Lo Statuto in bozza: quarta puntata. I Regolamenti

Poi faremo un riepilogo dello Statuto che Città Ideale vede corrispondere al suo obiettivo ideale. Così ci sarà per i Cittadini la possibilità di fare il confronto. L’idea di DEMOCRAZIA PARTECIPATA E TRASPARENTE:  questo l’obiettivo.  Di una gestione efficiente, di una struttura politica che orienta e indirizza, senza il potere di decidere le spese, di scegliere i fornitori o le aziende. Con quella che la nostra gestione pro tempore intenderebbe proporci; propinarci, visti gli intenti d’insieme che si colgono.

Parliamo oggi del tema Regolamenti. Abbiamo rispolverato un datato ma tuttora attualissimo articolo (VEDI)  nel quale si denuncia la frammentarietà, la mancanza di pubblicità per cui i Cittadini non sanno.Nei Regolamenti: l’assenza di un processo codificato determina la gestione: chi lo emana, chi lo approva, chi può proporre modifiche, ecc.

PARTECIPAZIONE INFORMATA significa far conoscere, distribuire a tutte le famiglie Statuto e regolamenti. Per ciascuno di essi una spiegazione pratica dell’utilizzo, i motivi nei quali è utile consultarli.  Ecco invece cosa ci dice nel merito lo Statuto in bozza:

Art. 11 – Potestà regolamentare 1. Il Comune ha potestà regolamentare in ordine alla disciplina dell’organizzazione e dello svolgimento delle funzioni ad esso attribuite.

Tutto qui. Non è un po’ poco? Noi chiediamo, nel rispetto della PARTECIPAZIONE INFORMATA, della TRASPARENZA, che: sia istituito un archivio pubblico con tutti i regolamenti in vigore, esposto sul sito della trasparenza. Che dei Regolamenti sia definita la gestione in modo esplicito, come detto sopra. Che nella loro gestione, la amministrazione sia obbligata senza indugio ad attivare l’aggiornamento quando questo sia reso necessario da emanazioni di leggi o disposizioni sovrastanti. .

In particolare la faccenda è di attualità perché il Regolamento del Consiglio in vigore è del 1988. Una o più leggi ne hanno modificato la struttura. Magari la legge viene applicata ma: i Cittadini non ne sono mesis  a conoscenza; sembra cosa che non li debba riguardare, che interessa solo gli addetti ai lavori. Si crea la situazione confusa e complicata che  allontana i Cittadini dalla vita della Comunità.

TRASPARENZA – OPEN DATE

DEMOCRAZIA   PARTECIPATA

PARTECIPAZIONE   INFORMATA

Tag: , ,

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth