Movimento Cinque Stelle a Buccinasco: è nata una stella

Sabato mattina, nell’usuale spazio dedicato al mercatino nei pressi della chiesetta San Biagio, vi sono stati banchetti dei movimenti che si presentano alle elezioni. M5S ha in precedenza, alcuni mesi addietro, promosso una iniziativa tematica sul tema RIFIUTI ZERO, cui era presente anche Città Ideale, che sostiene il progetto, ormai adottato da centinaia di comuni. Bocciato da questa amministrazione che ha replicato l’appalto da una dozzina di milioni vinto dall’AMSA.

Questa volta M5S si è presentata con il suo volto politico, in vista delle europee, per il voto del prossimo 25 Maggio. Un prima volta, rispetto ad altri comuni del Sud Milano (come Cesano Boscone) nei quali si vota anche il rinnovo del Sindaco. Comprensibile l’attesa degli interessati, ricordiamolo: tutti volontari, nessuno dipendente pubblico per merito politico, nessun sindacalista di professione, ancor meno politici locali d’antan.

Cittadini nuovi, freschi, con una proposta semplice: mandiamo a casa questa congerie di interessi che messa insieme forma il Giaguaro che fa finta di cambiare ma ha l’obiettivo unico di lasciare le cose come stanno.  Buccinasco ha risposto ed ha risposto bene. Si direbbe in maniera entusiastica, come ci racconta Alberto Schiavone. Il Paese sta capendo e sta cambiando: stiamo andando verso una rifondazione del vivere democratico. Ecco come ce lo racconta Alberto, che ringraziamo complimentandoci.

 

 Buccinasco in Movimento !!! #Buccinasco #succede #davvero

 Alberto Schiavone (12 Maggio 2014). Ciò che è avvenuto sabato mattina è stato davvero straordinario, la partecipazione attiva di così tanti (ma proprio tanti) cittadini ad un banchetto è stata sorprendente anche per noi di M5S che siamo del ‘mestiere’. Impagabile lo sguardo esterrefatto dei banchetti ‘rivali’ , quelli dei partiti, praticamente deserti, davanti a questa fiumana di gente che invadeva il nostro.

“Sono lì in sette minuti”. Sheriff è telegrafico, come sempre. Sei minuti e quarantacinque secondi dopo mi raggiunge al mercato di Buccinasco, in via Emilia, giusto il tempo di tirar su il gazebo e arriva anche Paolo con sedie e tavolo, montiamo bandiere, manifesti, e l’implacabile PentaTest , una macchina della verità che non lascia scampo, e dimostra che, in realtà ,siamo tutti 5 stelle. Arriva anche Manuelina, che ci porta il suo entusiasmo e il suo sorriso, entrambi travolgenti.

Sono le 8.30 di Sabato 10/05/14. Ci facciamo un caffè, giusto in tempo, perché arrivano tantissime persone, attivisti conosciuti solo via rete, simpatizzati, ma tanti, tanti Cittadini. Al mercato ci sono pure quelli di Tsipras (si scrive così ? È una parola greca che vuol dire: sempre la stessa minestra) e quelli di Fratelli D’Italia (cioè gli ex-berlusconiani che l’anno scorso sono scesi dalla barca convinti che fosse spacciata), ma non se li suka nessuno.

Da noi invece è un fiume in piena: mi chiamano ovunque, per fortuna arrivano anche Mirco, Debora (!) e Davide a darci una mano, e pure così quasi non c’è la facciamo. Finalmente arriva anche Paolo:”Minkia Alb, da dove arriva tutta sta gente?“. Siamo a Buccinasco, qui il Movimento 5 Stelle è il diritto dell’anima dei Cittadini di respirare!

Ok, ho deciso, è troppo, troppo, troppo bello, Sabato prossimo concediamo il bis, non mancate, vi aspettiamo ! “Come l’aria, la conoscenza è indispensabile alla vita. Come l’aria a nessuno deve essere negata.” V, V for Vendetta

Tag:

  1. #1 scritto da Alberto Schiavone il 13 maggio 2014 08:23

    Grazie :-)

    RE Q
  2. #2 scritto da manuela santalucia il 13 maggio 2014 09:44

    Grazie di cuore per questo bellissimo articolo.

    La chiave del cambiamento riesiede nella partecipazione. Se ognuno di noi si occuperà personalmente di un pezzetto di mondo, lo trasformeremo presto in un posto migliore!

    Una canzone che amo moltissimo, che, per me, è una sorta di inno all’attivismo,

    “Man in the mirror”
    che recita:

    “If you wanna make the world a better place take a look yourself and then make that change!”

    RE Q
  3. #3 scritto da Saccavini il 13 maggio 2014 12:20

    Un grazie al Movimento Cinque Stelle e ai volontari che ne sono l’anima.

    Con una attenzione al rischio “masaniello”, pochi anni fa abbiamo avuto il fenomeno Lega-Bossi e nessun italiano vorrebbe che ci s iripeta, che succeda una seconda volta.
    Dobbiamo da Cittadini fare di tutto perché questa volta unzioni bene, con le aperture e la partecipazione di tutti, con la discussione e il piano progettuale che tiri fuori l’Italia dal baratro.

    Forza che ce la facciamo:

    Primo AMMAZZARE IL GIAGUARO

    Primo due: fermare il declino, risollevare il paese

    RE Q
  4. #4 scritto da Saccavini il 13 maggio 2014 12:27

    Mi ripeto con quanto ho già scritto a Schiavone, manuela:

    il grazie è dei Cittadini a tutti voi per quanto state facendo per noi.

    Noi Cittadini dobbiamo ciascuno con il proprio tempo e capacità, riprenderci in mano il nostro potere, mandando a casa la partitocrazia.
    In esempio e un invito a tutti

    buona giornata

    RE Q
  5. #5 scritto da Fabrizio Pagliuca il 14 maggio 2014 17:46

    Ottimo articolo,onorato di esserci stato anche io li con voi a gestire un fiume di gente.

    RE Q
  6. #6 scritto da Paolo il 14 maggio 2014 17:49

    Intanto complimenti per l’articolo e poi un grazie da parte della gente comune a Lei che scrive gratuitamente e trasparentemente dicendo tutta la verità e null’altro che la verità.

    Ancora grazie.

    RE Q
  7. #7 scritto da Saccavini il 14 maggio 2014 18:00

    Voglialo la stessa cosa Paolo: mandare a casa la partitocrazia.
    Coscienti e convinti che con l’intrico di interessi che oggi gestisce lo Stato, sono impensabili cambiamenti veri verso la rinascita dell’Italia come quel grande paese che è.

    Quindi complimenti e ringraziamenti sono reciproci.

    La partecipazione dei Cittadini, la sensibilità sul tema e sul potere del voto è indispensabile per riuscire nell’intento.

    Dobbiamo essere coscienti anche della responsabilità che segue: la scrittura della tabula rasa per segnare l’indirizzo di una sistemazione della montagna di problemi che questa partitocrazia, il furto della delega presa con i volti per gestire il paese come cosa propria, ci sta lasciando.

    Quando avessimo il risultato, l’entusiasmo durerà poco: ciò che dobbiamo affrontare fa tremare i polsi…

    buona serata

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth