Comune in piena disorganizzazione: spreca e noi paghiamo

Cominciamo con un appalto sfortunato, sull’amianto. Assegnato senza gara (importo non banale ma inferiore a 200mila euro. Cominciamo con l’osservare che la norma stabilisce un limite massimo per assegnare appalti senza gara, ma questo non vuol dire che al di sotto di questo limite non possa rendersi opportuno farla, la gara. Per una serie ampia di ragioni, che qui non è il caso di illustrare.

Invece… (non solo a Buccinasco) la legge è interpretata come un via libera senza eccezioni. Posso fare una licitazione privata: la legge lo consente. Mai che si dica in premessa alle decisioni che la logica, l’interesse per la Comunità, la qualità delle opere, la trasparenza, rendono comunque appropriata una scelta più rigida, più cautelante. Non succede mai….

Togliere l’amianto nella scuola di via Liguria comincia a diventare un pastrocchio per le foto di personale che opera a torso nudo! La spiegazione dell’assessore: l’amianto era già stato tolto. Chi lo ha controllato? Quale relazione scritta la riguardo? Si è avuto un accertamento? Sembra di no.  Succede poi che arriva un temporale con vento forte: una copertura provvisoria sul tetto vola via.

L’acqua va dappertutto e rovina nell’ambiente sottostante, palestra compresa (VEDI, l’articolo su ilgiorno). Genitori e Cittadini attestano di telone di copertura volato via; ed ecco, sorprendente la giustificazione (senza nome dell’autore) ma attribuita “al Comune”.

“L’episodio non ha nulla a che fare con i lavori che in quella parte dell’edificio sarebbero stati effettuati ieri. All’origine dell’allagamento ci sarebbero i pluviali otturati da tappi di foglie”.

Sembra di essere al teatro Smeraldo di Milano, famoso negli anni cinquanta per le riviste di Macario, poi Bramieri o Walter Chiari.  Il Comune è il danneggiato; l’impresa per legge deve essere coperta da assicurazione (art 163 Codice degli Appalti). Ma il Comune esce con una dichiarazione che fa ridere tutto il teatro. Vai avanti tu che mi vien da ridere….

Tappi di foglie che cadono in primavera? Tutte le piogge di questo autunno e inverno non generano problemi. Improvvisamente a Giugno per un temporale di mezz’ora succede quel disastro?

Come fa “il Comune” a rilasciare un giorno o due dopo una dichiarazione del genere?  Ha creduto a ciò che dice l’impresa?  oppure fatto fare una perizia tecnica nell’immediato?  Ha richiesto all’impresa di esibire la polizza assicurativa valida che per legge deve possedere? Possibile che questo Comune si senta impegnato a tutelare i fornitori a danno della Comunità?

Poi torniamo al verde: non si dovrebbe sapere, ma le voci girano. Il capitolato d’appalto prevede che le rate mensili (31mila euro, mica noccioline), siano pagate a 60 giorni. Facciamo allora sapere ai Cittadini e ai lettori che la nostra amministrazione ha pagato prima del 15 Giugno la fattura del mese di Maggio (15 giorni dopo!).  Chi dispone questo comportamento “di favore” ad una impresa che invece di incassare dovrebbe pagare danni? (la fonte è di assoluta credibilità)

Non abbiamo finito. Ecco un commento che una “Cittadina per bene” avrebbe inoltrato ieri 20 Giugno agli uffici comunali:

“Scusate se lo dico anche a voi che ci lavorate dentro, ma ho deciso che in comune gira il virus della pazzia e le persone non se ne stanno rendendo conto… Stamattina sono passata per un adempimento. Gente in fila all’anagrafe; gente in fila per la TASI. Un tale che urlava i numeri… Un bordello infinito con gente scazzata, per non parlare dello scazzo dei dipendenti. Forse voi che siete dentro siete abituati ma veramente vista da fuori sembrava la scena di un film…”

Non siamo su “scherzi a parte”… queste sono vicende, episodi, di questi giorni… quelli che nella nebbia del “silenzio e riservatezza”  del nostro Sindaco, riescono a trapelare. La sensazione: il turn over del personale ha figliato e come un cancro e  sta  occupando tutto il sistema, fino al rischio dell’esplosione.  Intanto i Cittadini pagano per avere servizi meno efficienti, per saldare in anticipo, danni e inadempienze;  danni che non  competono loro, e via così.

CITTADINI   -  CITTADINI 

STIAMO ATTENTI QUANDO ANDREMO A VOTARE

 NON ANDARE O VOTARE LE PERSONE SBAGLIATE

CI COSTA MOLTO CARO!

  1. #1 scritto da Eleonora il 22 giugno 2014 08:58

    Non ci posso credere: l’amministrazione ha pagato l’impresa del verde per questi mesi di servizio?
    È una vergogna perché avrebbero dovuto chiedere danni ben superiori a 31.000 euro. Questa e’ la prova della malafede che vige nell’operato del ns sindaco.

    Se avessero lavorato così a casa sua avrebbe pagato?
    neanche per sogno!
    ma siccome non sono soldi suoi paga per servizi non svolti…
    VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA .

    Invece di fare il puritano, il finto prete, e il finto legalità 100% non butti nel cestino i ns soldi così da farci pagare meno tasse come riesce a fare il comune di Assago.

    Buccinasco non ha bisogno di sindaci come questo che:
    o sono incapaci o sono in mala fade,
    complici di possibili reati.

    In ogni caso e’ bene che vadano a casa!!!

    RE Q
  2. #2 scritto da Saccavini il 22 giugno 2014 09:17

    Cero Eleonora,
    si capisce la sua reazione: la faccenda del verde la vede molto partecipe e i mezzi disastri cui abbiamo assistito fanno rabbia.

    Quanto al pagamento: firmare la disposizione di pagamento non significa che il pagamento è avvenuto. Vuol dire che gli uffici hanno ritenuto l’operato perfetto e completo, privo di rilievi, tale per cui si può disporre.
    L’operatore da quel momento può recarsi in comune e pagare?
    Oppure l’operatore deve comunque attendere i sessanta giorni?
    Non siamo amministrativisti e non sappiamo, ma l’atto è comunque ai limiti dell’assurdo, visto ciò che oggi abbiamo.

    Giusto attribuire al Sindaco la responsabilità: il vice è una sua creatura, un facente funzioni che può mandare a casa quando vuole…
    se ne fosse capace…

    Ove sussistessero risvolti di irregolarità amministrativa, la responsabilità sostanziale è comunque del Sindaco…
    Bene ricordarglielo.

    buona domenica Eleonora

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth