di capire come si costruisce l’esigenza del “pensiero unico”: cercare in ogni modo ed in ogni questione di aver ragione, di convincere e convincersi di essere la parte giusta, sempre e su tutto.

    Qualcosa di simile e paradossale, ad una concezione religiosa del pensiero politico assolutista.
    E’ il portato, la conseguenza delle ideologie assolute che, ipotizzata la società perfetta e ideale, portano gli aderenti a cullarsi entro l’unica risposta (per loro) valida.
    Da qui è facile, quasi inevitabile il passaggio semplice e automatico: chi non è con me sbaglia e se lo fa in modo convinto, ha tare etiche e ideali.
    Il non aderente diventa il nemico.

    La lotta assoluta e definitiva per prevalere, per la quale si è (sono) intimanente convinti di essere depositari del “vero”, quindi del “giusto”, quindi essere i soli e comunque, coloro che sono inseriti nel senso della storia.
    Preservare e tutelare il “vero” diventa una lotta religiosa e assoluta. Chi ne è fuori depositario di nequizie, di cui liberarsi, da sconfiggere.
    Fossimo indietro di qualche secolo, da mandare al rogo.

    Non è questo che chiaramente sono in grado di percorrere i nostri “interlocutori”, non ne sono coscienti, ma lo schema sintetico descritto ne descrive le linee guida.

    Chi li contrasta è “bacato”… mentre sono solo Cittadini che da altre posizioni e percorsi intendono costruire una Città Ideale.
    Non colgono i valori, i contenuti che pure ciascuno per la sua parte è portatore (anche loro è probabile).

    Forse troppo sistematico questo discorso?

    buon pomeriggio

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth