WEB DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE Casaleggio UNO

Cominciamo con questo articolo l’illustrazione di un tema che è di attualità e lo diventa ogni giorno di più. Proprio perché di attualità, perché implica un cambiamento considerevole della attuale macchina partitocratrica, si tende a non parlarne. Più esattamente se ne comincia a parlare perché il Movimento Cinque Stelle, con la forza e la coesione che sta dimostrando, lo sta imponendo all’attenzione dei Cittadini. Qualcuno più sensibile inizia a sentirsi in obbligo di affrontarlo.

Con il termine partitocrazia (potere dei partiti divenuti potestà diretta di governo,  delle strutture e aziende pubbliche territoriali) si vuole denunciare l’anomalia del sistema e la sua pericolosità, particolarmente in questo drammatico periodo che deve affrontare il Paese. Non significa che tutto è marcio, che tutti sono marci. La denuncia della anomalia però impone che questa sia conosciuta e riconosciuta per i rischi e ritardi che causa. Diventa allora indispensabile individuare un percorso che risolva la cancreta; la terapia; l’antidoto.

Cominceremo con un paio di interviste chieste a Gianroberto  Casaleggio: il teorico, la fondante testa pensante del M5S, che ama poco apparire e parlare. Preferisce ragionare e studiare, attività per le quali si sente evidentemente più portato. La prima intervista è del 20 Giugno di Serena Danna su ilcorriere (useremo la sigla 2006DA); la seconda di Gianluigi Nuzzi del 21 Luglio (sigla 2107NU).

Gli argomenti saranno raggruppati per omogeneità di contenuto, cui potrà seguire il commento. Sottolineiamo ancora per i lettori l’importanza della elaborazione che sul tema  WEB DEMOCRAZIA va sviluppando Casaleggio. Il nostro mondo globale sta cambiando davvero a grande velocità, diventa indispensabile capire le linee su cui si muove il cambiamento; la direzione che, grazie all’evolversi delle tecnologie andiamo prendendo: conoscere la nostra società di domani (ormai in senso temporale e non traslato: dietro l’angolo, tanto corre il mondo).

 2006DA - 1. “Casaleggio, l’enciclopedia online Wikipedia definisce democrazia digitale «la forma di democrazia diretta in cui vengono utilizzate le moderne tecnologie dell’informazione e della comunicazione nelle consultazioni popolari». Si ritrova in questa definizione?

Casaleggio: «No, la democrazia diretta, resa possibile dalla Rete, non è relativa soltanto alle consultazioni popolari, ma a una nuova centralità del cittadino nella società. Le organizzazioni politiche e sociali attuali saranno destrutturate, alcune scompariranno. La democrazia rappresentativa, per delega, perderà significato. È una rivoluzione prima culturale che tecnologica, per questo, spesso, non viene capita o viene banalizzata».

 °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

2107NU - Nuzzi: Casaleggio, lei sostiene che siamo ormai prossimi a una rivoluzione. Ha detto che con la democrazia digitale le organizzazioni politiche e sociali attuali saranno destrutturate, alcune addirittura scompariranno. Ci spiega meglio cosa intende?

Casaleggio: Saranno sostituite. La parola “democrazia digitale” è molto più ampia del concetto di democrazia diretta. Ed è la democrazia diretta che si sta imponendo. Si sta imponendo in modo diverso da quello del paese, ma ha già portato alla ribalta le istanze di moltissime persone che prima non partecipavano alla vita politica. Parlo degli indignados, occupy wall street e in Italia il MoVimento 5 Stelle. Democrazia diretta vuol dire portare, spostare verso il cittadino il peso delle decisioni, della partecipazione e quindi sostituire l’attuale delega, che è una delega in bianco, al parlamento. Quindi è l’irruzione del cittadino nella vita politica, il cittadino diventa un politico in prima persona. I tempi in cui questo si realizzerà non si possono sapere, nessuno può dirlo, ma credo che sia ineluttabile.

 

WEB Democrazia: un processo che si sta svolgendo e che coinvolge in modo crescente non solo l’Italia. Che riguarda il mondo occidentale in primis ma a seguire si trasmetterà, in tempi non lunghi, a macchia d’olio, nell’intero pianeta. Un processo dai ritmi intensi. Non saranno brevissimi, ma averranno anche esplosioni improvvise, cui potranno far seguito alcune fasi di stop o parziale retrocessione. Intuibile che non potrà essere fermato: ineluttabile come dice Casaleggio,

L’elemento critico che sembra determinare la velocità e la riuscita del processo sembra di potersi individuare nella necessità di una diffusione culturale, di una sensibilità sociale dal livello nettamente più alto dell’attuale. Una partecipazione che deve essere incoraggiata perché le decisioni della democrazia digitale divengano sempre più efficaci. Perché la demagogia veda ridotte le capacità di condizionare e indirizzare il consenso; ancora notevoli oggi.

Non sarà quindi un percorso facile, automatico. Anzi, non solo in Italia,  saranno diffuse le tendenze a frenare. Banalizzare l’istruzione, ridurla nei contenuti al piano puramente utilitaristico-tecnico. Incentivare la funzione circense (ludica) di media e impiego di attività non lavorativa; scoraggiare o contrastare la diffusione dei dati, la trasparenza. Una azione di contrasto destinata ad essere perdente nel lungo periodo ma che può recare danni molto gravi alla società e al paese.

Tag: ,

  1. #1 scritto da saccavini il 15 settembre 2013 09:29

    Proprio ieri dal sito del Movimento Cinque Stelle viene la pubblicazione (e lo streaming) dell’intervento di Casaleggio al Forum Ambrosetti di Cernobbio, tenutosi la settimana scorsa.
    Un intervento preparato, rivolto ad un insieme di economisti e politici, di pensatori anche internazionali, che ha avuto per tema la democrazia oggi dove sta andando.
    All’intervento, che ha avuto comprensibile interesse ed attenzione generale, crediamo sia appropriato dare questo titolo:

    DEMOCRAZIA OGGI – DOVE STA ANDANDO

    Città Ideale lo ha organizzato e ripartito per capitoli, lo commenterà e andrà ad arricchire il tema che ci siamo proposti: appunto la Web Democrazia.
    Per il lettore interessato allo streaming:

    http://www.beppegrillo.it/2013/09/lintervento_di_casaleggio_a_cernobbio_video.html

    Città Ideale invita alla lettura e all’ascolto: si sta parlando di un tema fondamentale.
    L’organizzazione umana del pianeta e le sue tendenze.

    RE Q

I Commenti sono chiusi.


SetPageWidth