Funzionario bocciato per Buccinasco, premiato dal Ministero

La vicenda ha del paradossale, ma a suo modo è illuminante di un metodo prevaricante della politica nella gestione della Casa Comune. Non è il caso unico di un agire corretto e impegnato al far bene, posto in seconda linea o peggio, a compiti molto inferiori rispetto alle competenze. Con il fine di mettere al posto giusto colui che si mostra più disponibile, premiato nella funzione, nella remunerazione, nei premi di produttività.


Riceviamo e volentieri postiamo l’argomento trattato da Alberto Schiavone con la sua solita “verve”. Curiosa l’immagine un po’ cruda che viene presa da Travaglio il quale a sua volta la ha ripresa da una famosa poesia dialettale di Carlo Porta, il quale fa dire a Dio, cui la Madonna si rivolge per un miracolo (divertente) da accordare ad un devoto della Madonna, defunto in circostanze imbarazzanti.

Ecco cosa fa dire al buon Dio il poeta milanese: … Mi patron de tutt coss,  mi Gesù Crist, – che col moev d’un mè brasc  – poss fav tucc in d’un spetasc, – mi che per vèss soa divina maistaa – poss pissà in lecc e dì che sunt sudaa,… Una immagine benevolmente, direi amorevolmente dissacrante, di un Dio benevolente verso la madre, raccontato come probabilmente sentito, all’osteria o al verzée, da anime semplici, di fede robusta e convinta.

Un ricordo della nostra storia che piaceva riportare. Per chi volesse, la poesia è titolata: On Miracol. I nostri epigoni imitano questa immagine con le soperchierie che pretendono di far passare. Salvo poi, sin verguenza, fare le anime candide e scaricare tutto sui funzionari da loro indotti ad “obbedir tacendo”. Ecco l’articolo di Alberto Schiavone.


Buccinasco problemi ? Colpa dei dipendenti comunali, naturalmente!

(Alberto Schiavone, 24 Giugno 2014) Evvaiii !!! Finalmente abbiamo capito di chi è la colpa di tutti i casini che travolgono Buccinasco di questi tempi, mica era difficile in fondo, è tutta colpa dei dipendenti e funzionari comunali, che ne combinano di tutti i colori per incasinarci e incasinarsi la vita. E noi fessi che pensavamo a responsabilità fosse dei politici che amministrano la cosa pubblica; ci pisciano addosso e ci raccontano che piove. Ci siam proprio sbagliati. Non c’è dubbio.

Pure i magistrati però han preso evidentemente una bella cantonata, infatti, stranamente, indagano, arrestano, e con un pochino di fortuna condannano sempre più spesso i politici (come dimostrano i quotidiani vari scandali nazionali e regionali) e non i dipendenti comunali/regionali/statali, con qualche eccezione per qualche ‘amico’ che incautamente si fida, e firma documenti più pericolosi delle buste all’antrace. Questi magistrati, ci son cascati anche loro, tst-tst!

Per fortuna (sifaperdire) c’è il capogruppo del PD , David Arboit, che ha capito tutto e ci ha svelato la verità finalmente, ed è tutto maledettamente semplice in effetti. I politici son tagliati fuori per legge, è la burocrazia , cioè il personale comunale, che decide tutto sugli appalti. Gli fa eco Jack a proposito del micidiale appalto del verde: “ La mia Maggioranza aveva deciso per un appalto con il metodo dell’offerta più vantaggiosa, gli uffici hanno invece deciso di percorrere un’altra strada, e in piena autonomia (la legge lo consente) di appaltare al massimo ribasso” (Sindaco Maiorano,12/6/14).

Ecco, evidentemente la delibera in questione, senza la quale i potentissimi dipendenti comunali non possono fare una mazza, l’ha votata la Giunta ‘a sua insaputa’, e pure all’unanimità (29/11/13)!(come ha dimostrato Andrea Dalseno e il Sindaco ha dovuto ammettere, ndr) Una bella sbornia da Jack&David Whisky, non c’è che dire!

Ricapitoliamo: son i dipendenti comunali i veri capi che detengono tutto il potere e fanno quello che vogliono. La loro frustrazione, l’esaurimento, la precarietà economica? Tutte scuse! Perfetto. Non fa una grinza. Il problema è, che con tutti i nostri limiti, nonostante l’impegno, proprio non riusciamo a crederci a questa storia, ci spiace davvero.

Magari è perché a differenza di Arboit non disponiamo di tablet+pianoservizi in usufrutto gratuito (cioè pagato dai suoi concittadini, molti dei quali dipendenti comunali) con il quale riesce a partorire queste brillanti teorie. Forse con altri magari andrà meglio, o forse no. Vedremo….

“Ci pisciano addosso e dicono che piove!”

(Marco Travaglio, Rubrica Passaparola, Blog di Beppe Grillo, 19/05/2008)

Tag: , ,

  1. #1 scritto da Andrea D. il 26 giugno 2014 13:52

    Irriverente, come sempre, ma ha centrato il punto: se fosse vero quel che ci dicono, potremmo risparmiaci la fatica e le spese delle votazioni, tanto sono i funzionari a comandare e decidere tutto, in piena autonomia, no?

    RE Q
  2. #2 scritto da Emilia B. il 26 giugno 2014 13:58

    Vedo oggi sul l’albo pretorio la delibera n. 152 la vicenda ha davvero del paradossale!
    Abbiamo questo D3 premiato e riconosciuto fuori …
    Ma ridimensionato ora …

    Ne abbiamo uno all’ecologia che usiamo per le fotocopie,

    un altro D3 che usiamo per le ricevute dell’ASB,

    un altro D1 che usiamo per controllare i contatori e il taglio del verde (e lo fa pure male) …

    Ma questa Giunta decide invece che noi Cittadini dobbiamo pagare circa 40.000€ in più per assumere un altro D1 tecnico e

    prenderne uno in mobilità (quindi senza selezione solo colloquio) da qualche altro Comune… Altri 40.000 € …

    Beh direi che il ragionamento non fa una piega …

    RE Q
  3. #3 scritto da Saccavini il 26 giugno 2014 14:43

    Emilia B. che belle notizie…

    Vedremo se sussistono profili leagli di spreco del danaro di noi Cittadini: perché il paradosso di questo modo di amministrare, continuamente aggiustato e limato da quarant’anni, permette tutto e il contrario di tutto, come aumentare incarichi, inquadramenti, costi diretti e indiretti, senza che ciò, sulle reogle che si sono dati, rappresenti un aumento dell’organico!!

    Questa amministrazione intanto, con la certificazione cerallacata del nostro Segretario Generale, ha riorganizzato così bene la struttura da arrivare nel numero delle P.O. (Posizioni Organizzative, l’equivalente di quadri o dirigenti in aziende private) da 5 a 10 (siamo ormai a uno ogni dieci dipendenti).

    L’elenco che ci fa Emilia sembra derivato da una descrizione di Gogol nella russa zarista di fine Ottocento: funzionari impiegati quali palafrenieri o uscieri di terza categoria.

    Vedremo di verificare: lo stato organizzativo ex quo ante e l’attuale.
    Faremo le nostre considerazioni. con costoro non resta altro che far conoscere e denunciare a chi di dovere.

    Sulla realizzazione di questo pastrocchio incoerente e sprecone dovranno rispondere a qualcuno, almeno è sperabile.

    RE Q
  4. #4 scritto da Islero Miura il 26 giugno 2014 15:33

    Paura, fermento, disordine .. è questo lo stato d’animo che mi pervade, mai voi vi immaginate se adesso ci dobbiamo trovare davanti l’accoppiata Schiavone – Stano, solo il pensiero mi fa tremare.

    Sembrerebbe che questa amministrazione se le vada proprio a cercare, oppure non le cerca ma il “sindaco ombra” le prepara a loro insaputa (cotto e mangiato), forse sarebbe meglio per gli attori in questione riflettere prima di chiudere i giochi in anticipo …

    “Jack, Batman e l’inseparabile robin..a rosa” (che aspira a futuro pro-tempore), oh … dimenticavo anche i superstiti della compagnia, la DECISIONALE “giunta” (che perde continuamente pezzi), 6 personaggi in cerca di autore.

    RE Q
  5. #5 scritto da Andrea D. il 26 giugno 2014 17:10

    In realtà la delibera (VEDI), se ho ben compreso perché non mastico bene la contrattualistica del pubblico impiego, dice che sarebbe servito un D1 (anzi due) e invece si prende un D3 … insomma viene prima l’uovo o la gallina?

    Stabilisco quello di cui ho bisogno (D1) e lo vado a cercare o trovo quello che mi va bene (D3) e poi mi ingegno per creargli un posto?
    C’è qualcuno che è in grado di spiegarci un po’ meglio?

    RE Q
  6. #6 scritto da Giovanna il 26 giugno 2014 18:25

    Chi per caso conoscesse la Signora che ha contattato per venire a lavorare in comune a Buccinasco faccia un atto di carità: le dica che tempo tre mesi dovrà andare da uno psicanalista bravo per farsi curare e poi da uno psichiatra per i problemi esistenziali che jack e compagna BellaG le faranno venire.

    Abbiate pietà avete già ridotto le nuove PO a dei fantasmi procurando loro atteggiamenti psicoimpulsivi, il marito di una di queste ragazze racconta in giro che quando sono in atteggiamenti intimi lei si mette in ginocchio sul letto e urlando dice : ” L’erba,l’erba l’hai tagliata l’erba”…..e poi a seguire 4 pastiglie di tavor.
    Vi prego non distruggiamo un altra vita, un altra moglie ,un altra mamma…..

    L’altra PO ha giocato tutti i numeri delle perizie al lotto ed ha miseramente perso una fortuna così da doversi dichiarare giocatore dipendente e chiedere l’aumento a ASB mascherato da incentivo in quanto il costo delle cure superava di gran lunga lo stipendio di amministratore pubblico.

    Secondo me bellaG e jack hanno la percentuale su ogni paziente che mandano dallo psichiatra oramai nel comune di Buccinasco ce nè una fila interminabile.
    Purtroppo il mio commento ironico nasconde una grande verità, i dipendenti comunali,tutti, sono esausti di questa amministrazione BellaG compresa.
    Abbiano pietà di noi vadano fuori …… ci guadagnerebbero tutti (tranne gli psichiatri)

    RE Q
  7. #7 scritto da Emilia B. il 26 giugno 2014 18:58

    Perché tutta questa agitazione.. Speriamo che i due abbiano trovato la soluzione agli annosi problemi di Buccinasco, far condividere ai poveri cittadini la trasparenza del palazzo….

    RE Q
  8. #8 scritto da Saccavini il 26 giugno 2014 20:16

    Giovanna buona serata,

    si può capire la reazione e la denuncia in relazione a scelte sul personale calate dall’alto come fossimo in un impero persiano di tremila anni fa.
    Chi comanda, nel nostro municipio sembra colpito da una sindrome di debolezza e, come spesso succede, per mascherarla si esagera con decisionismo.

    Tuttavia il senso della misura, la superiorità e maturità del personale potrebbe e dovrebbe manifestarsi con forme meno pesanti (pur condividendo una concreta condizione di criticità da parte di personale sballottato in base a criteri il cui senso funzionale sfugge).
    Quel che sorprende sempre più è, vista da fuori, la totale assenza della RSA, la struttura sindacale interna: raddoppi delle P.O. e assunzioni di livello alto generano la stagnazione di persone interne già impiegata in ruoli molto inferiori a preparazione e competenze..

    Quel che si può dare per certo, nonostante le apparenze, sono sovraccosti e sostanziali sprechi di risorse, purtroppo.

    RE Q
  9. #9 scritto da Camilla il 26 giugno 2014 20:49

    Ma perché non si dimettono in massa i dipendenti?
    Sarebbe la prima volta in Italia! Oppure, perché non chiedono tutti la mobilità?

    Da prima pagina quotidiani nazionali, e chissà, magari qualcuno di “esterno” decide dopo anni di “metterci mani, piedi e naso”!

    RE Q
  10. #10 scritto da Saccavini il 26 giugno 2014 21:23

    Sarebbe un sussulto di dignità di pubblici dipendenti che si oppongono a veri e propri soprusi di questa amministrazione.

    Lo promuovesse la rappresentanza sindacale aziendale l’effetto sarebbe eclatante.
    Se si arrivasse ad una dimostrazione spontanea di funzionari e dipendenti ancora di più.
    Anche perché i sindacati ci farebbero quella figura di supportes di amministratori “di area” che prevaricano.

    Sono decisioni che competono al collettivo del personale che lavora in municipio: loro vivono la situazione e sono in grado di valutare concretamente, dall’interno l’opportunità dell’iniziativa.

    RE Q
  11. #11 scritto da Rinaldo Sorgenti il 26 giugno 2014 21:31

    AHAHAHAH !
    Quantomeno, hanno la capacità di farci momentaneamente sorridere, anche se dopo pare rimanga … l’amaro in bocca !

    RE Q
  12. #12 scritto da Islero il 26 giugno 2014 22:11

    Mi sembra di aver capito, pronto però a ricredermi, che ogni qualvolta il comune ha la visita della guardia di finanza e/o carabinieri e/o polizia provinciale, ci sia “jack e Batman” che se la prendono con i dipendenti … Spostamenti, provvedimenti, regole e regolamenti che cambiano repentinamente all’occasione a cui servono..
    Si chiede agli inquirenti di evitare ulteriori visite pena la decimazione del personale…

    RE Q
  13. #13 scritto da Emilia B. il 26 giugno 2014 22:17

    Per Giovanna: qualcuno ha avvisato i nuovi aspiranti D “tecnici”, che settimana scorsa, un intero settore dell’area tecnica ha dovuto far visita presso la sede della Guardia di Finanza?

    … E che guarda caso era proprio uno dei settori cui da’ gli indirizzi il nostro “Batman” … Ditegli di cambiare “navigatore”….

    E aggiornare il software nella batcaverna

    RE Q
  14. #14 scritto da Saccavini il 26 giugno 2014 22:30

    Ma guarda un po’… la GDF che controlla Buccinasco da vicino,

    che quando non viene a far visita in municipio,

    succede che i nostri funzionari, siano chiamati a rapporto presso di loro….

    Naturalmente in rigorosi “RISERVATEZZA E SILENZIO”….

    I nostri amministratori si sono convinti di

    farsi gli affari loro

    non di

    AMMINISTRARE BENI E DANARI DI NOI CITTADINI

    ai quali non si deve dire nulla, non devono saper niente….

    Sembrano lestofanti con mascherina nera che si aggirano in casa d’altri….., cercando di non farsi sentire e vedere, mentre compiono gli affari loro.

    DOBBIAMO MANDARLI A CASA!!

    Buona notte Emilia

    RE Q
  15. #15 scritto da Andrea D. il 26 giugno 2014 23:56

    Mi sembra normale che, vista l’inchiesta in corso, alcune persone possano essere sentite; dal momento che, da quanto mi pare di aver capito, non sono state accompagnate dai propri legali si tratta di semplici audizioni di persone informate dei fatti o di raccolta di sommarie informazioni.

    Routine, almeno per ora.

    Ancora non ho capito perché sia stato nominato un legale da parte del Comune in questa fase preliminare.
    Non è stato prematuro?

    RE Q
  16. #16 scritto da Saccavini il 27 giugno 2014 00:16

    Nella Riservatezza e Silenzio del nostro Sindaco caro Andrea noi abbiamo poche variabili:

    UNO il Sindaco non informa i Cittadini e nessuno sa nulla tranne i membri della maggioranza; quando informati, che possono se vogliono raccontarci una versione concordata fra loro.

    DUE veniamo a sapere per vie traverse i fatti che accadono e:
    a) secondo interessati partecipi a questa coalizione dovremmo stare zitti in assenza di notizie certe (che non vengono fornite) COSI’ IL LORO SILENZIO VIENE PREMIATO, RAGGIUNGONO L’OBIETTIVO DI FARSI GLI AFFARI LORO
    b) oppure informare e o dedurre, congetturare per come possibile, perché la Comunità, i Cittadini sappiano

    Sarà routine i dipenenti convocati dalla GDF?

    Per il nostro Sindaco, in ogni caso:
    a) sono faccende non degne di considerazione e di informazione
    b) oppure elementi delicati che possono generare problemi alla sua amministrazione

    La convocazione di uno o più dipendenti presso gli uffici della GDF è un fatto che una amministrazione degna di questo nome deve
    > rendere pubblico,
    > chiarire nelle motivazioni,
    > spiegare nelle sue origni,
    > infine indicare da quali criticità è generato

    Se poi il Comune nomina un proprio legale….. una routine di spessore allora…

    RE Q
  17. #17 scritto da Camilla il 27 giugno 2014 09:41

    Che arrivino gli inquirenti in Comune, va bene, che siano chiamati i dipendenti presso la Guaria di Finanza, va bene.
    Ma non basta!

    Non basta più! Sembra una presa in giro. A lupo, al lupo.

    RE Q
  18. #18 scritto da Roberto il 27 giugno 2014 09:42

    Andreotti diceva che “Il potere logora chi non ce l’ha”….

    RE Q
  19. #19 scritto da Saccavini il 27 giugno 2014 10:05

    Buon giorno Roberto,

    questa famosa frase di Andreotti, fin troppo ripetuta, è quasi sempre dimenticata riguardo ai suoi destinatari: politici di professione, mestieranti che fanno della politica un mestiere e che rodono, cercando in tutti i modi di acquisire potere.
    Potere che in politica è diventato strumento per consolidarlo, per distribuire favori alla caccia di consenso.

    Logoramento che riguarda i partiti e i Cittadini che come mestiere hanno la politica e intendono percorrerla per tutta la vita.

    Chi scrive qui, e chi legge, sono per la quasi totalità Cittadini che, come me e te, hanno un loro mestiere, loro impegni, e si interessano del far politica perché, ciascuno dal loro punto di vista, intendono fars sì che le loro idee si affermino.
    Ecco allora che la frase di Andreotti diventa autoreferenziale per i nostri mestieranti d’oggi, i quali così attribuiscono ai Cittadini che discutono e dibattono le loro medesime aspettative di mestiere.

    Di Andreotti, al riguardo, viene invece bene ricordare (siamo negli anni sessanta e lui era ministro della difesa) una sua dichiarazione che riguardava la struttura, se non vado errato, della Marina.
    Diceva la frase (la riporto a memoria):
    ” vengono al ministero richieste di passaggi di grado. Abbiamo già una Marina che può vantare 3 o 4 ammiragli per ogni bagnarola in grado di solcare il Mediterraneo. Finirà che ancora un po’ ed avremo comandanti di fregata assegnati alla pulizia del ponte di comando…”

    Non sembra, questa frase di Andreotti, molto più pertinente e corrispondente ai pasticci di turn over, promozioni, assunzioni dall’esterno di quadri, che sta portando avanti il nostro Sindaco?

    RE Q
  20. #20 scritto da Andrea D. il 27 giugno 2014 13:47

    Preciso, perché la mia frase è stata interpretata male: non è affatto routine che dei funzionari/dipendenti vengano convocati dalla GdF, è routine che lo siano all’interno di un’indagine su una gara.

    Roberto, forse sarà solo la mia impressione, ma direi che, a Buccinasco, il potere logora chi ce l’ha ;-)

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth